Cerca

Affitto vs leasing: pregi e difetti di queste due formule, che nel nuovo anno potrebbero incontrarsi.

by Isabella Tulipano
in Esperto
on Dicembre 28, 2015
Visite: 2265

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il 2016 inizierà per noi con grandi novità sul fronte dell’affitto che potrebbero dare ulteriore slancio al già vivace mercato degli affitti. Se il 2015 era stato l’anno di consacrazione del Rent to buy, ovvero la formula mista tra affitto e compravendita, sembra che il 2016 sarà l’anno invece del leasing immobiliare, quindi di una nuova formula con cui gli italiani potranno sempre acquistare l’immobile, ma pagando una sorta di canone di noleggio. Il Rent to buy ha deluso un po’ le aspettative; forse risulta troppo complesso da stipulare, implica una parte di burocrazia e di spese notarile troppo elevate, considerando che non c’è ancora stata la volontà chiara e definitiva di acquistare l’immobile. Vedremo se il leasing immobiliare incontrerà un maggiore successo e riuscirà a risollevare le sorti del mercato degli acquisti, della tanto agognata prima casa.

Novità dell’ultim’ora e quindi un probabile regalo di Natale sotto l’albero di quanti nel 2016, tra i buoni propositi, hanno quello di acquistare una casa, anzi non una casa qualsiasi, ma la prima casa. Ora, come per l’automobile, la Legge di Stabilità estenderà la possibilità di acquistare anche la prima casa tramite il leasing immobiliare, una modalità che prevede per un certo periodo il versamento di un canone d’affitto e poi, alla scadenza del contratto, il riscatto da parte dell’utilizzatore al prezzo già stabilito ad inizio del contratto. Proprio come siamo abituati ormai da anni a fare con le macchine, dove si parla di una maxi rata finale.


Un sistema che rappresenta una concreta alternativa al mutuo e che vista la difficoltà di erogazione degli stessi da parte degli istituti bancari, può rappresentare una concreta soluzione per rilanciare le vendite, crollate negli ultimi anni.


La formula, che tanto successo e fortuna ha portato al settore automobilistico, verrebbe così applicata a quello immobiliare, sperando che ci siano altrettanti utilizzatori pronti ad acquistare così la casa dei sogni. Una volta stabilito il canone e la durata, se fosse l’utilizzatore (futuro acquirente) a ritirarsi, allora il bene/casa tornerebbe di proprietà del concedente. L’utilizzatore potrà una volta, durante la durata del rapporto, chiedere la sospensione del pagamento del canone per un anno massimo e solo se motivato oggettivamente, come nel caso di perdita del lavoro.


Il vero regalo, poi, è costituito dalle agevolazioni fiscali previste:


• una detrazione fiscale del 19% fino a un massimo di 8mila euro annui, per i giovani sotto i 35 anni con un reddito fino a 55 mila euro;


• una detrazione del 19% per un importo non superiore a 20mila euro sul riscatto finale;


• detrazione dimezzata, ovvero calcolata su un canone massimo di 4mila euro e su una maxi rata finale di 10mila euro per gli over 35enni;


• agevolazioni anche sull’imposta di registro ridotta all’1,5% per gli atti di trasferimento nei confronti di banche ed intermediari che esercitano attività di leasing finanziario di abitazioni non “di lusso” e per gli atti relativi alle cessioni, da parte degli utilizzatori, di contratti di locazione finanziaria relativi a immobili “non di lusso”.


Queste le novità introdotte dalla legge di Stabilità, ci chiediamo ora, cos’è un leasing?
Il leasing è considerato un “contratto atipico”, perché non ci sono specifiche leggi di riferimento, nonostante un business che in Italia muove milioni di euro. Tecnicamente si tratta di una formula mista tra affitto ed operazione finanziaria: un affitto finalizzato ad un riscatto finale, quindi al passaggio di proprietà dal concedente all’utilizzatore.
Ma anche un’operazione finanziaria definita “parabancaria”: c’è una società o intermediario privato, in questo caso, che a fronte del pagamento di un canone cede la possibilità di utilizzare un bene, invece di concedere i soldi per acquistarlo subito.


Cos’è l’affitto?
Qui entriamo nel nostro ambito che conosciamo molto bene: l’affitto o meglio la locazione è regolata da specifiche leggi nazionali e prevede il solo utilizzo del bene, che rimane di proprietà di terzi, dietro il pagamento di un canone spesso mensile; tutte le pattuizioni sono regolate da un contratto registrato.


Quindi la differenza principale è che in caso di leasing, alternativo al mutuo, verso il canone per arrivare poi ad essere proprietario di tale immobile; con la locazione classica pago il canone semplicemente per poter usare e vivere nella casa, senza un passaggio di proprietà.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Vendite di immobili per aziende ancora ferme. Affitto e leasing valide alternative
Le misure sulla casa nel 2016: la manovra di Stabilità adesso è legge.

Presentazione Autore
Isabella Tulipano

Donna, per designazione naturale, accettata con orgoglio e vanto. Mamma, per scelta consapevole: impegnativa quanto appagante. Esperta in questioni tecniche, fiscali, legali sul mondo delle locazioni, per lavoro, ma soprattutto per passione e per deformazione filosofica: l'eccellenza non è un atto, ma un'abitudine.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Simone

    Grazie per questo articolo molto informativo.

    Ho comunque qualche domande.
    Significa che se voglio acquistare una casa via Leasing, sono il propietario del bene dall'inizio? o solo quando ho finito di pagare le rate? C'è la possibilita di continuare a pagare le rete pero affitando il bene a un'altra persona?

  • Salve Simone, con il leasing lei ne è da subito l'utilizzatore, ma il passaggio vero di proprietà arriva alla fine del pagamento del bene e quindi allora potrebbe concederlo in affitto, non dovrebbe essere possibile farlo prima. Per la casistica specifica aspettiamo però di avere notizie più dettagliate, come era successo per il rent to buy.

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Le 8 cose da sapere sul mercato dell’affitto nel 2016Le 8 cose da sapere sul mercato dell’affitto nel 2016
Canoni di affitto a due velocità tra nord e sud. Va forte l’abbinamento tra cedolare secca e canone concordato. In aumento chi si...
Donald Trump, da immobiliarista a presidente. Una carriera iniziata negli affittiDonald Trump, da immobiliarista a presidente. Una carriera iniziata negli affitti
Breve storia dei brillanti (ma controversi) esordi nel real estate del nuovo presidente degli Stati Uniti   Fresco di laurea, diventò a...
Affitto, la checklist del bravo agente immobiliareAffitto, la checklist del bravo agente immobiliare
Cosa significa qualità del servizio per un’agenzia immobiliare che si occupa di affitti, in 10 semplici regole   Le 10 regole d&...
Negozi, in sei anni la crisi ha ridotto del 30% i canoni di affitto dei locali commercialiNegozi, in sei anni la crisi ha ridotto del 30% i canoni di affitto dei locali commerciali
Cali importanti nei prezzi delle locazioni commerciali, frutto della ridotta richiesta di negozi in affitto che la crisi economica ha portato con s&...
Deposito cauzionale, un confronto a livello europeo sul valore della più comune garanzia per l’affittoDeposito cauzionale, un confronto a livello europeo sul valore della più comune garanzia per l’affitto
Paese per paese, un’analisi di quanto in Europa viene richiesto all’inquilino a titolo di cauzione per i danni a immobile e arredi, ma...