Cerca

Canone Rai in bolletta: ma la bolletta è quella dell’inquilino o del proprietario?

by Isabella Tulipano
in Esperto
on Novembre 21, 2015
Visite: 10853

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Dalle varie anticipazioni che si leggono sulla legge di stabilità 2016 molte riguardano la casa, gli inquilini, le tasse e il canone Rai. Quest’ultima novità, che sembra ormai definitiva, ha creato molto interesse e rumore. Come sappiamo da un precedente sondaggio sull’argomento, il canone Rai è la tassa più odiata dagli italiani; seppure non la più consistente, incontra le antipatie di quanti non ritengono giusto dover pagare per vedere programmi Rai che magari non apprezzano. Immaginiamo quanto l’idea di doverla pagare obbligatoriamente e quasi tacitamente nella bolletta Enel non andrà giù a molti. Ma intanto proviamo a capire meglio come muoverci.

Buongiorno,
vorrei sapere chi deve pagare il canone rai che dal prossimo anno quando andrà pagato con la bolletta elettrica: inquilino o proprietario?
grazie
Natalia

Gentile Natalia
la novità introdotta rispetto al pagamento del canone Rai attraverso la bolletta Enel non cambia la natura del rapporto di affitto che prevede, in caso di contratto d’affitto, il versamento del canone Rai è a carico dell’inquilino.


Fatta questa premessa specifichiamo alcuni casi:
• L’inquilino è tenuto al pagamento del canone Rai anche se il televisore è già presente nell’immobile (arredato) e quindi di proprietà del locatore;


• A maggior ragione il versamento del canone Rai grava sull’inquilino che abbia acquistato il televisore e, quindi, ne sia anche il legittimo titolare.


Il motivo per cui il canone Rai è a carico dell’inquilino è da ritrovarsi nella legge sulla disciplina degli abbonamenti alle radioaudizioni secondo cui l’obbligo ricade su chi DETIENE il televisore, non semplicemente su chi lo possiede. Leggiamo, quindi, l’articolo 1 del Regio decreto legge del 21 febbraio 1938 n. 246: “ il canone di abbonamento Rai deve essere pagato da chiunque detenga uno o più apparecchi atti od adattabili alla ricezione delle trasmissioni radiotelevisive, indipendentemente dalla qualità o quantità del relativo utilizzo”.


Posso avere più apparecchi televisivi nello stesso immobile senza dover pagare più volte il canone Rai?

Per fortuna (considerando il numero medio di televisori presenti nelle abitazioni degli italiani) il pagamento del canone Rai consente la detenzione di uno o più apparecchi televisivi da parte dello stesso soggetto, o componenti del suo nucleo familiare (legge n.223 del 06 agosto 1990, articolo 27 comma 2).


Quindi, tornando al quesito di Natalia, se sono proprietario dell’immobile concesso in affitto per il quale il canone andrà pagato dall’inquilino, come posso evitare di ritrovarmi sulla mia bolletta Enel il costo del canone Rai?

È importantissimo in questi casi giocare d’anticipo e quindi inviare apposita comunicazione (vi segnaliamo il modello ufficiale) con raccomandata a.r., all’Agenzia delle Entrate di Torino oppure di persona presso l’Agenzia delle Entrate più vicina alla propria residenza in cui dichiara, come titolare della bolletta, di non essere possessore della tv per l’immobile oggetto della bolletta.


Nell’autocertificazione di esenzione dal canone Rai dovrà essere specificato il motivo, che potrà essere uno dei seguenti:


– quello che ci interessa da vicino è il caso dell’immobile concesso in affitto, per il quale l’inquilino non ha volturato l’utenza Enel (rimane intestata al proprietario), ma ha disponibilità del televisore e quindi dovrà provvedere direttamente al pagamento del canone Rai. L’inquilino o il comodatario in questi casi pagheranno con metodo tradizionale, ovvero attraverso il bollettino premarcato; poiché precisiamo che al momento la legge di Stabilità 2016 prevede che il canone Rai venga addebitato sulla bolletta Enel solo per le abitazioni principali adibite a residenza del nucleo familiare.


– essente per legge perché di età uguale o superiore a 75 anni, non convivente con altri soggetti, con reddito, unito a quello del coniuge, non superiore a 8 mila euro (la soglia è stata appena elevata; fino al 2015 era di 6.713,98 euro annui);


il pagamento è stato già eseguito dall’altro coniuge;


– l’appartamento è sprovvisto di televisore.


Non dovrebbero creare problemi le seconde case perché già nell’attivazione e/o voltura dell’utenza l'Enel sa che l’appartamento è concesso in affitto e intestato ad un soggetto diverso.


Mentre due coniugi, pur appartenenti allo stesso nucleo familiare, ma con residenze anagrafiche diverse, dovranno pagare due canoni distinti.


L’importo del canone Rai per il 2016 sarà pari a 100 euro, non assoggettato ad accisa del 14% (che altrimenti avrebbe fatto salire il conto a 114 euro); il pagamento è ancora oggetto di varie ipotesi, al momento quella più accredita prevede che venga “spalmato” in 10 rate, da gennaio a ottobre, 10 euro in più ogni mesi, che vogliono dire 20 euro sulla bolletta trimestrale. Però, considerando i tempi di attuazione, eccezionalmente nel 2016 il primo versamento avverrà a luglio con l’addebito di 70 euro, mentre i restanti 30 euro saranno addebitati nei mesi successivi; dal 2017 si andrà a regime.

E se non pago il canone mi staccano la corrente?

Posso decidere di non pagare la quota relativa al canone senza che venga interrotta la fornitura del servizio elettrico; è bene ricordare però che se non ho diritto all’esenzione, il mancato pagamento del canone Rai comporta:

– accertamento da parte dell’Agenzia delle Entrate, su segnalazione della Guardia di Finanza;

– ingiunzione di una sanzione pari a cinque volte il canone stesso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Le misure sulla casa nel 2016: la manovra di Stabilità adesso è legge.
Tasse, la più odiata è il canone Rai

Presentazione Autore
Isabella Tulipano

Donna, per designazione naturale, accettata con orgoglio e vanto. Mamma, per scelta consapevole: impegnativa quanto appagante. Esperta in questioni tecniche, fiscali, legali sul mondo delle locazioni, per lavoro, ma soprattutto per passione e per deformazione filosofica: l'eccellenza non è un atto, ma un'abitudine.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Valentina

    Salve dal primo ottobre sono in affitto in un appartamento in nero, volevo sapere a chi spetta pagare il canone Rai? Visto che mi ha dato la prima bolletta con il canone di 20 euro e volevo sottolineare che le bollette sono a nome suo.

  • Gentile Valentina diciamo che teoricamente il canone spetta all'inquilino, è ovvio che nel momento in cui non c'è un regolare contratto è difficile avanzare pretese dall'una e dall'altra parte.

  • Armando

    Gentile Isabella,
    sn residente nell'immobile affittato,con intestatario del canone rai ed utenze residenziali intestate al proprietario;
    Non sono proprietario di immobili in Italia e per lavoro mi trasferirò a giorni all'estero,vorrei chiederti se secondo te mi continuerà ad arrivare il bollettino prestampato(anc non arrivato...) e se c'è la possibilità di non pagare il canone per i prossimi mesi o l'anno successivo ...
    Cosa mi consigli?
    Grazie

  • Gentile Armando, il canone verrà calcolato nella bolletta del proprietario se è questo intestatario dell'utenza dell'energia elettrica. Certamente se non abita più in quell'immobile è giusto spostare la sua residenza.

  • Marco

    Buongiorno, sono da due mesi (da maggio)uscito da una casa in condivisione con altre due persone. Dal proprietario abbiamo ricevuto le caparre e saldato le ultime utenze nel massimo del rispetto. Ora mi domandavo non avendo ,ne residenza nell'appartamento, ne televisori, ne essendo titolare del contratto della corrente elettrica(è intestato ad ex inquilina di parecchi anni fa). Il proprietario di casa potrebbe chiedere a noi i soldi richiedere questa tassa? E aspettava a noi o al padrone di casa la comunicazione all'ufficio dell' entrate?
    vi ringrazio anticipatamente per la risposta. Marco

  • Isabella Tulipano

    Salve Marco, dal vostro punto di vista non cambia molto rispetto al passato. In qualità di conduttori (detentori dell'immobile e dell'apparecchio televisivo) siete tenuti a versare il canone fino a quando tali condizioni sono state presenti, così come lo sarete se andrete in affitto altrove.
    In questo caso, non potendo l'addebito avvenire su bolletta elettrica, il canone va pagato con bollettino direttamente all'Agenzia delle Entrate.
    Informazioni e casistica specifica le può trovare al seguente link

  • Marco

    Ma nemmeno avendo mai avuto un televisore ne residenza? Cioè dovremmo pagare un tassa su una cosa che non abbiamo avuto ne utilizzato?

  • Isabella Tulipano

    Mi perdoni Marco, mi era sfuggito il particolare. Non dovrete pagare in questo caso, ma la comunicazione spetta a voi.

  • Dino

    Buongiorno, le chiedo un suo giudizio a riguardo di un'abitazione con residenza in Sardegna, vorrei installare una TV con un impianto satellitare già presente in essa l'unico problema che so per certo che con questo impianto tutta la regione Sardegna il segnale dei canali Mediaset vengono criptati per la visione, tranne per i canali RAI 1-2-3 che in parte si vede qualcosa ma vengono oscurati per la maggior durata del giorno in occasioni quando trasmettono dei Film, incontri sportivi e tanti altri eventi di prima serata e non, tutto questo riscontrato di persona. Dato che in questa abitazione non verrà installato alcun impianto satellitare e non vedendo in chiaro questi Canali, Le chiedo se devo pagare il Canone una volta installato la TV per un servizio che io non ho. Grazie per la sua risposta e Distinti saluti

  • Gentile Dino, in realtà il canone è dovuto in relazione al possesso della tv, quindi dovrebbe comunque pagarlo, lei o direttamente l'inquilino.

  • Marco

    Buongiorno,
    io usufruisco di un comodato d'uso gratuito ed ho regolare residenza nell'immobile, la bolletta della luce è intestata ai proprietari che sono residenti all'estero (aire). Spetterebbe a me il pagamento in quanto sono in possesso della loro TV.

    Se non facciamo alcuna mossa i proprietari si troveranno in bolletta il canone che potrei saldare io ma dal pv del mio rapporto con Rai risulterei comunque un residente evasore?

    Altro scenario:proprietari forse non torneranno più in Italia ed entro anno venderanno tutto a terzi e vogliono dichiarare di non avere TV. Se contestualmente lo faccio anche io online con la nuova procedura cosa accade? Da gennaio sono in una nuova casa con mia TV dove andrò a regolarizzare la posizione. Grazie dell'info.

  • Gentile MArco, l'imposta graverebbe su di lei, essendo di fatto l'utilizzatore della tv (non importa esserne anche il proprietario). Quindi il canone dovrebbe essere "caricato" sulla sua bolletta, non su quella dei proprietari. Se entrambi dichiarate che in quell'immobile non c'è tv di fatto rilasciate una dichiarazione non veritiera. d'altronde quando lei farà il cambio di residenza, anche il suo contratto della luce seguirà la nuova residenza.

  • Giusy

    Buona sera,
    Il proprietario della casa da me presa in affitto con regolare contratto è cittadino italiano,residente all'estero,iscritto ALL'A. I.R.E.
    Io ho tutte le utenze intestate a me.
    Fino l'anno scorso(2015) la tassa canone RAI è stata pagata da lui.
    Quando presi la casa in affitto scrissi una mail agli uffici RAI chiedendo cosa dovevo fare per variazione di intestazione,mi risposero che avrei dovuto comunicare il numero di utenza del precedente intestatario,comunicare il numero di utenza, l'attuale anagrafia (completa di codice fiscale) e i dati del nuovo titolare (completi del codice fiscale).La richiesta sarebbe stata esaminata dall'Agenzia delle Entrate inviando una lettera con firma del futuro intestatario.
    NON lo feci sapendo che ci sarebbero stati dei cambiamenti a riguardo.

    A questo punto chiedo cosa devo fare??
    Automaticamente la tassa sarà addebitata SOLO a me??

  • Gentile Giusy come intestataria della bolletta enel dovrebbe esserle addebitato automaticamente anche il canone di locazione relativo all'immobile in cui risiede; provi a verificare nella bolletta e quindi eventualmente a chiedere le modifiche.

  • dante

    Buonasera,sono separato da mia moglie ma a causa della perdita del lavoro sono tornato ad abitare a casa di mia moglie, che è in affitto e ha intestato il canone TV,. Vorrei sapere se essendo tutt'ora in regime di separazione, devo anche io pagare il canone Rai.
    Grazie

  • Gentile Dante, se abita nell'immobile dovrebbe contribuire alle spese; di fatto però se lei non figura ufficialmente e l'utenza è intestata a sua moglie dovrà risponderne lei.

  • Gherardo

    Gentile Stefania,
    nel mese di settembre, per motivi di lavoro, ho preso in affitto un appartamento.
    Il contratto e' intestato a me e quella che doveva essere la mia compagna. Residenza altrove. L'utenza è intestata al proprietario. Attualmente ne usufruisco solo per appoggiarmi qualche sera. L'appartamento è sprovvisto di televisore ma ha l'antenna. Mica sono obbligo a pagare il canone? Essendo il contratto intestato a due persone incide qualcosa?

  • Buongiorno Gherardo se non c'è il televisore non deve certo pagare il canone; deve essere il proprietario stesso però a presentare relativa dichiarazione di esenzione.

  • Gherardo

    Grazie per la risposta, però, mi chiedevo: come deve fare il proprietario a fare la richiesta?

  • deve inviare apposita comunicazione all'ageniza delle entrate di torino, nell'articolo sopra trova il link al modello.

Carica Altri Commenti

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Canone Rai in bolletta, da luglio si comincia a pagare. Da recuperare un’evasione di oltre il 30%Canone Rai in bolletta, da luglio si comincia a pagare. Da recuperare un’evasione di oltre il 30%
Dal 1° luglio 2016 scatta la fatturazione del canone Rai direttamente nella bolletta dell’energia elettrica. Una importante novità...
Tariffe: i rincari maggiori per le utenze di casa. Bollette acqua e rifiuti peggio di luce e gasTariffe: i rincari maggiori per le utenze di casa. Bollette acqua e rifiuti peggio di luce e gas
Causa di tanti mal di pancia per chi fatica ad arrivare a fine mese. Causa di qualche grattacapo per chi, soprattutto d'inverno, si trova di fronte a...
L'efficienza energetica della casa interessa davvero?L'efficienza energetica della casa interessa davvero?
La certificazione energetica è diventata, dalla sua introduzione, uno dei parametri fondamentali di valutazione degli immobili. Chi compra una...
Bollette, come risparmiare con piccoli gestiBollette, come risparmiare con piccoli gesti
Sbagliando, si paga. Anche e soprattutto quando si tratta di energia elettrica e gas, i cui rincari negli ultimi mesi hanno pesato sui bilanci...