Cerca

Coltivatori diretti, ma in affitto

by Isabella Tulipano
in Esperto
on Dicembre 27, 2012
Visite: 70005

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Generalmente si parla di affitto anche e soprattutto per i contratti di immobili abitativi e commerciali; tecnicamente, però, la parola affitto si riferisce al contratto che ha per oggetto la cessione di un bene produttivo, come nel caso appunto del contratto di affitto dei terreni agricoli.

 

L'affitto agricolo è un contratto con cui il locatore si obbliga a concedere all'affittuario un'azienda o un fondo, per uso agricolo e perché ne raccolga i frutti ed i proventi, e l'affittuario si obbliga a pagargli in corrispondenza un fitto. Il fitto può consistere in denaro, in una quota dei frutti (mezzadria) o in una prestazione in natura.
L'affittuario ha l'obbligo di curare la destinazione del bene in conformità con la sua destinazione economica e con l'interesse della produzione, pena la risoluzione del contratto.
Il contratto d'affitto d'azienda è soggetto alla legge 203/1982 (modificata dalla legge 29/1990) e agli accordi collettivi nazionali.
La durata dell'affitto è di 15 anni (6 anni per i territori montani); gli Accordi Collettivi Nazionali possono prevedere durate inferiori, in base al tipo di destinazione del terreno. In mancanza di disdetta di una delle parti, il contratto di affitto si intende tacitamente rinnovato per
il periodo minimo.
La disdetta deve essere comunicata almeno un anno prima della scadenza del contratto, mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento.
Il fitto è stabilito in base a criteri e coefficienti fissati dalla legge. La commissione tecnica provinciale determina, entro il 31 agosto di ogni anno, coefficienti di adeguamento dei canoni, in aumento o in diminuzione, tenuto conto del mutamento del valore, secondo gli indici ISTAT, per i prezzi alla produzione dei prodotti agricoli. Gli Accordi Collettivi Nazionali possono derogare a tali parametri.
I contratti d'affitto relativi ai terreni sono esenti IVA e sono soggetti a imposta di registro con l'aliquota dello 0,50%, applicata al canone dovuto per l'intera durata del contratto. Il termine ordinario per la registrazione è di trenta giorni dalla stipula del contratto. Per l'affitto di terreni agricoli, esiste però una regola particolare, questi infatti, se stipulati a mezzo di una scrittura privata non autenticata (come solitamente avviene) possono essere registrati cumulativamente presentando entro il mese di Febbraio all'ufficio delle entrate la denuncia relativa a tutti i contratti posti in essere nell'anno precedente. La denuncia può essere presentata da una qualsiasi delle parti contraenti e deve contenere gli estremi essenziali dei contratti a cui si riferisce. Infine si devono ricordare le agevolazioni previste dalla legge per l'affitto di terreni agricoli ai coltivatori diretti o giovani imprenditori agricoli con meno di quarant'anni di età.

 POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:
Prezzi fondiari in calo e meno compravendite: per i terreni agricoli meglio l’affitto
Detrazioni sugli affitti dei terreni agricoli per gli under 35: il rilancio dell’agricoltura parte dai giovani.

Per qualsiasi quesito sull'affitto, scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Presentazione Autore
Isabella Tulipano

Donna, per designazione naturale, accettata con orgoglio e vanto. Mamma, per scelta consapevole: impegnativa quanto appagante. Esperta in questioni tecniche, fiscali, legali sul mondo delle locazioni, per lavoro, ma soprattutto per passione e per deformazione filosofica: l'eccellenza non è un atto, ma un'abitudine.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • giuliana

    anni fa ho concesso ad un amico imprenditore agricolo di coltivare un mio terreno per la produzione di ortaggi
    senza stipulare nessun contratto ma con un semplice accordo tra di noi e con la sua parola che qualora avessi deciso di utilizzare io il terreno questo mi sarebbe stato restituito senza problemi,.
    ora mia figlia, ha deciso di coltivare personalmente il suddetto terreno,ma quando ho chiesto la restutuzione del fondo, mi è stato risposto che la durata dei contratti agricoli è di 15 anni e quindi ha diritto di rimanere lper altri 5 anni.

  • Gentile Giuliana, non essendoci un rapporto scritto ora la questione è un po' complicata. Lei potrebbe avanzare la sua richiesta di riavere il terreno, soprattutto se non ci è mai stato il pagamento di un affitto e quindi non può costituirsi di fatto il rapporto di affitto, ma solo un comodato gratuito, che è revocabile.

  • giuliana

    purtroppo in realtà c'era una sorta di pagamento in prodotti orticoli:(

  • gabriele

    Ciao quindi il contratto poi viene rinnovato automaticamente all'agenzia delle entrate se non posso fare la disdetta

  • Gentile Gabriele, la proroga deve essere presentata presso l'agenzia delle entrate, pagando relative sanzioni.

  • gabriele

    Io ho un terreno agricolo in affitto di 6 anni piu 6 anni ho mandato la disdetta 6 mesi prima con raccomandata con ricevuta di ritorno perche non ho intenzione di continuare posso disdire

  • Gentile Gabriele quello di cui parla sembra più un contratto commerciale; come inquilino potrebbe dare disdetta per gravi motivi con i sei mesi di preavviso.

  • gabriele

    Scusami il Terreno e mio

  • allora come proprietario può dare disdetta solo in corrispondenza della scadenza contrattuale e con 12 mesi di preavviso.

  • Agata maria letizia scuto

    Vorrei dare in affitto x ortoflorovivaismo o serre o frutticoltura il mio terreno agricolo dato che nn dispongo del capitale da investire x poter avviare in proprio tale attivita. A chi mi potrei rivolgere?

  • Buongiorno Agata, provi a rivolgersi ad un'associazione di coltivatori o alla confcommercio della zona per consuocere intanto le procedure necessaire.

  • eleonora

    Buongiorno, sto cercando un pezzo di terra in affitto in provincia di ancona per coltivare l'orto in modo familiare. le attrezzature le ho io. se fosse possibile sto cercando un posto che ci sia il pozzo e la possibilità di mettere il pollame. grazie a chi mi saprà dire qualcosa.

  • Gentile Eleonora, può provare a contattare anche un'associazione di categoria dei coltivatori.

  • Desideri Angela

    Buongiorno,
    Avevo in gestione, con regalare contratto di affitto, un uliveto. Scaduto il contratto, un anno fa, ho lasciato il terreno. A distanza di un anno dalla scadenza del contratto il proprietario mi intima ad eseguire ingenti lavori in quanto ririene che il terreno è stato lasciato in pessime condizioni. Non incorreva un termine per controllare? Devo gravarmi io di tale incombenza? Grazie

  • Tiziano Paolin

    Buongiono, vorrei otto porre un quesito: alla morte di mio Padre, a seguito testamento ho la nuda proprietà di un terreno agricolo, che però grava di un contratto di affitto per ulteriori 13 anni a mio fratello che e coltivatore diretto. Il terreno e circondato da alberi e sterpaglie, Posso io tagliare la legna per il camino, e nel mio diritto o spetta a mio fratello che ha il terreno in affitto lasciato da mio padre ? Non ci capisco niente di diritto agrario, al contrario di mio fratello che e' informatissimo. Altra domanda, se dovessi dare in garanzia alla banca il terreno a fronte di un impegno finanziario per la mia attivata posso farlo anche se è sottoposto a contratto affitto ancora per 13 anni ? Molto probabilmente le garanzie si riducono vero? Io ho attività di noleggio Pullman, e dovrei fare un prestito per acquisto di un nuovo mezzo.
    C. S. Tiziano Paolin

  • Gentile Tiziano, rispetto agli alberi non interni al terreno deve capire di chi è la proprietà e quindi in teoria il diritto sarebbe terzo rispetto a lei e a suo fratello; per le garanzie invece dovrà sentire direttamente in banca; in ogni caso l'affitto che percepisce costituisce per lei una fonte di reddito. per avere maggiori informazioni può provare a contattare un'associazione diretta dei coltivatori.

  • Carmen

    Quanto chiedere di affitto di terreno agricolo al mq. a coltivatore diretto?

  • Gentile Carmen le variabili sono tante (intanto il tipo di coltivazione); le consiglieri di rivolgersi ad un'associazione di categoria dei coltivatori per assistenza.

  • Anto

    Salve,
    Ho dato in affitto un agriturismo e fondo agricolo x 15 anni.
    Dopo un anno non ho buoni rapporti con l'affittuario e vorrei mandarlo via. Come fare? In particolare, non ha fatto manutenzione alle attrezzature (Caldaia, Chillers, attrezzature e macchinari della cucina) che ha comportato la rottura del Chiller per il riscaldamento, chiedendomi tra l'altro la riparazione a me definendola straordinaria. Ha pittato tutta la sala Ristorante di Grigio, senza chiedere il permesso, ha abbandonato alle intemperie mobili di arredaameento delle camere perche' non gli piacevano, per ovviare ad un foro sul pavimento del gazebo esterno, invece di riparare le doghe di legno, ha coperto il foro con una lamina di ferro arrugginita. Vari mobili e stoffe, facenti parti l'inventario, le ha buttate e distrutte. Dopo tutte queste azioni, vorrei mandarlo via. Posso agire per via legale appellandomi alla mancata manutenzione delle attrezzature ed alla gestione dell'azienda come un buon padre di famiglia?
    Grazie

  • Gentile Anto se effettivamente c'è da parte di questo inquilino un atteggiamento non corretto, quindi una grave inadempienza, può procedere per vie legali chiedendo la risoluzione di diritto del contratto.

Carica Altri Commenti

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Perché l’affitto è il fenomeno immobiliare del momento, spiegato in 3 puntiPerché l’affitto è il fenomeno immobiliare del momento, spiegato in 3 punti
Un mercato in crescita da 9 anni consecutivi, una fiscalità particolarmente vantaggiosa per il proprietario e canoni di affitto accessibili per...
2 Millennials su 3 scelgono l’affitto. E il mito della casa di proprietà?2 Millennials su 3 scelgono l’affitto. E il mito della casa di proprietà?
Comprare casa per i giovani: da passaggio imprescindibile a scelta di vita troppo impegnativa.     L’acquisto di un’...
Affitto, tutte le previsioni per il 2017Affitto, tutte le previsioni per il 2017
Previste più transazioni di mercato nelle grandi città. Canoni abitativi stabili quasi ovunque, solo a Milano segnali di crescita. &...
Affitto, i canoni bassi agevolano la scelta di immobili più spaziosiAffitto, i canoni bassi agevolano la scelta di immobili più spaziosi
Grazie ai ribassi dei canoni di locazione degli ultimi anni, molti inquilini possono permettersi una stanza in più per la propria casa in...
Le 8 cose da sapere sul mercato dell’affitto nel 2016Le 8 cose da sapere sul mercato dell’affitto nel 2016
Canoni di affitto a due velocità tra nord e sud. Va forte l’abbinamento tra cedolare secca e canone concordato. In aumento chi si...