Cerca

Locazione di immobile di interesse storico: come fare?

by Andrea Cioli
in Esperto
on Novembre 03, 2016
Visite: 832

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Vincolo Soprintendenza come affittare

Se è ben noto ai più che la vendita di un immobile “vincolato” (riconosciuto di interesse storico-artistico dalla Soprintendenza) comporti alcuni passaggi peculiari, non sempre è chiaro cosa specificamente comporti la locazione di un immobile del genere, sia a livello contrattuale che agevolativo che, infine, di obblighi comunicativi. Torniamo dunque su questo argomento, già affrontato tempo fa, per fornire un quadro generale di tutti gli aspetti coinvolti.

 

Tipologia contrattuale per la locazione di immobile “vincolato”

 

Per quanto riguarda il tipo di contratto da utilizzare abbiamo chiare indicazioni dalla legge 431/98 (art. 1 comma 2):

Le disposizioni di cui agli articoli 2, 3, 4, 7, 8 e 13 della presente legge non si applicano:
a)
ai contratti di locazione relativi agli immobili vincolati ai sensi della legge 1° giugno 1939, n. 1089, o inclusi nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, che sono sottoposti esclusivamente alla disciplina di cui agli articoli 1571 e seguenti del codice civile qualora non siano stipulati secondo le modalità di cui al comma 3 dell'articolo 2 della presente legge (contratti tipo).

Questo vuol dire che per la locazione di un immobile “vincolato” si possono scegliere due strade:

1) utilizzare un contratto tipo, dunque un 3+2, un contratto per studenti universitari o transitorio. Qualora si opti per questa soluzione (da valutare la convenienza, anche in base all’accordo territoriale e al canone che ne deriverebbe) tale contratto sarà soggetto alle regole per esso previste e (salvo che nel caso di contratto transitorio) si potrà anche accedere alla cedolare al 10% (qualora l’immobile si trovi in zona “ad alta densità abitativa”);

2) utilizzare un contratto “completamente libero”, che sarà soggetto esclusivamente all'applicazione delle norme del codice civile sulle locazioni (artt. 1571 e seguenti del cod. civ.). In tal caso l’autonomia sarà decisamente maggiore: il codice civile, infatti, non impone vincoli particolari, ad eccezione del limite massimo di durata, stabilito in 30 anni. Proprietario e inquilino che stipulano un contratto di questo genere, dunque, hanno facoltà di stabilire liberamente tutte le condizioni della locazione, dalla durata (entro i 30 anni), al rinnovo (che potrà essere automatico, a richiesta, oppure essere escluso), ai termini di disdetta, al canone di locazione, alle modalità di aggiornamento annuale del canone, e così via. In questa ipotesi, qualora il locatore opti per la cedolare secca, si applicherebbe l’aliquota del 21%, mentre decisamente maggiori sarebbero le agevolazioni in caso di regime tradizionale IRPEF.

Agevolazioni fiscali per immobile “vincolato” concesso in locazione

 

È prevista una particolare agevolazione IRPEF per i proprietari di immobili vincolati che decidono di concederli in locazione. A questo proposito infatti il D.L. 16/2012 ha introdotto una significativa novità: il reddito dei fabbricati di interesse storico o artistico concessi in locazione è costituito dal maggiore importo risultante a seguito del confronto tra la rendita catastale effettiva dell'immobile rivalutata del 5 per cento, rapportata al periodo e alla percentuale di possesso, e il canone di locazione ridotto del 35 per cento, rapportato alla percentuale di possesso.

In sostanza, il locatore pagherà le tasse solo sul 65% del canone percepito.

Tale agevolazione, sebbene ridotta rispetto a quella che esisteva in precedenza, è comunque maggiore a quella che, in caso di regime IRPEF, viene concessa ai locatori che decidano di utilizzare il contratto c.d. “a canone concordato” per immobili situati in comuni ad alta densità abitativa., e che consiste in una deduzione complessiva del 33,5% (il locatore paga le tasse sul 66,5% del canone percepito).

Obblighi comunicativi in caso di locazione di immobile “vincolato”

 

La  Legge 1 Giugno 1939, N.1089, aggiornata dal  Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 (Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio), prevede una serie di adempimenti legati alla natura dell’immobile. Ai nostri fini il principale è il seguente:

Gli atti che trasferiscono, in tutto o in parte, a qualsiasi titolo, la proprietà o la detenzione (ciò che avviene in caso di locazione) di beni culturali sono denunciati al Ministero (più precisamente al Sopraintendente per i beni architettonici del luogo ove si trova l’immobile).

La denuncia va effettuata entro trenta giorni e, in mancanza, la norma prevede la pena della reclusione fino a 1 anno e la multa da euro 1.549,50 a euro 77.469.

La comunicazione, di cui esiste un modello predisposto dalle singole Soprintendenze, in ogni caso dovrà contenere:

·      *    i dati identificativi delle parti e la loro sottoscrizione;

·      *   i dati identificativi catastali dei beni;

·     *    l'indicazione del luogo ove si trovano i beni;

·     *    l'indicazione della natura e delle condizioni dell'atto di trasferimento;

·    *     l'indicazione del domicilio in Italia delle parti ai fini delle eventuali comunicazioni  

Registrazione del contratto di locazione di immobile “vincolato”

 

Nel caso si opti per il contratto completamente libero, per registrare con RLI utilizzare il codice L1, come per la locazione abitativa non agevolata. Qualora non si opti per cedolare secca l’imposta di registro sarà del 2% (senza alcuna agevolazione particolare, quindi).

Qualora invece si opti per un contratto 3+2 saranno previste (come sopra chiarito) le specifiche agevolazioni collegate a questi contratti nei comuni ad alta tensione abitativa, ovverosia cedolare al 10% o deduzione IRPEF del 35% (data la specifica previsione di cui sopra) con imposta di registro calcolata sul 70% del canone annuo. In tal caso il codice da utilizzare per la registrazione sarà L2.

Presentazione Autore
Andrea Cioli
Author: Andrea Cioli

In un Paese di poeti, santi, navigatori, commissari tecnici ed avvocati può un laureato in Giurisprudenza sfuggire al suo destino e lavorare come guida turistica? Certamente sì, se il tour è nella giungla della locazione. Feticista della spiegazione, temutissimo dai suoi figli per via delle paternali debordanti di premesse, cerca da sempre di coniugare serietà e leggerezza, perché senza regole non esiste gioco, ma senza gioco non esiste niente.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Principali novità negli affitti a canone concordato – Nuova Convenzione 2016Principali novità negli affitti a canone concordato – Nuova Convenzione 2016
Finalmente una nuova Convenzione Nazionale Come anticipato in un recente articolo del Blog, il 25 ottobre 2016 è stata stipulata presso il...
Contratto a canone concordato in un comune non ad alta densità abitativa: possibile?Contratto a canone concordato in un comune non ad alta densità abitativa: possibile?
I contratti agevolati prevedono sempre le agevolazioni fiscali? L’introduzione della cedolare secca agevolata al 10% ha alimentato l’...
Le misure sulla casa nel 2016: la manovra di Stabilità adesso è legge.Le misure sulla casa nel 2016: la manovra di Stabilità adesso è legge.
Sono tante le novità sulla casa contenute nella Legge di Stabilità, approvata in via definitiva nei giorni scorsi dopo il lungo iter...
Legge di Stabilità, tutti gli emendamenti su casa e affitti.Legge di Stabilità, tutti gli emendamenti su casa e affitti.
La presentazione, lo scorso 15 ottobre, della Legge di Stabilità è stato solo il primo passo verso la versione definitiva della manovra...
Arriva la Finanziaria 2016, ecco tutte le novità sulla casa.Arriva la Finanziaria 2016, ecco tutte le novità sulla casa.
La Legge di Stabilità per il 2016 è stata approvata ieri dal Consiglio dei Ministri: una manovra da 27-30 miliardi di euro, che...