Cerca

Aliquote IMU agevolate

by Isabella Tulipano
in Esperto
on Novembre 04, 2012
Visite: 5681

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Come usufruire delle aliquote IMU agevolate per immobili affittati a canone concordato?

 

Sono proprietario di un appartamento in una zona residenziale a Bari che ho affittato con contratto a canone concordato di 3 anni + 2 ad una famiglia. Al momento di pagare l'IMU su questo immobile il mio commercialista mi ha piacevolmente informato della possibilità di usufruire di un'aliquota agevolata. Il Comune di Bari, infatti, h deliberato un'aliquota IMU dello 0,4% (come nel caso di prima casa) se l'immobile è affittato con contratto concordato ed il mio commercialista specifica anche se lo stesso viene utilizzato come abitazione principale da parte degli inquilini. Considerato che gli inquilini non hanno preso la residenza presso l'immobile, ma vi abitano regolarmente, ho diritto all'agevolazione?
Pasquale


Caro Pasquale,
può ritenersi un proprietario davvero molto fortunato, dato che il suo Comune è stato particolarmente generoso in questo caso e soprattutto vuole evidentemente incentivare l'utilizzo dei contratti concordati, che garantiscono canoni calmierati agli inquilini ed evidenti agevolazioni fiscali ai proprietari. Non abbiamo un riferimento ancora a proposito dell'IMU, di certo possiamo dirle che per quanto riguardava l'agevolazione ICI il suo commercialista fa bene a porsi il quesito dato che molti comuni specificavano la validità dell'agevolazioni solo per immobili utilizzati dagli inquilini come abitazione principale, facendo coincidere questa con la residenza anagrafica. In realtà, se la definizione di "abitazione principale" nel parlare comune coincide spesso con il concetto di residenza, nell'ambito applicativo delle norme tributarie sono due cose diverse. Ai fini dell'agevolazioni per i contratti di locazione a canone concordato, per abitazione principale si intende la dimora abituale del conduttore e dei suoi familiari. L'abitazione principale coincide generalmente con la residenza anagrafica. Tuttavia, è ammessa l'autocertificazione di una dimora abituale differente. In questo caso l'inquilino (capo famiglia) dovrà dichiarare di abitare regolarmente nell'immobile, nonostante una diversa residenza anagrafica, in modo che lei possa usufruire dell'agevolazione IMU.

 POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:
IMU sugli immobili affittati a canone concordato: quanto vale, in euro, la riduzione del 25% introdotta dalla Legge di Stabilità?
Imu, Tasi e gli acconti di giugno! Il calcolo si complica, le informazioni si moltiplicano. Facciamo un esempio?

Per qualsiasi quesito sull'affitto, scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
L'esperto di Solo Affitti risponde ai tuoi quesiti su contratti di locazione, adempimenti fiscali e aspetti giuridici.

Presentazione Autore
Isabella Tulipano

Donna, per designazione naturale, accettata con orgoglio e vanto. Mamma, per scelta consapevole: impegnativa quanto appagante. Esperta in questioni tecniche, fiscali, legali sul mondo delle locazioni, per lavoro, ma soprattutto per passione e per deformazione filosofica: l'eccellenza non è un atto, ma un'abitudine.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Savio

    Sono nella stessa situazione di Pasquale.
    Sono proprietario di un appartamento in una zona residenziale a Bari che ho affittato con contratto a canone concordato di 3 anni + 2 ad un lavoratore che ha l'esigenza di dimorarvi abitualmente. Al momento di pagare l'IMU su questo immobile il mio commercialista mi ha piacevolmente informato della possibilità di usufruire di un'aliquota agevolata. Il Comune di Bari, infatti, ha deliberato per il 2016 un'aliquota IMU dello 0,4% se l'immobile è affittato con contratto concordato ai sensi dell’art. 2 commi 3 e 4 della Legge n.431/1998. Considerato che l' inquilino non ha preso la residenza presso l'immobile, ma vi abita regolarmente, ho diritto all'agevolazione?

  • Gentile Savio il suo inquilino deve prendere regolare residenza per rispettare in pieno quanto prevede la delibera comunale; essendo in questi casi sovrapposto il concetto di abitazione principale e residenza.

  • Gentile lettore,
    l’Imu per gli immobili concessi in comodato si applica con le aliquote previste dal singolo comune per gli immobili diversi dall’abitazione principale. I Comuni potrebbero decidere trattamenti agevolati, che in ogni caso non potranno prevedere alcuna "assimilazione" come era avvenuto con l'ICI del comodato ad abitazione principale.

  • Moriconi Cesare

    Sono proprietario di un appartamento a Roma che ho concesso in comodato d'uso a mia figlia che vi risiede. Ho diritto a una qualche agevolazione per il pagamento dell'IMU?

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Principali novità negli affitti a canone concordato – Nuova Convenzione 2016Principali novità negli affitti a canone concordato – Nuova Convenzione 2016
Finalmente una nuova Convenzione Nazionale Come anticipato in un recente articolo del Blog, il 25 ottobre 2016 è stata stipulata presso il...
Le 8 cose da sapere sul mercato dell’affitto nel 2016Le 8 cose da sapere sul mercato dell’affitto nel 2016
Canoni di affitto a due velocità tra nord e sud. Va forte l’abbinamento tra cedolare secca e canone concordato. In aumento chi si...
Nuove regole per gli affitti a canone concordato.Nuove regole per gli affitti a canone concordato.
Rinnovata la Convenzione Nazionale per gli affitti, in arrivo nuove regole per i contratti transitori. Nuove regole più soft sono in arrivo...
Tasi 2016: tra abitazione principale del proprietario e dell’inquilino.Tasi 2016: tra abitazione principale del proprietario e dell’inquilino.
Chi paga la Tasi nel 2016? E Quanto? Abbiamo trattato da un po’ nella rubrica di Prima Pagina le novità che la famigerata Legge di...
Canone concordato, con la cedolare secca al 10% in molte città è ormai la regola per l’affitto di casaCanone concordato, con la cedolare secca al 10% in molte città è ormai la regola per l’affitto di casa
Se negli ultimi anni il ricorso all’affitto è molto aumentato nel nostro paese non è solo a causa della crisi delle compravendite...