Cerca

Detrazione per studenti universitari: valida anche per contratti di subaffitto?

by Isabella Tulipano
in Esperto
on Marzo 12, 2015
Visite: 3838

Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Ci stiamo sempre più avvicinando alla prossima dichiarazione dei redditi e intanto si raccolgono i documenti necessari e utili per poter capire a quali e quante detrazioni si ha diritto. Per chi ha sostenuto le spese per un figlio che studia all'università, fuori sede, è interessante pensare di poter recuperare qualcosa, non solo rispetto alle tasse universitarie, ma anche rispetto alle spese di affitto. Ma tale agevolazione, è prevista a favore di qualsiasi tipo di contratto? Anche per quelli di subaffitto?

Buongiorno,
sono intestatario di un contratto d'affitto, stipulato con cedolare secca, per un appartamento utilizzato dal figlio come studente universitario fuori sede (importo mensile di € 1.200,00).
Lo stesso appartamento è utilizzato da altri 3 studenti.
Con gli altri inquilini ho stipulato un contratto di sublocazione (autorizzato dal proprietario dell'appartamento con apposita clausola nel contratto di locazione principale) di € 300,00 cad.
La domanda è
Come è possibile per me (locatario dell'appartamento) e
per gli altri coinquilini (sublocatari)
portare in detrazione il costo dell'affitto nella dichiarazione dei redditi?
Qual è, par ciascuno di noi, la documentazione che deve essere allegata alla dichiarazione?

La ringrazio.
Cordialmente.
Francesco

 

Gentile Francesco,
per lei abbiamo una buona notizia: poiché il contratto è intestato interamente a lei, anche se altri studenti contribuiscono alla spesa, la detrazione del 19% le spetta interamente. In realtà dovrà tenere conto dei limiti, ovvero, il 19% del canone annuo ha un limite massimo di detrazione, fissato a 500,27 euro. Precisiamo che, avendo lei stipulato dei contratti di sublocazione, dovrà poi riportare questi guadagni nella sua dichiarazione dei redditi, ai sensi dell'articolo 67, comma 1, lettera h del Tuir, andandoli ad inserire nel rigo dei redditi diversi: quadro D del 730 e quadro RL del modello Unico.


Rispetto invece agli altri 3 ragazzi, titolari dei contratti di sublocazione, purtroppo dobbiamo specificare che i contratti di sublocazione non sono inclusi, dall'articolo 15, comma 1, lettera i-sexies, Tuir, tra quelli detraibili al 19%, come espressamente indicato dalla Circolare 21/E/2010, risposta 3.4.
Tra questi rientrano, invece, i contratti liberi 4 + 4, quelli 3 +2 a canone concordato, quelli per studenti universitari; i contratti transitori, i contratti di ospitalità o atti di assegnazione in godimento o locazione, stipulati con enti per il diritto allo studio, università, collegi universitari legalmente riconosciuti, enti senza fine di lucro e cooperative.


La detrazione viene riconosciuta per intero al genitore se, come se nel suo caso, è intestatario del contratto; oppure se il contratto fosse intestato direttamente allo studente fuori sede, la detrazione andrebbe suddivisa tra i due genitori o comunque proporzionata alla relativa percentuale con cui hanno a carico il figlio iscritto all'università.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Affitto per studenti universitari in camera singola o in camera doppia: quale contratto per un posto letto?
Rimborso spese per affitto studenti universitari: come indicarli in sede di dichiarazione dei redditi.

 

Presentazione Autore
Isabella Tulipano

Donna, per designazione naturale, accettata con orgoglio e vanto. Mamma, per scelta consapevole: impegnativa quanto appagante. Esperta in questioni tecniche, fiscali, legali sul mondo delle locazioni, per lavoro, ma soprattutto per passione e per deformazione filosofica: l'eccellenza non è un atto, ma un'abitudine.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Alessandro

    Buonasera avrei delle info da chiedere:
    Siamo due studenti universitari, ciascuno con reddito inferiore ai 15,000euro, siamo in procinto di stipulare un contratto con cedolare secca e intestarlo quindi a due persone.
    visto la normativa che prevede la detrazione del 19% del canone sopra un tetto massimo di 2600euro, possiamo usufruire della detrazione visto e considerato che il canone totale annuo è di 4200euro e dividerlo quindi al 50 e 50? Ovvero usufruire singolaremente del 19% di 2100e?
    Grazie e complimenti per il blog

  • Gentile Alessandro la detrazione si calcola in questo caso sul 50% del canone versato visto che ne siete entrambi responsabili.

  • Lina Bagolini

    Buongiorno,
    Desidero sapere in riferimento ad 1 locazione abitativa parziale di appartamento a studenti Universitari (Legge 9/12/98 n.431 art.5 comma 2) in scadenza il prossimo 1 ottobre e della durata di 1 anno se il preavviso di 3 mesi per la disdetta e' corretto. Inoltre capire in quali spese si incorre se la disdetta non viene data nei tempi corretti.Voglia considerare che il contratto della stanza e' nominativo.grazie e cordiali saluti.

  • Gentile Lina la disdetta è di tre mesi se tale è il periodo che è stato fissato. Per un inquilino la disdetta può avvenire in qualsiasi momento, indipendentiste dalla scadenza, mentre per il proprietario una disdetta oltre i termini non è valida.

  • Lina Bagolini

    Buongiorno ma non ho capito sul contratto c'e' scritto che posdo dare disdetta con preavviso di 3 mesi il contratto scade il 1 ottobre se lo disdico il 31 luglio 2015 cosa succede? Inoltre il proprietario mi ha detto che per il futuro anno dovro' concorrere alle spese della luce. Le chiedo puo' farlo? Oggi il proprietario mi ha scritto che mi inviera' un nuovo contratto i primi di Luglio! Scusi l' ignoranza ma io ho tempo finoal30/06/15 per dare disdetta se lui mi manda il nuovo contratto a Luglio io non ho piu' la possibilita' di disdirlo e qualora volessi rimanere in quella casa devo sottostare ai suoi aumenti? Inoltre cosa posso rispondere al proprietario che mi ha comunicato che il nuovo contratto lo formalizzera' ad inizio Luglio ? Rimango in attesa di un Suo genntile riscontro. Grazie 1000 e cordiali saluti.

  • se considera il contratto rinnovato automaticamente, dando disdetta ora lei tra tre mesi può lasciare l'immobile e se non dovesse lasciarlo in ogni caso rinnovando un contratto in essere non è possibile cambiare le condizioni contrattuali. Se il proprietario vuole farle firmare un nuovo contratto allora può insistere per chiudere quello in essere e quindi andar via subito.

  • Lina Bagolini

    Gentilissima Dottoressa
    In che modo posso chiudere il contratto ed andare via subito?
    Io insistevo sul fatto di dare disdetta prima della scadenza per non dover far fronte ai 3 mesi di canone di locazione per mancato Preavviso. Il Locatore parla di nuovo contratto di locazione qualora volessi rimanere nell' immobile potrei chiedergli di emettere un contratto a tariffe agevolate per studenti? il contratto dovrebbe riguardare tutto l'appartamento ? E in modalita4+ 4? .Inoltre Nel contratto il Locatore ha scritto che egli puo' recedere anticipatamente dal contratto per gravi motivi con preavviso di 1 mese tramite A.R. Io ho letto che invece che puo' farlo dando preavviso 6 mesi prima.mi conferma che la clausola e" vessatoria? RingraziandoLa in anticipo per la Sua preziosa assistenza, resto in attesa di un Suo gentile riscontro e Le invio i miei piu' cordiali saluti.

  • il contratto per studenti universitari fuori sede, se è questo che ha stipulato, prevede una durata, facciamo nel suo caso di un anno, più una disdetta automatica dello stesso tipo, quindi per un altro anno. Il proprietario deve rispettare tale scadenze e quindi non può dare disdetta prima. L'inquilino può dare disdetta in qualsiasi momento con tre mesi di preavviso; quindi se lei considera il contratto rinnovato automaticamente deve prendere in considerazione di dare tre mesi di preavviso; ma se il proprietario considerava scaduto il contratto al 30 giugno e lei vuole proporre un nuovo contratto a questo punto lei potrebbe dire di non essere interessata e quindi lasciare subito.

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Studenti universitari, quanto pagano per un posto letto in affitto nell’anno accademico 2016/2017?Studenti universitari, quanto pagano per un posto letto in affitto nell’anno accademico 2016/2017?
Posto letto per studenti: quanto costa, città per città. L’anno accademico 2016/2017 è appena cominciato per migliaia di...
Studenti universitari, oltre il 40% del budget se ne va per l’affitto. Qualche consiglio per i fuori sedeStudenti universitari, oltre il 40% del budget se ne va per l’affitto. Qualche consiglio per i fuori sede
Facciamo i conti in tasca ai tantissimi studenti universitari che si stanno organizzando in vista dell’avvio dei corsi, dando qualche...
Le 5 detrazioni Irpef per gli affitti che puoi scaricare con la dichiarazione dei redditi 2016.Le 5 detrazioni Irpef per gli affitti che puoi scaricare con la dichiarazione dei redditi 2016.
Se vivete in affitto e siete in procinto di presentare la dichiarazione dei redditi coi modelli Unico e 730, vi interesserà sapere che avete...
Studenti, in stanza doppia risparmio medio del 26%. Roma la città in cui condividere conviene di piùStudenti, in stanza doppia risparmio medio del 26%. Roma la città in cui condividere conviene di più
Comfort vs. risparmio. Per uno studente universitario fuori sede, la scelta tra l’affitto di una stanza singola o di una doppia è il...
Professione studente: prezzi stabili e canone concordato per chi cerca una sistemazione in affitto.  Professione studente: prezzi stabili e canone concordato per chi cerca una sistemazione in affitto.
Mancano due settimane all’apertura del nuovo anno accademico, quello della Buona università che secondo le intenzioni del Governo segner&...