Cerca

cedolare secca - blogaffitto.it

Le 8 cose da sapere sul mercato dell’affitto nel 2016

Canoni di affitto a due velocità tra nord e sud. Va forte l’abbinamento tra cedolare secca e canone concordato. In aumento chi si trasferisce per lavoro.

 

Quali novità nel mercato dell’affitto nel 2016? Grazie al “Report sul mercato delle locazioni” di Solo Affitti di quest’anno, appena uscito, vediamo insieme gli 8 elementi di maggiore interesse che hanno caratterizzato gli affitti residenziali nelle città capoluogo di regione. Un sguardo di sintesi per comprendere cosa sta accadendo su un mercato come quello dell’affitto, che da solo vale oltre un milione e mezzo di contratti di locazione ogni anno.

Leggi tutto

Opzione cedolare per contratto uso foresteria: facciamo chiarezza

Un supporto nel caos interpretativo

Ultimamente molto è stato scritto sulla possibilità per il locatore persona fisica di optare per il regime della cedolare secca in caso di immobile concesso in locazione ad un’impresa per l’uso abitativo dei suoi dipendenti.

In particolare, la notizia che più frequentemente si legge è che “finalmente è possibile optare per cedolare in caso di contratto a uso foresteria” ma, nonostante un’informazione del genere parta da presupposti reali, il risultato è che spesso si generi una certa confusione in chi legge: se è vero che finalmente è possibile farlo, perché all’Agenzia delle Entrate continuano a dire il contrario? E’ una notizia fondata o no?

L’obiettivo di questo articolo è fare un po’ di chiarezza e ricostruire lo scenario in merito, cercando di fornire una risposta utile a chi si stia ponendo la fatidica domanda: “opto o non opto?”.

Leggi tutto

Proroga del contratto in cedolare secca, allarme rosso!

Le insidie nascoste nella proroga di un contratto in cedolare secca

Il regime fiscale della cedolare secca ha festeggiato da poco il quinto anno di vita e l’esperienza applicativa ci consente di definirne non solo le opportunità in termini di vantaggio, ma anche alcune criticità operative.

Una, in particolare, sembra essere la principale trappola per i locatori, soprattutto per quelli “fai da te” poco abituati alle scadenze e agli adempimenti previsti per chi mette a reddito il proprio immobile: la proroga di un contratto soggetto a tale regime.

Se infatti la scelta della cedolare porta a una grande semplificazione degli adempimenti, consentendo di bypassare quello del versamento delle annualità successive, è concreto il rischio che il “rilassamento” derivante da questo snellimento si trasformi in un boomerang. Questa considerazione nasce come sempre da un dato reale: il grande numero di segnalazioni di locatori “in difficoltà” che abbiamo ricevuto.

Leggi tutto

Nel 2015 cresce la cedolare secca sugli affitti, +17,9%.

La cedolare secca funziona bene ed è diventata, nel giro di pochi anni, il regime fiscale preferito dai proprietari italiani. Dopo i recenti dati registrati dal report Solo Affitti sulla locazione nel 2015, che testimoniano il sorpasso della cedolare secca rispetto al regime tradizionale Irpef, arrivano anche quelli del Ministero dell’Economia e delle Finanza che pubblica il documento sulle entrate tributarie riferito allo scorso anno.

Leggi tutto

Fisco immobiliare, la riduzione IMU/TASI del 25% assicura una redditività senza precedenti all’affitto a canone concordato

Affittare la propria seconda casa assicura un bel guadagno, ma la vera soddisfazione è sapere di poterci pagare anche poche tasse sopra. Questo desiderio, condiviso da tanti italiani, si sta via via realizzando. La cedolare secca al 10% sui contratti a canone concordato e la riduzione per il 2016 dell’IMU/TASI sugli immobili locati con questa tipologia contrattuale rendono l’affitto convenzionato una forma di investimento interessante e di tutto vantaggio per quanto riguarda la fiscalità.

Leggi tutto

4 ragioni per introdurre cedolare secca e canone concordato anche per l’affitto dei negozi

Ripresa. Se ne parla tanto, ma senza un nuovo slancio dei consumi interni, l’export da solo non basta. Serve ridare movimento agli affari delle imprese sul territorio, così come serve riaprire le tante botteghe e le moltissime attività commerciali dei nostri centri urbani. Per stimolare il commercio e il rifiorire dei negozi di vicinato una soluzione ci sarebbe: riproporre i positivi esperimenti fatti nel campo dell’affitto residenziale, ovvero cedolare secca e canone concordato, anche sul settore commerciale. Vediamo i possibili vantaggi di questa operazione.

Leggi tutto

Milano, nuovo accordo territoriale: nonostante la cedolare al 10% sul concordato, spesso conviene ancora il contratto libero

Spese per la casa, costa meno stare in affitto a canone concordato che in una casa di proprietà con il mutuo

Convertire le abitudini, anche fiscali, degli italiani è sempre molto difficile. La cedolare secca, per chi mette in affitto il proprio immobile, ce l’ha fatta. Ovunque, anche se non sempre associata ad una locazione a canone concordato. L’aliquota del 10% ancora non ha fatto breccia nelle città con l’accordo territoriale più vecchio. Ma, nonostante il recente rinnovo a Milano, neanche qui è sempre la soluzione giusta: vediamo quando è più conveniente e quali valutazioni emergono dall’analisi Solo Affitti.

Leggi tutto

Comuni in stato di emergenza e cedolare secca al 10%: approfondiamo.

Approfittiamo della richiesta di una lettrice per affrontare in profondità, partendo dal caso specifico, un argomento di interesse diffuso sul quale forse non è ancora stata fatta la chiarezza necessaria, pur essendo l’Italia una Repubblica attualmente fondata sul dissesto idrogeologico: l'agevolazione concessa ai locatori di immobili situati in Comuni oggetto negli ultimi anni di calamità naturali.

Leggi tutto

Milano: il nuovo accordo territoriale per calcolare il canone concordato. Scopriamo come funziona e i valori previsti!

Finalmente, dopo aver da tempo segnalato e ripetuto che in una città come Milano, dove sono in tanti a scegliere l'affitto o a dover prendere un immobile in locazione considerando la condizione di studente o trasfertista, era ormai indispensabile procedere con il rinnovo dell'accordo territoriale. Lo stesso era fermo al 1999, in lire e con valori lontanissimi da quelli che vengono richiesti nella realtà del mercato libero. Proviamo a capire, quindi, se il nuovo accordo, appena siglato, ha rimesso a posto la situazione; offrendo di fatto ai proprietari l'occasione di sfruttare le agevolazioni previste peri contratti a canone concordato e agli inquilini di poter spuntare canoni più bassi e ci auguriamo più sostenibili.

 

Leggi tutto

3 luoghi comuni sull’affitto da sfatare: il mercato della locazione spiegato in breve

L'immobiliare è uno di quei settori in cui tutti sanno sempre tutto: chi non ha un vicino di casa, un amico o un parente che deve comprare casa, che sta cercando in affitto, che "lo so bene come funzionano le cose". L'affitto non è immune dalla chiacchiera da bar: proprio come la Nazionale, che ha milioni di allenatori, anche per la locazione tutti sono agenti immobiliari, proprietari o inquilini. Tre semplici infografiche ci aiutano a sfatare alcuni luoghi comuni sull'affitto oggi.

 

Leggi tutto

Cedolare secca, si può applicare anche quando l’inquilino è una Srl.

Le normative legate alla fiscalità immobiliare non sempre sono di facile interpretazione, e anche per gli addetti ai lavori a volte può essere utile ribadire le prassi più corrette da seguire. Come nel caso della recente sentenza della Commissione tributaria provinciale di Milano, che ha confermato l'ammissione della cedolare secca anche nel caso l'inquilino non sia una persona fisica ma una Srl, in barba all'interpretazione dell'Agenzia delle Entrate.

Leggi tutto

Quanto e quando conviene la cedolare secca? Una guida per punti per una scelta consapevole.

Siamo nel periodo caldo delle dichiarazione dei redditi e oggi più che mai i proprietari di immobili concessi in affitto si fanno i conti in tasca e cercano di capire esattamente quanto peserà, in termini di tasse, il loro investimento (bene concesso in locazione) e se la scelta relativa al regime fiscale, IRPEF o cedolare secca, sia la scelta giusta. E se non fosse così, se la scelta non fosse quella giusta, posso ancora cambiare idea?

Leggi tutto

Cedolare secca, sono sempre di più i proprietari a basso reddito a sceglierla per l’affitto

Che la crescita della cedolare secca e del numero di contratti di affitto in Italia siano fenomeni tra loro correlati è ormai chiaro. La cedolare, unitamente alla crisi delle compravendite, incentiva sempre più proprietari a scegliere l'affitto, così come i proprietari che scelgono di affittare la propria seconda casa quasi lo fanno con l'opzione per la cedolare secca su quel reddito. Uno studio del Sole 24 Ore evidenzia come, se la cedolare aveva subito fatto breccia tra i proprietari più facoltosi, sempre più risulti essere la soluzione fiscale preferita anche dai proprietari con fascia di reddito inferiore.

 

Leggi tutto

Cedolare secca, i canoni concordati tornano a pagare il 15%.

Marcia indietro del Governo sul provvedimento contenuto nel Piano Casa che riduceva la cedolare secca dal 15 al 10% per i contratti a canone concordato nel trimestre 2014-2016. Con il D.L. 31 marzo 2015, n. 51 il periodo di sconto dell'aliquota cedolare si riduce di un anno, terminando a fine 2015 a causa della mancanza di coperture finanziarie.

Leggi tutto

Affitti, nella dichiarazione precompilata i canoni sono già inclusi.

Il Decreto Semplificazioni ha recentemente introdotto in via sperimentale la dichiarazione dei redditi precompilata per i titolari di redditi da lavoro dipendente. La maggior parte dei dati relativi agli oneri che confluiranno nel 730 sono stati trasmessi da fonti esterne, come banche, assicurazioni ed enti previdenziali. Fra questi sono compresi anche i canoni di affitto degli immobili percepiti nel 2014.

Leggi tutto

Affitti ancora in crescita nel 2014. Alla base la crisi delle compravendite, ma non solo

Numeri record per l'affitto nel 2014: contratti di locazione stipulati hanno segnato un +6,09% rispetto all'anno precedente secondo FIAIP. L'origine è certamente da ricercare nella crisi delle compravendite. Finché le banche non riapriranno i rubinetti dei mutui in maniera decisa (ma lo faranno?) e le compravendite residenziali rimarranno sui livelli attuali, l'affitto rimarrà la soluzione per molte famiglie che, in altri periodi, avrebbero scelto di acquistare casa. Ma è questa l'unica ragione per il sempre più massiccio ricorso all'affitto nel nostro paese?

 

Leggi tutto

Uso foresteria, no delle Entrate alla cedolare secca.

Niente cedolare secca per i contratti ad uso foresteria. Il parere è quello dell'Agenzia delle Entrate, che nega il principio espresso dalla Commissione tributaria provinciale di Reggio Emilia con la sentenza n. 470/03/14.

Leggi tutto

Contratto con cedolare secca a partire dal terzo anno: si deve rinunciare anche al precedente aggiornamento istat?

L'opzione per il regime facoltativo della cedolare secca può essere espressa non solo in sede di registrazione di un nuovo contratto d'affitto, ma anche nelle annualità successive, durante il corso del contratto pluriennale. Poiché la scelta della cedolare secca implica, per il proprietario, la rinuncia alla richiesta di aggiornamento del canone, il dubbio che sorge è se tale rinuncia si applica anche agli aggiornamenti precedentemente maturati e richiesti o se il canone da cui partire è l'ultimo corrisposto, ovvero comprensivo di aggiornamento.

Leggi tutto

Il 2014 dell'affitto in Italia in 10 cifre. L'analisi lunga un anno di un mercato in crescita

Finisce il 2014. Noi di Blogaffitto vogliamo concludere questi 365 giorni di osservatorio del mondo dell'affitto con una statistica lunga un anno. 

 

Leggi tutto

La top five di Blog Affitto: un anno di ricerche immobiliari.

Mentre Google Trends stila la classifica delle parole più ricercate dagli italiani su Google nel 2014, anche noi di Blog Affitto ci siamo divertiti a verificare quali sono state le keyword più cliccate sul blog, puntando la nostra personale lente di ingrandimento sul mondo immobiliare. Riuscite a indovinare quale si trova al primo posto?

Leggi tutto

Cedolare secca, storia a tappe del regime fiscale preferito da chi ha un immobile in affitto

Ne ha fatta di strada, da quando è partita. Secondo quanto rileva l'Ufficio Studi del franchising immobiliare Solo Affitti, nelle grandi città la cedolare secca è passata dal venire scelta per poco più del 50% dei contratti di locazione a ben l'85% dei casi nel 2014. Una convenienza fiscale evidente, quella della cedolare rispetto al regime Irpef, che ha permesso di convincere sempre più proprietari ad affittare il proprio immobile. Assolvendo in questo modo, indirettamente, un'importante funzione sociale: dare risposta alle esigenze abitative delle sempre più numerose famiglie che non hanno accesso al mutuo per comprare casa.

Leggi tutto

Cedolare secca, con l’aliquota al 10% per i contratti agevolati il 2014 è un anno da record

È l'analisi dell'Ufficio Studi Solo Affitti ad evidenziarlo. Per gli affitti, il 2014 è stato l'anno della cedolare secca, regime fiscale sempre più conosciuto e apprezzato da chi ha un immobile da affittare. Perché è semplice e consente di calcolare facilmente le imposte dovute sui redditi da locazione. Ma anche perché permette un notevole risparmio rispetto al regime Irpef. Ancora maggiore da quando l'aliquota fiscale per i contratti a canone concordato e per quelli a studenti universitari è stata portata al 10%. Agevolazioni fiscali e diffusione cedolare secca: una correlazione dimostrata dal fatto che proprio nei Comuni con accordo territoriale più aggiornato si registrano i picchi maggiori nel ricorso alla cedolare.

 

Leggi tutto

La cedolare secca è applicabile anche ai contratti di affitto uso foresteria.

Gli immobili in affitto a uso foresteria possono usufruire del regime fiscale della cedolare secca? La risposta dell'Agenzia delle Entrate finora è stata negativa, ma una recente sentenza riconosce la possibilità di optare per il regime secco anche quando l'inquilino dell'immobile non è una persona fisica, ma un'impresa.

Leggi tutto

Dallo Sblocca-Italia incentivi Imu se il proprietario affitta a canone ridotto.

Il decreto Sblocca-Italia introduce nuove indicazioni per agevolazioni fiscali riguardanti l'Imu: il proprietario che abbassa il canone di affitto in accordo con l'inquilino, se in regime di cedolare secca, potrebbe vedersi ridotta l'aliquota dell'Imposta Municipale Unica dal Comune.

Leggi tutto

Affitti brevi, la proposta del MoVimento 5 Stelle contro il sommerso e la concorrenza sleale.

Potrebbero cambiare le norme che regolano gli affitti brevi, se venisse accolta la proposta del Movimento 5 Stelle la quale prevede che siano gli enti e/o i siti che fanno da intermediari a fare da sostituti d'imposta, riscuotendola e versandola direttamente allo Stato al momento della transazione.

Leggi tutto

Affitti, possibile versare il canone anche sulla prepagata.

Nuove risposte dall'Agenzia delle Entrate, che pubblica le ultime Faq tutte incentrate sulla locazione: vengono chiariti in particolare alcuni aspetti a proposito dell'applicabilità della cedolare secca e sulle modalità di versamento dei canoni. Un utile riepilogo per chi non conosce appieno la normativa sugli affitti.

Leggi tutto

4 buoni motivi per mettere a reddito il proprio immobile con l’affitto

Ai tempi dell'IMU, e ora anche della TASI e della TARI, la seconda casa viene piuttosto di frequente percepita come un costo, piuttosto che come un bene che produca reddito. La rendita catastale fa venire in mente le tasse da pagare sulla seconda casa che ho a disposizione ma nella quale non abito, anziché il reddito che potrei ricavarne. Vediamo insieme un'analisi dei rendimenti da locazione degli ultimi anni. E scopriamo quattro ragioni per preferire l'affitto quale forma di investimento immobiliare.

Leggi tutto

Canoni concordati fermi da anni? Niente vantaggi fiscali per proprietari e inquilini.

Il Piano Casa (Dl 47/2014), convertito nella Legge 23 maggio 2014 n. 80, ha tagliato la cedolare secca al 10% in caso di contratto di affitto a canone concordato, almeno per gli anni dal 2014 al 2017. Dai dati contenuti nell'ultimo report del network Solo Affitti redatto in collaborazione con Nomisma, emerge come il ricorso alla cedolare secca risulti sempre e comunque vantaggioso; per questo il regime secco, inizialmente entrato in sordina nel panorama della fiscalità sul mattone, sta riscontrando un successo crescente, tale da aver raggiunto l'80% delle preferenze.

Leggi tutto

Dl Casa, dalla cedolare secca agli sgravi per l'affitto, ecco il piano per rilanciare l'immobiliare, presto legge.

Nell'iter di conversione del Dl Casa, il Senato ha approvato il testo passato ora alla Camera con alcune modifiche che riscrivono le agevolazioni per il mercato immobiliare. Fra le altre, viene cancellato il vincolo alla spese di ristrutturazioni per il bonus mobili, estesa la cedolare secca al 10% per i comuni colpiti da calamità naturali, e reinserito l'emendamento che risolve la situazione degli inquilini che hanno denunciato il nero.

Leggi tutto

Piano Casa, stop agli sgravi sugli affitti e al bonus mobili.

La commissione Bilancio del Senato ha dato lo stop ad alcune misure che erano state inserite all'interno del Dl Casa dalla valutazione positiva della precedente commissione: fra queste anche la norma che prevede sgravi per gli affitti e quella sul bonus mobili. E intanto parte la corsa contro il tempo, per salvare quello che resta del Piano Casa.

Leggi tutto

Affitti, arriva l’Imu al 4 per mille per il canone concordato e la sanatoria per gli inquilini che hanno denunciato il nero.

Introduzione di un'aliquota agevolata al 4 per mille per gli affitti a canone concordato e sanatoria per gli inquilini che hanno denunciato l'affitto in nero, secondo quanto previsto nel Dl 23/2011. Sono alcune delle modifiche proposte e approvate dalle commissioni Lavori Pubblici e Ambiente del Senato in merito al Dl Casa, in corso di conversione in legge.

Leggi tutto

Cedolare secca ridotta per tutti e tetto sull'Imu per affitti calmierati, le proposte integrative al Piano Casa.

Il Piano Casa ha iniziato il suo iter parlamentare verso la conversione in legge, ma da diverse parti arrivano richieste per una svolta maggiormente significativa che riesca a rilanciare il settore immobiliare. Fra le proposte di Fiaip e Confedilizia, l'estensione dell'aliquota agevolata della cedolare secca a tutti i Comuni e il tetto del 4 per mille all'Imu per gli immobili in affitto calmierato.

Leggi tutto

Irpef o cedolare secca: cosa conviene? Facciamo un esempio.

Dopo aver provato a calcolare un esempio di canone concordato, prendendo come modello un preciso immobile ed uno specifico accordo territoriale, proviamo ora a fare un po' i calcoli in tasca e fare un po' di esempi sul guadagno che il nostro lettore potrebbe ricavare a seconda della tipologia di contratto stipulato e soprattutto del regime fiscale che decide di applicare al reddito da locazione.

Leggi tutto

Cedolare secca al 10%: l’affitto è diventato l’investimento fiscalmente più conveniente

L'investimento nel mattone va male? Il fisco è il nemico n° 1 dei proprietari di casa? Il "Piano Casa" del Ministro Lupi, recentemente varato dal Governo, segna una svolta in questo senso. Il reddito da affitto gode dal 2014 di un'aliquota fiscale ridottissima per i contratti a canone concordato, pari al 10%. Regime fiscale, quello per il canone agevolato, più conveniente persino di quello riservato ai titoli di Stato. La locazione a canone concordato è oramai la tipologia di reddito meno tassata in Italia e, visto il basso rischio e l'interessante rendimento generato, risulta oggi più che mai una forma di investimento sicura e redditizia.

Leggi tutto

Cedolare secca ridotta, edilizia sociale e ampliamento dell'offerta di alloggi popolari: entra in vigore il Piano Casa.

E' stato finalmente pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Piano Casa, il provvedimento urgente ideato dal Governo per affrontare l'emergenza abitativa. Fra le misure entrate immediatamente in vigore, la riduzione della cedolare secca al 10% per i contratti d'affitto a canone concordato e lo sviluppo dell'edilizia residenziale sociale.

Leggi tutto

Affitti in nero, niente risposte fino al 15 aprile.

Nel corso di un'interpellanza urgente, seguita alla sentenza della Corte Costituzionale che ha dichiarato illegittimi i canoni ridotti al minimo per quei proprietari denunciati dagli inquilini perché non avevano registrato il contratto d'affitto, il Governo chiarisce: provvedimenti non prima del 15 aprile, perché ora mancano dati certi.

Leggi tutto

Quali conseguenze dopo la sentenza che boccia le sanzioni contro gli affitti in nero?

La Corte Costituzionale ha dichiarato l'illegittimità costituzionale della parte normativa che istituiva una sanzione per i proprietari di case in affitto in caso di mancata registrazione di un contratto di locazione o di indicazione nel contratto di un importo inferiore a quello reale. Quali saranno le conseguenze della sentenza?

Leggi tutto

DL cedolare secca, bocciate le sanzioni contro i proprietari che affittano in nero.

Come incoraggiare l'emersione del nero nel mercato degli affitti? Il D.L. 23/2011 che istituiva la cedolare secca prevedeva, per l'inquilino che avesse denunciato il proprietario colpevole di aver affittato l'abitazione in nero, un canone super scontato; ora la sanzione è stata giudicata illegittima dalla Corte Costituzionale.

Leggi tutto

Approvato il Piano Casa, la mini-rivoluzione del mattone.

Il decreto contenente il Piano Casa è stato approvato dal Consiglio dei Ministri riunitosi ieri, che dà così il via a una sorta di rivoluzione nel settore casa, con interventi per 1,74 miliardi di euro. Novità che coinvolgono in prima istanza gli affitti concordati, l'edilizia sociale e gli alloggi popolari.

Leggi tutto

Contratti di affitto: nel 2013 crescita record. E se la cedolare secca passa al 10%...

La crisi delle compravendite non poteva che avere come effetto naturale una spinta del mercato degli affitti. E il Report Immobiliare Urbano FIAIP lo ha certificato: nel 2013 il numero di contratti di affitto residenziali in Italia è cresciuto del +6,68%. E non è un caso isolato: questo record fa seguito a 5 anni di incremento costante. Mercoledì il Consiglio dei Ministri dovrebbe approvare il Piano Casa Bis del Ministro Lupi: secondo indiscrezioni, il provvedimento dovrebbe contenere l'abbassamento della cedolare secca per l'affitto a canone concordato dal 15% al 10%. Prevedibili le ricadute positive, in un mercato che già gode di ottima salute.

 

Leggi tutto

Tutti gli scontrini per le spese di casa detraibili dalle tasse.

Prende il via come ogni anno l'appuntamento dei contribuenti italiani con la dichiarazione dei redditi. Fra le novità 2014, oltre alla cedolare secca che prevede un'aliquota agevolata al 15% per i canoni concordati, ci sono anche una serie di bonus fiscali dedicati a chi ha affrontato nel 2013 spese per la casa. Vediamoli.

Leggi tutto

Cedolare secca sul reddito degli affitti turistici: applicabile o no?

Ci stiamo avvicinando, con sorprendente velocità visto il sole che ci ha accompagnati per tutto l'inverno (finora), alla stagione turistica estiva, quella italiana per eccellenza. Proprietari di seconde case, nelle numerose località turistiche, iniziano a pensare a come mettere a reddito il proprio investimento. L'affitto in questo periodo sembra un'ottima soluzione. Ma come tassare i redditi derivanti da tali guadagni? Il regime alternativo di cedolare secca, spesso più conveniente dell'irpef, è applicabile anche in questi casi?

Leggi tutto

Piano casa bis, come ti rilancio l'immobiliare.

Si torna finalmente a parlare di Piano casa su iniziativa di Maurizio Lupi, riconfermato nella carica di ministro delle Infrastrutture. Il piano bis prevede bonus per le ristrutturazioni, rifinanziamento dei fondi su affitti per morosità incolpevole e cedolare secca al 10%.

Leggi tutto

Opzione cedolare secca per un contratto in corso: come e quando?

Abbiamo sempre parlato, nel momento della stipula di un nuovo contratto ad uso abitativo, del fatto che il proprietario possa fare una libera scelta (dettata dalla convenienza) su come tassare il reddito che deriva dai canoni d'affitto: tra il classico regime Irpef e quello della cedolare secca. Ma per chi ha già un contratto in essere e vuole cambiare regime fiscale, quali obblighi deve rispettare? Ci sono delle tempistiche da rispettare?

Leggi tutto

730/2014, ecco le novità per proprietari e inquilini.

Il modello 730/2014, approvato dall'Agenzia delle Entrate con un provvedimento del 15 gennaio scorso, presenta quest'anno alcune importanti novità anche per chi ha una casa in affitto. Fra queste ricordiamo le detrazioni delle spese relative ad interventi di ristrutturazione, la riduzione dell'aliquota per la cedolare secca e quella forfettaria del canone soggetto a tassazione ordinaria.

Leggi tutto

Affitti, arriva il modello RLI che semplifica la registrazione dei contratti.

D'ora in poi sarà più semplice registrare i contratti d'affitto: l'Agenzia delle Entrate ha approvato il nuovo modello RLI, che consentirà la registrazione online dei contratti di locazione, nonché l'adempimento telematico di tutti gli altri obblighi legati all'affitto.

Leggi tutto

2014, tutte le novità fiscali per la casa.

Se il 2012 è stato l'anno dell'Imu e il 2013 quello delle riforme, in particolar modo per ciò che riguarda la tassazione immobiliare, il 2014 sarà l'anno in cui queste nuove tasse faranno la loro prima apparizione. Vediamo allora quali sono le novità fiscali che ci attendono nei prossimi mesi.

Leggi tutto

Irpef, l’alter ego della cedolare! Come, quanto e quando versare se si sceglie di optare ancora per il regime Irpef?

Oramai sono sempre di più i proprietari italiani che, dopo oltre due anni dall'entrata in vigore, preferiscono optare per la cedolare secca, abbandonando la vecchia tassazione Irpef con cui fino a quel momento avevano tassato i redditi derivanti dall'affitto.
Infatti, specifichiamo che la cedolare secca è un regime impositivo alternativo all'Irpef e facoltativo. Facoltativo, in realtà, ma solo per i contratti ad uso abitativo stipulati tra privati. Quindi per chi, nonostante la convenienza della cedolare, decide di rimanere in regime Irpef e per tutti quelli che non hanno alternative, proviamo a fare i conti per capire quali cifre dichiarare, eventuali obblighi e riduzioni.

Leggi tutto

Imposta di registro: va pagata sempre l’intera annualità anche se nel frattempo è stata inviata una disdetta?

I contratti d'affitto, al di là delle scadenze previste, prevedono la possibilità per l'inquilino, qualora ricorrano gravi motivi, di disdire in qualsiasi momento il contratto. Per questo ci si potrebbe ritrovare a dover procedere con il rinnovo della registrazione annuale ma sapendo già che il contratto in realtà non verrà rinnovato. In questo caso come comportarsi? Bisogna pagare l'intera somma dovuta o versare solo una quota per il periodo residuo di cui si usufruirà?

Leggi tutto

Decreto Lupi, da qui riparte il mercato degli affitti.

Sono circa undici gli articoli contenuti nel decreto Lupi per rilanciare il mercato degli affitti. Fra le norme di maggior impatto, la cedolare al 10%, un piano di dismissione degli alloggi sociali e le detrazioni Irpef pressochè triplicate. Resta in sospeso, come sempre, il nodo coperture.

Leggi tutto

Contratti concordati al 15%, vola la cedolare secca

Sono ormai circa i due terzi del totale dei proprietari di immobili in affitto, quelli che preferiscono assoggettare i redditi da locazione percepiti alla cedolare secca, rispetto all'aliquota marginale IRPEF del proprio scaglione di riferimento. E, secondo quanto emerge da uno studio del franchising Solo Affitti, la nuova aliquota agevolata del 15% per i contratti di locazione a canone concordato, è destinata a far crescere ancora di più nel 2014 il numero di locatori che decideranno di abbandonare l'Irpef per passare all'aliquota fissa.

Leggi tutto

Emergenza abitativa, le prossime mosse del Governo.

Due sono i fronti su cui il governo si impegna a combattere per rilanciare il settore immobiliare e cercare di risolvere l'emergenza abitativa: quello dei mutui e quello degli affitti. Le maggiori novità si concentrano proprio sul fronte locazione: dalla cedolare secca a un fondo di garanzia per mettere a disposizione le case sfitte, tutte le ipotesi del Piano Casa.

Leggi tutto

Il Dl Imu è legge, ecco le novità per la casa.

Diventa legge il dl Imu, approvato ieri dal Senato senza modifiche rispetto al testo arrivato dalla Camera. Oltre all'abolizione della prima rata Imu sull'abitazione principale, il decreto allarga lo status di prima casa alle case popolari, alle abitazioni delle cooperative edilizie, ai terreni agricoli e i fabbricati rurali, all'invenduto delle imprese costruttrici.

Leggi tutto

Cedolare secca: obbligatoria per tutti i contratti dello stesso proprietario?

Il regime alternativo con cui i proprietari possono tassare i redditi percepiti dall'affitto mensile risulta sempre più convenientee quindi suscita sempre più interesse. La domanda di questo nostro lettore è quella che spesso il proprietario di più immobili o di più contratti per lo stesso appartamento si fa: la scelta della cedolare su di un immobile o su un contratto mi vincola per gli altri immobili o le altre porzioni di esso?

Leggi tutto

Piano casa, le novità introdotte dalla Legge di Stabilità.

Mentre la Legge di Stabilità resta in attesa del voto definitivo del Senato previsto per il 23 ottobre, riepiloghiamo tutti i punti del piano casa contenuti nella manovra.

Leggi tutto

Imu, case di lusso e cedolare secca: tutti gli emendamenti al vaglio della Camera.

Partenza a pieno regime per l'esecutivo, che come prima tappa si ritrova la grana del Dl Imu, al quale sono stati allegati la bellezza di 454 emendamenti. Fra questi, il ripristino dell'Imu sulle prime case di lusso, il cambio di aliquote della cedolare secca e doppie detrazioni al posto dell'abrogazione della prima rata.

Leggi tutto

Contratto transitorio o per studenti universitari fuori sede?

È questo il quesito principale che ci pongono in questi giorni proprietari e studenti /inquilini che stanno firmando i contratti d'affitto. Dal punto di vista del proprietario il quesito principale è: con quale tipo di contratto potrò usufruire delle agevolazioni fiscali? E per lo studente/inquilino la preoccupazione principale è di avere un contratto regolare, con poca spesa e molta resa.

Leggi tutto

Aumentano le imposte di registro, cedolare sempre più conveniente.

La cedolare secca non è mai stata così conveniente. Dopo la riduzione dell'aliquota al 15% per i contratti concordati, ecco un altro motivo per sceglierla come regime fiscale: l'aumento dell'imposta di registro dei contratti d'affitto, che non si paga in caso di scelta della cedolare.

Leggi tutto

Cedolare secca dal 19% al 15%, cosa cambia per i contratti agevolati

Con il recente Decreto Legge 31 agosto 2013, n. 102 il Governo ha provveduto a correggere una criticità della tassazione sugli affitti emersa a seguito dell'introduzione della cedolare secca. Se prima, per la tassazione piatta sugli affitti, le aliquote molto ravvicinate tra canone libero (21%) e canone concordato (19%) rendevano univocamente conveniente rivolgersi ai canoni al libero mercato, con l'abbassamento dell'aliquota dal 19% al 15% per i contratti agevolati sottoposti a cedolare secca l'uso dei contratti a canone concordato può tornare ad essere la scelta più conveniente. Vediamo dove, quando e per chi.

Leggi tutto

Studenti, la carica degli affitti irregolari.

Un'indagine promossa da Contribuenti.it dipinge un quadro a tinte fosche sul mondo degli studenti universitari fuori sede: solo il 29% di essi avrebbe stipulato un regolare contratto d'affitto nel 2013. Un dato che pone l'Italia in cima alla classifica europea dei Paesi evasori, con cifre cinque volte superiori a quelle di Francia e Germania. Eppure, le agevolazioni per chi stipula questo tipo di contratto ci sono. Vediamole.

Leggi tutto

Piano casa e tassazione immobiliare, tutte le misure del Governo.

Abolizione dell'Imu, introduzione della Taser e sostegno agli affitti: questi i punti principali del piano approvato ieri dal Consiglio dei Ministri. Che rinvia il dettaglio delle misure al decreto che accompagnerà la Legge di Stabilità del 15 ottobre prossimo.

Leggi tutto

Tre proposte per rilanciare gli affitti.

Mentre il Paese si chiede che ne sarà dell'Imu (e del Governo), l'esecutivo sta lavorando a una serie di modifiche per rilanciare gli affitti. Oltre alla riformulazione della tassa sulla casa, due sono le proposte al vaglio: il ripristino della deduzione Irpef pre Fornero e la rimodulazione in chiave semplificata della cedolare secca.

Leggi tutto

Cedolare secca, opzione preferita da chi affitta più immobili

L'analisi di recente effettuata dal Ministero dell'Economia e delle Finanze conferma che un regime impositivo come la cedolare secca è fondamentale se si vuole attrarre verso l'affitto i proprietari di più unità immobiliari. In assenza della flat tax sulle locazioni, la loro scelta rischierebbe di spostarsi sul guadagno da realizzo: meno immobili disponibili in affitto sul mercato, prezzi più alti per gli inquilini. In epoca di riflessione sulla fiscalità del settore immobiliare la domanda è: quale politica abitativa potrebbe prescindere dalla cedolare secca sugli affitti, oggi?

Leggi tutto

La rivincita della cedolare secca.

Il 32% dei contratti d'affitto nel 2012 è stato registrato con la formula della cedolare, un incremento dell'11% rispetto al 2011, anno dell'introduzione del regime fiscale "secco". Sono queste le cifre rese note dal Ministero dell'Economia e delle Finanze, interrogato circa la bontà dell'imposta a due anni dal suo avvio.

Leggi tutto

Tasse, casa e rumors immobiliari.

Mentre i ministri si ritiravano nell'abbazia di Spineto per conoscersi e programmare la futura strategia di governo, sui media si rincorrevano rumors e ipotesi sulle prossime mosse decisive per risolvere l'impasse del mercato immobiliare. Vediamo quali.

Leggi tutto

Sfratti: quali tasse sui canoni non ricevuti?

In prossimità della dichiarazione dei redditi un proprietario ci chiede come deve comportarsi rispetto ai canoni mensili che non ha percepito. Infatti questo proprietario ha in corso una causa di sfratto per morosità per liberare il suo immobile dall'inquilino che non paga regolarmente da mesi. In sostanza, deve pagare le tasse anche su quanto non ha guadagnato?

Leggi tutto

Canoni bassi e cedolare secca: la ricetta anti-crisi parte dagli affitti.

Della serie "Meglio un canone basso oggi, che un inquilino moroso domani": sembra essere questa la ricetta anti-crisi dei proprietari italiani, che preferiscono abbassare il prezzo degli affitti a fronte di una solvenza più sicura. E a giocare un ruolo fondamentale concorre anche la cedolare secca, che sta conquistando sempre più adesioni fra i proprietari.

Leggi tutto

Cedolare secca, si può davvero parlare di flop?

La cedolare secca ha fatto flop: l'allarme è lanciato dalla Cgia di Mestre, che stima in quasi un milione gli affitti non dichiarati, con una perdita per l'Erario che ammonta a 5 miliardi di euro. Ma si può parlare davvero di flop? I dubbi restano tanti, a partire dal fatto che il nero, per definizione, non è quantificabile.

Leggi tutto

Cedolare secca: la guida completa per utilizzarla correttamente - Parte II

Seconda parte della guida completa all'utilizzo corretto della cedolare secca: come richiederla e quali vantaggi fiscali offre ai prorpeitari. E soprattutto, quale risparmio per chi la sceglie?

Leggi tutto

Cedolare secca: la guida completa per utilizzarla correttamente - Parte I

Dopo essere stata messa in ombra dall'entrata in vigore dell'IMU, la Cedolare Secca riconquista le prime pagine, per effetto di una nuova Circolare dell'Agenzia delle Entrate (n.47/E del 21 dicembre) che chiarisce gli ultimi dubbi in materia.

Per chiarirli tutti definitivamente ed avere perfetta padronanza di questa nuovo regime impositivo, vi offriamo una guida semplice, efficace e completa.

Leggi tutto

IMU ormai alle spalle: che fare dal 2013?

Per molti è stato un vero salasso, per chi ha una seconda casa lo è stato ancor di più. Il 2012 segna uno spartiacque per i proprietari di seconde case. La casa vacanze, l'immobile ereditato, l'appartamento sfitto diventano un peso insopportabile per molte famiglie. Che sia il caso di trovare soluzioni alternative per il 2013?

Leggi tutto

Cedolare secca, risparmio garantito

Facile da calcolare, leggera per le tasche del proprietario, equa con il contribuente onesti: la cedolare secca in tre aggettivi. Il nero emerso è sotto le aspettative, ma per i tanti che l'hanno preferita è stata una vera rivoluzione. E il risparmio dal 2013 si moltiplica.

Leggi tutto

Flop della cedolare secca? Questione di punti di vista

Il gettito proveniente dalla cedolare secca risulta essere molto più basso delle aspettative, e sui giornali si parla di flop. Ma non è possibile che fossero le aspettative ad essere troppo alte?

Leggi tutto

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati