Cerca

Il proprietario deve consegnare all'inquilino tutte le copie delle chiavi?

by Isabella Tulipano
in Esperto
on Febbraio 14, 2013
Visite: 30593

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Un quesito che molti proprietari si pongono quando concedono in locazione il proprio immobile: e se poi ho bisogno di entrare nell'appartamento (gli scenari immaginati vanno dall'incendio, all'allagamento, passando per ogni altra possibile - ed impossibile - catastrofe naturale) come faccio?

 

Ho dato in affitto un appartamento a dei nuovi inquilini, che mi richiedono tutte le copie delle chiavi dell'appartamento. Attualmente gli inquilini hanno due copie delle chiavi e sanno che ne possiedo una terza copia. Come proprietaria, è un mio diritto mantenerne una copia?
Esiste qualche disposizione del Codice civile che sostiene che il proprietario può tenere una copia delle chiavi o che esse devono essere date tutte agli inquilini? Inoltre, gli inquilini avrebbero diritto di sostituire la serratura senza avvisarmi?

Sabrina

Cara Sabrina,
capisco le sue perplessità e soprattutto la riserva a consegnare tutte le copie, ma posso confermare che, salvo diverso e specifico accordo con l'inquilino, il proprietario non può mantenere una copia delle chiavi dell'immobile dato che, con la locazione, si trasferisce del tutto la disponibilità dei locali.
Tanto che il proprietario che nel corso del contratto si introduca nell'abitazione affittata commette il reato di violazione di domicilio, di cui all'articolo 614 del Codice penale. È pertanto diritto dell'inquilino sostituire la serratura della porta d'ingresso; in tal caso, però, l'inquilino deve darne puntuale avviso al proprietario.
Concludendo quindi, Sabrina può trattenere il mazzo di chiavi per le sole emergenze, ma solo in base ad uno specifico accordo con i suoi inquilini.

 POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:
10 consigli per essere un proprietario di casa in affitto moderno e al passo con i tempi
Verbale di consegna dell’immobile: 5 buoni consigli per la corretta compilazione.

Per qualsiasi quesito sull'affitto, scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Presentazione Autore
Isabella Tulipano

Donna, per designazione naturale, accettata con orgoglio e vanto. Mamma, per scelta consapevole: impegnativa quanto appagante. Esperta in questioni tecniche, fiscali, legali sul mondo delle locazioni, per lavoro, ma soprattutto per passione e per deformazione filosofica: l'eccellenza non è un atto, ma un'abitudine.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • gianni

    posso chiedere una riduzione del canone d'affitto a cedolare secca visto che non è garantita l'apporto idrico nelle 24 ore? con un canone di 300 euro mensile di quanto posso ridurre il canone d'affitto?

  • Buongiorno Gianni, tale condizione non le era stata illustrata sin da subito? Se è un vizio emerso successivamente potrebbe chiedere una riduzione che può valutare lei congrua al disagio. Il proprietario deve però accettare.

  • Fabio

    Buongiorno,chi affitta un appartamento ma non il box(lo tiene per il suo utilizzo...),può concedere al suo affittuario la chiave del cancello automatico? oppure no? se non può e lo fà a cosa và incontro?? grazie

  • Gentile Fabio, se il cancello dà accesso esclusivamente al garage non è necessario consegnare le chiavi; mentre se serve per accedere anche ad altri parti in comune è corretto dare le chiavi.

  • Valeria

    Buongiorno,
    un anno fa ho sottoscritto un contratto di affitto della durata di un anno.
    Il contratto non mi è mai stato consegnato tanto che nemmeno so se effettivamente è stato registrato.
    Qualche mese fa il proprietario ha iniziato ad avere atteggiamenti strani, controllandomi ogni qual volta esco di casa o rientro ed offendenomi pesantemente in maniera verbale circa la mia vita privata e lavorativa.
    Due mesi fa ho dato conferma di volermene andare proprio spinta da questi motivi (scioccamente non ho mai pensato di richiedere una copia del contratto) e verbalmente il permesso mi è stato accordato con decorrenza 1° giugno 2017.
    Qualche giorno fa, invece, sono stata intimata di non lasciare l'appartamento in quanto non avendo dato i 3 mesi di preavviso previsti dal contratto tramite raccomandata incorrerei in sanzioni e penali per tutta la durata dell'anno prossimo (ribadisco, contratto mai ricevuto - nonostante io adesso sappia che entro 60gg il locatore deve farne avere copia all'inquiilino)
    Come devo comportarmi?
    Ho fatto richiesta del contratto al proprietario ma ad oggi ancora non ho ricevuto nulla.
    Inoltre, le offese e le ingiurie persistono con tanto di minacce verbali del tipo " ti rovino"
    Ora.
    Mi trovo in una situazione assolutamente spiacevole.
    Qualora il proprietario non volesse darmi copia del contratto (che risulta essere un mio diritto o sbaglio???) come devo procedere?
    Inoltre, so per certo che la cifra scritta sul contratto è di gran lunga inferiore a ciò da me corrisposto mensilmente e puntualmente soprattutto.
    Aggiungo anche che nonostante ci sia questo contratto, io non figuro nè sul campanello (inesistente) nè tantomeno sulle bollette che temo essere per l'intera palazzina.
    Inoltre, per quanto riguarda tariffe di acqua e riscaldamento, il proprietario redige semestralmente una tabella in excel con il totale a pagare. Non ho assolutamente prove certe che i conteggi siano esatti considerando che non ho accesso al locale contatori.
    Purtroppo solo ora mi accorgo delle cifre esorbitanti da me pagate finora, tanto che temo seriamente di pagare anche ciò di cui non sono io ad usufruire.
    Come esco da questa situazione?

    Potrò uscire a giugno, considerando che per dare il preavviso avrei dovuto mandare raccomandata con i dati di registrazione del contratto che non ho mai ricevuto?
    E se non avevo il contratto, come potevo dare il preavviso senza i dati del caso?

    Ringrazio per l'aiuto
    Valeria

  • Gentile Valeria, considerando le tante irregolarità di cui parlo, credo possa lasciare l'immobile alla data del 1 giugno come concordato; il proprietario non potrà procedere nei suoi confronti se il contratto non è stato regolarmente registrato e se viene riportato un canone più basso di quello che lei versa. Per cui tenga in ogni caso traccia dei versamenti e invii in ogni caso una comunicazione scritta per la disdetta.

  • Alessia

    Buonasera se una persona si ė concordata con il proprietario nel prendere casa in affitto ma quest'ultimo
    non riesce a rispettare la data di consegna e lo fa una settimana dopo cosa succede

  • Gentile Alessia, il futuro inquilino potrebbe a questo punto chiedere la restituzione del doppio della caparra, se è stata versata e ritirarsi.

  • Gli Ornella

    Sono in affitto, cioè sto trasloccando...ho diritto di cambiare la serratura di casa.

  • Gentile Ornella deve riconsegnare tutte le chiavi, ma non cambiare la serratura.

  • Gabri

    Buongiorno,
    Volevo chiederle un chiarimento. Sono entrata da poco in un nuovo appartamento e il precedente inquilino che possedeva (e dichiarato di possedere) 2 mazzi di chiave ne restituisce solo 1. Della seconda chiave non sa dove averla, dichiara di averla forse in qualche scatola del trasloco. Ho chiesto informazioni al padrone di casa su come procedere ma ha detto che un eventuale cambio serratura sarebbe a nostro carico. Considerando che una chiave è smarita non dovrebbe essere a carico del padrone di casa/precedente inquilino? Grazie mille

  • Gentile Gabri, lei ha diritto a ricevere tutte le copie; quindi il proprietario poteva rifarsi sul precedente inquilino per la mancata riconsegna dei due mazzi di chiavi, magari addebitando la spesa per il cambio della serratura, che in ogni caso non compete a lei,.

  • Alberto

    Buonasera, può ritenersi nullo un contratto di locazione che non riporta l'intero importo pattuito col locatore? Ad esempio io pago 550 ma nel contratto ne figurano 350. Ed inoltre l'immobile è stato diviso in 2 abitazioni ma mai diviso catastalmente. Purtroppo quest'ultima cosa l'ho scoperta dopo aver firmato il contratto e al momento delle volture delle varie utenze. Infatti è presente un unico contatore Enel e Amap che serve 2 abitazioni. In più il condominio unico di una casa intera.

  • Gentile Alberto, il contratto non è nullo, ma ovviamente lei può riconoscere, e il proprietario pretendere, solo il canone riportato nel contratto registrato; mentre per la doppia unità abitativa deve verificare i dati catastali, quindi le risulterebbe concesso l'intero l'immobile? In questo caso dovrebbe essere nell'interesse del proprietario procedere alla distinzione delle due unità immobiliari.

  • Alberto

    Nel contratto di affitto non mi è concesso l'intero immobile ma si fa riferimento solo ad alcuni vani. Ma questa situazione mi ha creato non pochi problemi. Innanzitutto l'allaccio del metano presente solo nella abitazione accanto. Poi Enel, Acqua e condominio tutte a mie spese nonostante io non abiti l'intero immobile ma in quello accanto abita la figlia della proprietaria!
    Più volte nel corso degli anni ho chiesto alla mia proprietaria di regolarizzare sia la situazione catastale sia la regolarizzazione del contratto di locazione ma inutilmente.
    Ad un certo punto quando ho smesso di saldare l'importo non previsto dal contratto per 2 mesi la mia proprietaria si è autodenunciata all'agenzia delle entrate e subito dopo mi ha intimato uno sfratto per morosità per questi 2 mesi!

  • se lei paga quanto riportato nel contratto non può essere considerato moroso.

  • se dimostra di aver pagato per spazi non utilizzati può chiedere sicuramente il risarcimento.

  • Alberto

    Intanto grazie per le risposte tempestive.
    E sulla divisione della casa potrei chiedere un risarcimento per luce, acqua, condominio e immondizia pagata per l'intera quadratura dell'immobile?

  • manola pizzon

    sono in affitto da 8 mesi in un appartamento che comprende anche la cantina, però la padrona con delle scuse non mi vuole ridare le chiavi di questa cantina cosa devo fare saluti Manola

  • Buongiorno Manola, se il suo contratto prevede anche l'uso della cantina ha diritto alle chiavi o a chiedere una riduzione del canone considerando il minore valore dell'immobile che le è stato concesso.

Carica Altri Commenti

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
3 ragioni per cui l’affitto è in crescita anche se le compravendite sono ripartite3 ragioni per cui l’affitto è in crescita anche se le compravendite sono ripartite
Gli italiani ricominciano a comprare casa, gli affitti sono destinati a sgonfiarsi. Sbagliato: ecco cosa succede sul mercato immobiliare  ...
Perché l’affitto è il fenomeno immobiliare del momento, spiegato in 3 puntiPerché l’affitto è il fenomeno immobiliare del momento, spiegato in 3 punti
Un mercato in crescita da 9 anni consecutivi, una fiscalità particolarmente vantaggiosa per il proprietario e canoni di affitto accessibili per...
2 Millennials su 3 scelgono l’affitto. E il mito della casa di proprietà?2 Millennials su 3 scelgono l’affitto. E il mito della casa di proprietà?
Comprare casa per i giovani: da passaggio imprescindibile a scelta di vita troppo impegnativa.     L’acquisto di un’...
Affitto, tutte le previsioni per il 2017Affitto, tutte le previsioni per il 2017
Previste più transazioni di mercato nelle grandi città. Canoni abitativi stabili quasi ovunque, solo a Milano segnali di crescita. &...
Affitto, i canoni bassi agevolano la scelta di immobili più spaziosiAffitto, i canoni bassi agevolano la scelta di immobili più spaziosi
Grazie ai ribassi dei canoni di locazione degli ultimi anni, molti inquilini possono permettersi una stanza in più per la propria casa in...