Cerca

Cambio residenza o prendo solo il domicilio? Questo il dilemma per giovani affittuari.

by Isabella Tulipano
in Esperto
on Dicembre 27, 2014
Visite: 70277

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Per chi decide di fare il grande passo e andare a vivere in una casa in affitto, cambiando magari città o addirittura regione, c'è una questione in più da affrontare, oltre a quelle già risolte sulla casa ideale, il prezzo giusto, i servizi, l'arredamento, ecc.. La questione da affrontare è quella dell'opportunità di cambiare residenza o meno, di lasciarla magari a casa dei genitori e limitarsi ad un nuovo domicilio. Cosa possiamo consigliare?

Buonasera,
piacere Federica.
Ho trovato il vostro indirizzo su internet e vorrei chiedervi alcuni chiarimenti riguardo al mio affitto attuale.
Siamo una coppia (26anni) che ha preso in affitto con regolare contratto 4+4 registrato, un appartamento in una città completamente diversa dalla nostra residenza abituale.
La mia domanda è: devo per forza fare il cambio di residenza in questo nuovo comune dal momento che sarà una casa provvisorio per i prossimi due anni al max.?

Grazie
Attendo una Vostra gentile risposta
Federica

Cara Federica
non c'è alcun tipo di obbligo in questo senso. Dovrebbe però valutare alcuni aspetti in termini di vantaggi per valutare poi, con attenzione, se valga o meno la pena di trasferire la sua residenza.
Provo quindi ad elencarle alcuni vantaggi:

1. Il trasferimento della residenza nella casa presa in affitto per giovani sotto i 30 anni prevede la possibilità di portare in detrazione una somma pari a 991,60 euro per un reddito massimo di 15.493,71 euro. Tale detrazione spetta per i primi tre anni di affitto, dopo di che avreste diritto alla detrazione prevista per chi ha in affitto un immobile con un contratto di 4 anni + 4 che è di 300 oppure 150 euro, a seconda delle diverse soglie di reddito.

2. L'altro vantaggio è dato dalle tariffe delle bollette che sono più basse per chi la residenza nell'immobile per cui chiede l'allacciamento delle utenze. Per fare un esempio navigando in internet si segnala una tariffa di 2,329c€/kWh per i residenti, contro i 2,51c€/kWh per i non residenti.

3. Si evita di pagare due volte l'imposta sui rifiuti, dovuta da chi occupa l'immobile, quindi da voi inquilini, ma calcolata anche sul nucleo familiare residente. Per cui se non trasferite la vostra residenza le vostre famiglie pagheranno anche per la vostra quota.

4. Potrete usufruire dei servizi dell'unità sanitaria locale; essere iscritti alle liste elettorali e beneficiare di eventuali contributi o agevolazioni previste a livello comunale per i propri residenti.

C'è da considerare certo che dovrà preoccuparsi delle pratiche per questo trasferimento e ripeterle a breve se l'intenzione è di fermarsi per soli due anni. Ma a questo proposito possiamo dire che negli ultimi tempi tali procedure sono state notevolmente accorciate. Dal 9 maggio 201, infatti, il cambio di residenza avviene in tempo reale: ovvero, decorre dal giorno in cui viene presentata la dichiarazione. Inoltre, la dichiarazione può essere presentata anche via posta elettronica ordinaria, fax o raccomandata, compilando il "modello dichiarazione di residenza", insieme ad una fotocopia del proprio documento d'identità in corso di validità.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Spese per l’affitto, si possono portare in detrazione se c’è la residenza.
Il vademecum del trasfertista

 

Presentazione Autore
Isabella Tulipano

Donna, per designazione naturale, accettata con orgoglio e vanto. Mamma, per scelta consapevole: impegnativa quanto appagante. Esperta in questioni tecniche, fiscali, legali sul mondo delle locazioni, per lavoro, ma soprattutto per passione e per deformazione filosofica: l'eccellenza non è un atto, ma un'abitudine.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Alfio

    Se si ha la residenza in quel comune dove prendo in affitto ad uso transitorio è possibile fare il contratto
    Grazie

  • Gentile Alfio se l'esigenza è realmente transitoria di una delle due parti sì.

  • Antonio

    Ciao ho affitato la mia casa e ho il domicilio da un'altra parte .pero come ho la recidenza li achi ho affitato la casa il comune non vuole dare la recidenza perche io ho la recidenza li cosa posso fare

  • Gentile antonio, molti comuni non riconoscono un doppio nucleo familiare per lo stesso immobile; quindi dato che lei non ci vive regolarmente non dovrebbe spostare la sua residenza dove vive regolamentarne.

  • Lorenzo

    Buon giorno ho bisogno di mettere una resistenza su Roma.
    Autualmente risiedo su Roma ma dove sto non posso mettere residenza. ..cerco stanzetta per fare residenza ..
    chi mi può aiutare?
    la mia email è lorenzo.gent@virgilio.it

  • Gentile Lorenzo, può cercare l'immobile che soddisfa la sua esigenza sul sito www.soloaffitti.it

  • Andrea

    Buona sera vorrei un aiuto, parere , dove sono in affitto una villa divisa in due , il mio vicino compra la casa per intero ,pero mi lascia sempre in affitto come stavamo, pero dovrei levare la residenza perché seno gli fa cumulo , io posso stare solo con il domicilio qui ? Devo fare residenza da un altra parte ? Se ho difficoltà per una residenza da un altra parte come posso fare ,grazie aspetto un consiglio

  • Buongiorno Andrea, in realtà dovrebbe mantenere lì la residenza e provare a farsi riconoscere, all'ufficio anagrafe, due distinti nuclei familiari.

  • Erika

    Salve
    sto per lasciare l'appartamento in affitto nel quale ho regolare residenza da un po' di anni. Mi trasferirò per un periodo a casa di parenti, in altro comune, in quanto l'alloggio che ho acquistato è in ristrutturazione e non ancora pronto. Come devo comportarmi per la residenza? Che non posso avere fintanto che l'immobile non verrà valutato abitabile dal comune? Posso avere solo un domicilio provvisorio?

    Ringrazio,
    cordialmente

  • Gentile Erika, può indicare intanto un domicilio se in effetti non ha la residenza fissa; magari valuti se prenderla presso questi parenti intanto.

  • Erika

    Salve Isabella
    Grazie mille per il riscontro!!
    Indicare un domicilio al comune in cui andrò a stare immagino..

    Grazie
    Cordialmente

  • alessio

    Buonasera, spero mi possa essere utile, sto vendendo la mia casa e sono ancora in cerca di una nuova abitazione da acquistare, in attesa di ciò' dovrò andare in affitto per un pò di mesi, vorrei un consiglio su come mi dovrei comportare per il cambio di residenza o domicilio?
    Grazie Alessio

  • Buongiorno Alessio in ogni caso può spostare la residenza nell'immobile che prende in affitto, così da poter avere tariffe delle utenze più basse ed usufruire dei servizi comunali, oltre che della detrazione Irpef prevista a seconda del suo reddito.

  • Elena

    Buongiorno, ho un appartamento che vorrei affittare a canone concordato. Con questo tipo di contratto l'inquilino è obbligato a prendere residenza nell'appartamento o basta solo il domicilio (al di là delle detrazioni fiscali di cui si avvantaggerebbe se in possesso dei requisiti)? E per quanto mi riguarda se l'inquilino non dovesse non trasferire la residenza ma solo il domicilio, io come locatore, avrei lo stesso le agevolazioni fiscali previste dal Piano Casa 2014 ovvero cedolare secca al 10% fino al 2017 (trattasi di appartamento in zona altà densità abitativa)? Ringrazio anticipatamente per la cortese risposta

  • Buongiorno Elena, le agevolazioni della cedolare secca sarebbero comunque valide, mentre per eventuali agevolazioni Imu la residenza dell'inquilino è un requisito indispensabile.

  • Sara

    Buonasera,vivo attualmente in una casa in affitto da 1 anno con il mio compagno,con contratto regolarmente registrato,e utenze intestate a noi ma senza aver effettuato il cambio di residenza.Ora avrei una domanda, ad oggi ancora non è arrivata la tassa rifiuti urbani ne a noi ne al proprietario di casa. Come dovremmo comportarci? Grazie

  • Gentile Sara dovrebbe chiedere info all'ufficio tributi e avere copia della presentazione di denuncia occupazione da parte sua nel momento in cui aveva preso in affitto l'immobile.

  • domenico di palo

    La casa e' di mia moglie ma io voglio andare via e comprare una nia casa sempre nelli stessa citta e prendero il domicilio dovro pagare l'imu? Grazie

  • Gentile Domenico la prima casa come nucleo familiare è riconosciuta solo su un'abitazione, quella per cui non pagherà l'imu.

  • giulia pini

    Shalom.

    Avrei bisogno con una certa urgenza, di un'informazione che solo Lei mi potrà dare.
    Ho una figlia di 39 anni, che viveva a Barcellona dove aveva la residenza e che (colpo di testa sciagurato) si é trasferita a Genova in casa della persona con la quale ha convissuto. L'appartamento é in affitto e l'intestatario é lui, che, dopo 3 anni di convivenza e 2 bambini piccoli, se n'é andato, dando la disdetta del contratto.
    Ora, io vorrei sapere se, in attesa della sentenza del Tribunale che avverrà a Marzo, mia figlia può togliere la residenza a lui che vive momentaneamente con la madre, per poter usufruire degli aiuti.
    La bambina ha 2 anni ed é affetta da neurofibromatosi, e il secondo, ha 2 mesi. Chiaramente lei non ha lavoro, allatta e non ha nessun sussidio, nessuna risorsa ( lui da sempre le aveva ritirato anche la Postpay, perché cresciuto secondo l'educazione dei Testimoni di Geova). Resto io che ho 70 anni, sono malata di cancro da 5 anni e percepisco la pensione sociale. Faccio traduzioni per poter sopravvivere ed aiutarla, ma tra poco non ce la farò più.
    Perdoni l'ondata di domande, ma se potesse aiutarmi nel chiarire cosa si può fare e cosa no, mi farebbe un grande regalo.
    In attesa di una Sua cortese risposta, La saluto.

    Shalom. Giulia PINI

Carica Altri Commenti

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Principali novità negli affitti a canone concordato – Nuova Convenzione 2016Principali novità negli affitti a canone concordato – Nuova Convenzione 2016
Finalmente una nuova Convenzione Nazionale Come anticipato in un recente articolo del Blog, il 25 ottobre 2016 è stata stipulata presso il...
Locazione di immobile di interesse storico: come fare?Locazione di immobile di interesse storico: come fare?
Se è ben noto ai più che la vendita di un immobile “vincolato” (riconosciuto di interesse storico-artistico dalla...
Contratto a canone concordato in un comune non ad alta densità abitativa: possibile?Contratto a canone concordato in un comune non ad alta densità abitativa: possibile?
I contratti agevolati prevedono sempre le agevolazioni fiscali? L’introduzione della cedolare secca agevolata al 10% ha alimentato l’...
Le misure sulla casa nel 2016: la manovra di Stabilità adesso è legge.Le misure sulla casa nel 2016: la manovra di Stabilità adesso è legge.
Sono tante le novità sulla casa contenute nella Legge di Stabilità, approvata in via definitiva nei giorni scorsi dopo il lungo iter...
Contratti in nero, comodati fittizi, accordi fantasiosi. Quando un inquilino può denunciare le situazioni irregolari.Contratti in nero, comodati fittizi, accordi fantasiosi. Quando un inquilino può denunciare le situazioni irregolari.
A fine anno, quando si devono trovare nuove entrate per sostenere le misure che la finanziaria introdurrà, spesso ci si ricorda di un mercato,...