Cerca

Principali novità negli affitti a canone concordato Nuova Convenzione 2016

by Andrea Cioli
in Esperto
on Novembre 24, 2016
Visite: 715

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Finalmente una nuova Convenzione Nazionale

Come anticipato in un recente articolo del Blog, il 25 ottobre 2016 è stata stipulata presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti la nuova Convenzione Nazionale tra le Associazioni maggiormente rappresentative di proprietari e inquilini (la precedente risaliva al 1999).

La nuova Convenzione Nazionale, una volta recepita da apposito Decreto Ministeriale, costituirà la base per i futuri Accordi Territoriali locali attraverso i quali verranno definiti i criteri per la stipula dei contratti a canone concordato (o del “secondo canale”).

Fino alla stipula degli Accordi in base alla nuova Convenzione (e al Decreto Ministeriale a venire) varranno gli Accordi attualmente in vigore.

Prima ancora che tale novità produca effetti concreti, dunque, può essere utile una panoramica più dettagliata circa le novità principali che interesseranno i cosiddetti contratti “del secondo canale” in futuro.

 

Nuovi modelli di contratto e Tabella Oneri Accessori

La Convenzione richiama nuovi modelli di contratto e una nuova Tabella degli oneri accessori; il testo si riferisce a degli allegati alla stessa Convenzione, ma in realtà tali allegati non sono disponibili e probabilmente lo saranno solo in sede di emanazione del Decreto Ministeriale di cui sopra. Attualmente, dunque, possiamo sospettare novità nei modelli contrattuali e nella Tabella, senza conoscerne tuttavia il contenuto.

Modifica durata contratti transitori

La Convenzione (art. 2 comma 1) stabilisce per i contratti transitori una durata non superiore a 18 mesi, eliminando dunque il precedente (e attualmente in vigore) limite minimo (1 mese).

Si tratta della novità a nostro avviso più importante, dal momento che rimedia a una lacuna: attualmente non esiste una figura contrattuale applicabile alle locazioni molto brevi che non siano motivate da esigenze esclusivamente turistiche. In attesa che gli Accordi definiscano in concreto a quali esigenze sia collegata questa tipologia contrattuale, immaginiamo che sarà applicabile alle brevi trasferte lavorative, alle partecipazioni a fiere ed eventi e, in definitiva, a tutte quelle esigenze per le quali finora si era costretti a “forzare” altre tipologie di contratto.

Resta inteso che, stando alla normativa vigente, in caso di transitorio di durata non superiore a 30 giorni non sussisterà l’obbligo di registrazione.

Nuovi criteri per stabilire obbligo canone concordato in caso di contratti transitori

La Convenzione prevede (art. 2 comma 2) che l’obbligo di definire il canone in base ai parametri definiti dall’Accordo Territoriale localmente applicabile, con possibilità di un aumento fino al 20%,  scatti solo nel caso il Comune dove è sito l’immobile abbia un numero di abitanti superiore a 10.000 (diecimila), stando all’ultimo Censimento. In Comuni con numero di abitanti pari o inferiore a 10.000 sarà invece possibile definire liberamente il canone.

Ma attenzione: in caso di contratto di durata non superiore a 30 giorni il canone potrà essere libero anche nei Comuni con numero di abitanti superiore a 10.000. In tali casi anche la ripartizione degli oneri accessori sarà libera e non terrà conto della Tabella degli oneri accessori.

Attualmente, come sappiamo, la regola è differente, dal momento che il calcolo del canone è vincolato ai parametri degli Accordi nei Comuni appartenenti alle Aree Metropolitane di Roma, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Napoli, Torino, Bari, Palermo e Catania, nei comuni con esse confinanti e negli altri comuni capoluogo di provincia (art. 2 comma 2 D.M. 30/12/2002).

Esigenze di transitorietà

la Convenzione prevede (art. 2 comma 4) che i contratti transitori debbano contenere una specifica dichiarazione che individui un’esigenza di transitorietà del locatore o del conduttore compresa tra quelle previste dall’Accordo Territoriale. Tale esigenza (che sia del locatore o del conduttore) andrà provata con documentazione da allegare al contratto.

A quanto è dato leggere, verrà meno la necessità di conferma (per il locatore) delle esigenze di transitorietà entro la fine del contratto.

Ma attenzione:
- in caso di transitorio di durata non superiore a 30 giorni basterà indicare in contratto una tra le esigenze previste dall’Accordo, senza necessità di documentare alcunché;

- in generale, la Convenzione (con una formula invero poco chiara espressa nell’art. 2 comma 5) stabilisce che, “per i casi in cui il contratto non sia motivato sulla base di fattispecie non previste dall’Accordo Territoriale o difficilmente documentabili, gli Accordi stessi definiranno le modalità bilaterali di supporto ai contraenti da parte delle rispettive organizzazione firmatarie”.  All’apparenza si tratta di un modo per rendere più elastico il requisito delle esigenze di transitorietà, prevedendo però un necessario coinvolgimento delle Associazioni di categoria.

Attestazione parametri utilizzati per il calcolo del canone concordato e agevolazioni fiscali

La Convenzione prevede (art. 1 comma 8) la possibilità che le parti si facciano assistere dalle Organizzazioni di proprietari o inquilini per la stipula. Tale assistenza viene confermata come facoltativa e pertanto sarà possibile anche stipulare contratti a canone concordato senza alcuna assistenza.

Tuttavia, nel testo troviamo un passaggio che potrebbe far presagire, nei futuri Accordi Territoriali, una presenza più “ingombrante” delle Organizzazioni in fase di attestazione della corretta applicazione dei parametri utilizzati per il calcolo e in generale del corretto utilizzo del contratto tipo, ai fini della concessione delle agevolazioni fiscali: “Gli Accordi definiscono, per i contratti non assistiti, le modalità di attestazione da eseguirsi, sulla base degli elementi oggettivi dichiarati dalle parti contrattuali a cura e con assunzione di responsabilità, da parte di almeno una Organizzazione firmataria dell’Accordo, della rispondenza del contenuto economico e normativo del contratto all’Accordo stesso, anche con riguardo alle agevolazioni fiscali”.

In sostanza è possibile che gran parte dei prossimi Accordi, come già attualmente avviene in qualche caso, prevedano l’obbligo di una “vidima” da parte di un’Organizzazione sul contratto o sulla sintesi dei parametri utilizzati per il calcolo, condizione necessaria per accedere alle agevolazioni fiscali, in particolare a quella IMU. Staremo a vedere...

 

 

 

Presentazione Autore
Andrea Cioli
Author: Andrea Cioli

In un Paese di poeti, santi, navigatori, commissari tecnici ed avvocati può un laureato in Giurisprudenza sfuggire al suo destino e lavorare come guida turistica? Certamente sì, se il tour è nella giungla della locazione. Feticista della spiegazione, temutissimo dai suoi figli per via delle paternali debordanti di premesse, cerca da sempre di coniugare serietà e leggerezza, perché senza regole non esiste gioco, ma senza gioco non esiste niente.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Nessun commento trovato

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Le 8 cose da sapere sul mercato dell’affitto nel 2016Le 8 cose da sapere sul mercato dell’affitto nel 2016
Canoni di affitto a due velocità tra nord e sud. Va forte l’abbinamento tra cedolare secca e canone concordato. In aumento chi si...
Nuove regole per gli affitti a canone concordato.Nuove regole per gli affitti a canone concordato.
Rinnovata la Convenzione Nazionale per gli affitti, in arrivo nuove regole per i contratti transitori. Nuove regole più soft sono in arrivo...
Locazione di immobile di interesse storico: come fare?Locazione di immobile di interesse storico: come fare?
Se è ben noto ai più che la vendita di un immobile “vincolato” (riconosciuto di interesse storico-artistico dalla...
Canone concordato, con la cedolare secca al 10% in molte città è ormai la regola per l’affitto di casaCanone concordato, con la cedolare secca al 10% in molte città è ormai la regola per l’affitto di casa
Se negli ultimi anni il ricorso all’affitto è molto aumentato nel nostro paese non è solo a causa della crisi delle compravendite...
Contratto a canone concordato in un comune non ad alta densità abitativa: possibile?Contratto a canone concordato in un comune non ad alta densità abitativa: possibile?
I contratti agevolati prevedono sempre le agevolazioni fiscali? L’introduzione della cedolare secca agevolata al 10% ha alimentato l’...