Cerca

Al via il Ferrara Buskers Festival

by Alberto Bombarda
on Agosto 20, 2014
Visite: 836

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Giunge alla 27esima edizione l'happening nella città estense: musica, colori, emozioni con oltre 1200 artisti di strada provenienti da tutto il mondo e un calendario di spettacoli gratuito dal 21 al 31 agosto. Il via quest'anno sarà celebrato a L'Aquila, città accomunata a Ferrara per i devastanti terremoti del 2009 in Abruzzo e del 2012 in Emilia. Nato nel 1987 il Ferrara Buskers Festival è la più grande manifestazione internazionale di musica on the road e il punto di riferimento di altri eventi in tutta Italia che sono nati nel corso degli ultimi anni.

 

Al via la 27esima edizione del Ferrara Buskers Festival, rassegna internazionale del musicista di strada. Dal 21 al 31 agosto la città estense ospiterà 1.200 artisti: 304 gruppi provenienti da 46 nazioni per 11 giorni.
L'anteprima quest'anno si svolgerà a L'Aquila il 21 agosto e animerà l'asse principale della città, quella che ancora porta i dilanianti segni del terremoto del 6 aprile 2009. Il cuore della città abruzzese vedrà 20 postazioni tra la Fontana Luminosa, la Villa Comunale, piazza del Duomo e corso Vittorio Emanuele II, con 100 artisti che si esibiranno dalle 21.30 alle 24. Il festival dei buskers farà da apripista agli eventi della Perdonanza Celestiniana, la principale manifestazione culturale e religiosa del calendario aquilano (23-29 agosto).

La seconda tappa dei buskers sarà poi a Comacchio il 22 agosto, mentre il weekend del 23 e 24 a Ferrara. Il 25 agosto il festival si sposterà a Lugo, per poi tornare nel capoluogo estense dal 26 fino al 31 agosto.

 

Voluto da Stefano Bottoni, direttore artistico del Festival, il format venne creato con l'intento di valorizzare la figura dell'artista di strada facendolo conoscere ad un pubblico più vasto. Mentre gli artisti invitati sono esclusivamente musicisti, l'ampia schiera di artisti accreditati comprende anche giocolieri, acrobati, equilibristi, clown ed altri originalissimi performer. Nessun artista riceve cachet ma solo le offerte del pubblico nel cappello. L'ingresso alla manifestazione è gratuito. Gli spettacoli si basano sul principio della rotazione, variando la posizione dei gruppi ogni giorno.

 

A distanza di anni dalla prima edizione i numeri del Festival ferrarese parlano chiaro: oltre 800.000 spettatori hanno partecipato al festival 2013 e hanno dato vigore all'economia della città sempre più centrata sul turismo culturale. Lo splendido paesaggio architettonico di Ferrara, città Patrimonio dell'Umanità Unesco, offre 200 mila metri quadrati di palcoscenico: il Ferrara Buskers Festival è la più importante vetrina mondiale della musica di strada e uno dei principali folk festival d'Europa.

 

Ospite d'onore sarà la Mongolia che partecipa con 4 gruppi (in totale sono 20 i gruppi invitati). La grande nazione sarà omaggiata anche da una serie di iniziative in città e da una mostra allestita presso la Biblioteca Ariostea. Suggestivo il repertorio dei musicisti mongoli con brani che raccontano antichi rituali nomadi mentre l'immaginazione percorre sconfinati praterie e cieli immensi e lo spirito si immerge in un natura totale grazie ai canti diplofonici, alle danze, a strabilianti contorsioniste e alle note di strumenti tradizionali.

 

Ferrara Buskers Festival conferma anche la propria vocazione ecologica. Per il quarto anno consecutivo Ferrara dà vita al progetto Ecofestival, un modo nuovo e sostenibile per vivere la manifestazione. Nelle prime 3 edizioni sono state risparmiate 30 tonnellate di CO2 grazie al 57% in meno di rifiuti raccolti a terra durante il festival, alla riduzione di 16 quintali di carta e l'incremento di procedure digitali per la promozione e la comunicazione. Una novità in linea con lo spirito eco della kermesse artistica è la presenza, nel Chiostro di San Paolo, di un punto di ristorazione vegana, mentre chi ama la cucina "tradizionale" apprezzerà gli eventi di Sapori Vicini nati per far conoscere i prodotti di filiera corta del territorio estense.

 

Presentazione Autore
Alberto Bombarda

Una vita da giornalista e comunicatore e adesso affitto case... Da quel lontano 31 agosto 1966 quando vidi la luce a Modena, sotto i ponti della mia vita, in sintesi, è passata una laurea in Scienze politiche nel 1993, un master in Comunicazione d'azienda nel 1995, un esame da giornalista professionista a Roma nel 2000, migliaia di firme tra Il Resto del Carlino, Gazzetta di Modena e anche Gazzetta dello Sport, una moglie, due figli e un'agenzia immobiliare. Un vero globe-blogger...


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Nessun commento trovato

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati