Cerca

Obbligatoria la certificazione per l'immobile in affitto?

by Isabella Tulipano
in Esperto
on Ottobre 03, 2012
Visite: 7924

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Anche per l'immobile dato in affitto il proprietario deve obbligatoriamente far redigere e consegnare all'inquilino l'Attestato di Certificazione Energetica (ACE).

 

"Sono il proprietario di un appartamento in un condominio composto da 8 abitazioni. Il mio immobile è l'unico dato in affitto. Ho sentito spesso parlare della nuova normativa sulla certificazione energetica e da qui mi è sorto un dubbio che vorrei sottoporre alla vostra attenzione: devo far redigere l'Attestato di Certificazione Energetica da un professionista e consegnarla al mio inquilino? È necessario un attestato anche per gli impianti di tutto il condominio?"
Guglielmo


Caro Guglielmo,
effettivamente la normativa introdotta dal D.Lgs. del 03 marzo 2011, n. 28 sancisce l'obbligo di presentazione della documentazione attestante la certificazione energetica dell'immobile oggetto del trasferimento (compravendita o affitto). La normativa nazionale è supportata poi dalle singole leggi regionali che regolano nel dettaglio le modalità applicative di tale obbligo.
Se il tuo appartamento ha un impianto di riscaldamento autonomo, allora la Certificazione Energetica che dovrai far redigere da un tecnico e rilasciare al tuo inquilino sarà relativa soltanto al singolo appartamento. Nel caso in cui, invece, l'appartamento venga riscaldato attraverso un impianto centralizzato è possibile redigere la Certificazione del tuo appartamento calcolando il rendimento medio stagionale dell'impianto termico centralizzato in funzione della norme UNI TS 11300/2. In questo caso il tecnico certificatore dovrà disporre dei dati dell'impianto centralizzato:
• tipologia della caldaia (ad esempio caldaia a condensazione 4 stelle a metano),
• tipologia di regolazione (ad esempio sonda esterna e termostato di caldaia),
• tipologia di distribuzione (ad esempio distribuzione ad albero con montanti in traccia isolati).
I dati della caldaia e del bruciatore sono riportati nel libretto di centrale in possesso dell'amministratore del condominio. Copia di questo è da consegnare al tuo inquilino, in quanto responsabile, anche lui, dell'impianto centralizzato.

 POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:
APE, dal 1 ottobre nuove regole per chi affitta, vende o ristruttura l’immobile.
APE obbligatorio per l’affitto. Ma la certificazione energetica è davvero utile?

Per qualsiasi quesito sull'affitto, scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Presentazione Autore
Isabella Tulipano

Donna, per designazione naturale, accettata con orgoglio e vanto. Mamma, per scelta consapevole: impegnativa quanto appagante. Esperta in questioni tecniche, fiscali, legali sul mondo delle locazioni, per lavoro, ma soprattutto per passione e per deformazione filosofica: l'eccellenza non è un atto, ma un'abitudine.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Maria

    Buongiorno,
    vorrei affittare due box di mia proprietà e vorrei sapere se è possibile e conveniente scegliere la cedolare secca. Il mio reddito è di circa 25.000€.
    Il canone mensile di affitto potrebbe essere di 80/90 euro mensili e le spese condominiali circa 140 €.
    Grazie per la risposta.
    Maria

  • Gentile Maria, al momento la cedolare secca si può applicare esclusivamente ai contratti abitativi.

  • Roberto

    Nel caso di una casa al mare che non ha nessun impianto di riscaldamento è obbligatorio fare la certificazione energetica per pubblicizzarlo tramite annunci online per poterlo affittare?

  • Gentile Roberto, l'esclusione è prevista non pe ri tipi di contratto ma per la tiplogia di immobili. Ne sono esclusi:
    - i fabbricati agricoli, artigianali e industriali non residenziali, nel caso in cui gli ambienti vengano climatizzati o mantenuti a una temperatura controllata per necessità specifiche del processo produttivo;

    - gli immobili la cui gestione è disciplinata dall’articolo 136 del decreto legge numero 42 del 22 gennaio 2004, relativo ai beni del paesaggio e culturali;

    - i fabbricati artigianali, industriali e agricoli che usino reflui energetici provenienti dal processo produttivo che non possano essere utilizzati in altro modo;

    - gli immobili che devono essere sottoposti unicamente a risanamento conservativo e restauro, sulla base delle normative dello strumento urbanistico, quando il rispetto delle prescrizioni comporterebbe una modifica non accettabile del loro aspetto, in particolare per il loro carattere artistico o storico;

    - i fabbricati isolati la cui superficie utile complessiva non superi i 50 metri quadri;

    - gli impianti che vengono installati ai fini della produzione all’interno dell’edificio, anche nel caso in cui vengano usati per utilizzi del settore civile

  • Gentile Francesco, la sua osservazione è giusta. Il decreto introduceva queste due specifiche, ma proprio perchè è diventata obbligatoria l'indicazione della classe energetica negli annunci, praticamente si sancisce l'obbligatorietà per il proprietario di conoscere la classe energetica dell'immobile che va a concedere in locazione. E se alcuni (legge regionale permettendo) producevano semplicemente un'autocertificazione in classe G, ora le nuove disposizioni impedirebbero anche questo stratagemma, a favore di una certificazione redatta da un professionista.

  • Francesco

    Ma siete sicuri ?

    Il nuovo comma 2-ter dell'art. 6 del D.Lgs. 192/2005 dispone quanto segue: «Nei contratti di compravendita o di locazione di edifici o di singole unità immobiliari è inserita apposita clausola con la quale l'acquirente o il conduttore danno atto di aver ricevuto le informazioni e la documentazione in ordine alla certificazione energetica degli edifici.

    Nel caso di locazione, la disposizione si applica solo agli edifici e alle unità immobiliari già dotate di attestato di certificazione energetica ai sensi dei commi 1, 1-bis , 1-ter e 1-quater».

    Tratto dal DECRETO LEGISLATIVO 3 marzo 2011 , n. 28

    Mi sembra che chi non lo ha già non lo debba far redigere nel caso di locazione o sbaglio ...
    Grazie Francesco

  • Ciao Patrizia,
    nei casi in cui il condominio è dotato di impianto di riscaldamento centralizzato, l'attestato unico di cui parli va benissimo; è importante consegnarne una copia all'inquilino, insieme alla copia del libretto con i dati della caldaia (l'amministratore dovrebbe essere in possesso di questa documentazione).

  • Patrizia

    ciao Isabella sono Patrizia ho visto talvolta nei condomini dotati di riscaldamento centralizzato un attestato unico di certificazione energetica predisposto dall'amministratore, è valido per i singoli appartamenti eventualmente locati ?
    grazie buona giornata

  • Riccardo

    Spiegazione chiara ed esauriente! Grazie, Isabella!

  • Enrico

    Bene, ci vuole un pò di attenzione verso questi argomenti.

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Morosità di un condomino: cosa fareMorosità di un condomino: cosa fare
L’inquilino non paga le spese condominiali: come procedere? La “questione morosità” è ormai una problematica discussa...
3 ragioni per cui l’affitto è in crescita anche se le compravendite sono ripartite3 ragioni per cui l’affitto è in crescita anche se le compravendite sono ripartite
Gli italiani ricominciano a comprare casa, gli affitti sono destinati a sgonfiarsi. Sbagliato: ecco cosa succede sul mercato immobiliare  ...
Tra proprietario e inquilino non metterci l’amministratore!Tra proprietario e inquilino non metterci l’amministratore!
A chi chiedere il pagamento delle spese condominiali? Oneri accessori o spese condominiali: un balzello (spesso molto pesante) che ci si dimentica di...
Perché l’affitto è il fenomeno immobiliare del momento, spiegato in 3 puntiPerché l’affitto è il fenomeno immobiliare del momento, spiegato in 3 punti
Un mercato in crescita da 9 anni consecutivi, una fiscalità particolarmente vantaggiosa per il proprietario e canoni di affitto accessibili per...
2 Millennials su 3 scelgono l’affitto. E il mito della casa di proprietà?2 Millennials su 3 scelgono l’affitto. E il mito della casa di proprietà?
Comprare casa per i giovani: da passaggio imprescindibile a scelta di vita troppo impegnativa.     L’acquisto di un’...