Cerca

I viaggi eco-culturali battono le mete relax

by Alberto Bombarda
on Maggio 10, 2016
Visite: 607

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Oltre il 62% degli italiani nella scelta di una meta turistica privilegia le bellezze storiche e artistiche e gli eventi culturali della destinazione. Un 59% valuta la natura e i paesaggi. Superando così nettamente quelli che (22%) preferiscono luoghi di svago e organizzati o puntano (19,4%) alle offerte enogastronomiche tipiche.

Le statistiche emergono dal VI Rapporto “Italiani, turismo sostenibile e ecoturismo”, promosso da Fondazione Univerde e presentato alla recente Borsa internazionale del Turismo tenutasi alla Fiera di Milano. Proseguendo ad analizzare i dati, il 4,7% sceglie una località dove si può praticare sport. Inoltre una stragrande maggioranza sarebbe disposta a progettare una vacanza rinunciando all'auto se la meta fosse raggiungibile in treno (67%) o in autobus (51%) o se sul posto ci fosse il care sharing (61%) o il bike sharing (47%).

Se il concetto di turismo sostenibile è diventato familiare al 74% degli intervistati (nel 2011 erano 63%), si è tuttavia abbassata la soglia (da 59% al 40%) di chi lo ritiene eticamente corretto ed è scesa dal 56 al 53 la percentuale di chi che nel pianificare un soggiorno si pone il problema di fare scelte che non danneggiano l'ambiente. Il fattore economico non è indifferente: il 48% infatti sarebbe disponibile a spendere fino al 10% in più per scelte ecosostenibili, ma solo se avesse garanzie per l'ambiente. Così come solo a parità di prezzo si deciderebbe per un ristorante che offre menù vegetariani o con prodotti di agricoltura biologica o a km 0.

Tra le mete ecoturistiche per eccellenza restano i parchi. Il 62% degli intervistati (erano 74% nel 2011) ha visitato una grande area verde naturale in Italia. Su un elenco di 25 parchi italiani, i più conosciuti sono quelli della Sila, del Gran Paradiso, dello Stelvio, del Gargano, del Gran Sasso e delle Cinque Terre.

 

I LUOGHI PIU’ VISITATI AL MONDO. Londra, Istanbul e Marrakech sono le vincitrici dei Travelers' Choice Destinations Awards di Tripadvisor, che premiano i luoghi preferiti dai viaggiatori in tutto il mondo. Solo 7° Roma che viene superata oltre che dalle 3 vincitrici anche da Parigi, Siem Reap in Cambogia e Praga. Chiudono la classifica Hanoi in Vietnam (ottava), New York City (nona) e Ubud a Bali (decima).

 

LE METE PIU’ GETTONATE IN ITALIA. Roma non riesce a diventare regina o a stare sul podio nemmeno nella top europea dove si deve accontentare della quinta posizione preceduta da Londra, Istanbul, Parigi, e Praga. A livello italiano la Capitale divide il podio con Firenze (2°) e Venezia (3°), che rimangono salde nelle posizioni guadagnate nel 2015. In quarta posizione anche quest'anno Rimini, che si tiene stretta l'ottima posizione dell'anno scorso. In classifica anche altre due destinazioni romagnole: Cervia (settima) e Riccione (ottava), che fanno guadagnare alla regione lo scettro di più premiata d'Italia. L'Emilia Romagna è infatti l'unica regione italiana a vantare tre destinazioni vincitrici nella Top 10 nazionale. Seconda regione più premiata il Trentino Alto Adige con Selva di Val Gardena (sesta) e Pinzolo (decima). Completano la classifica italiana Sorrento (quinta) e Milano (nona).

Presentazione Autore
Alberto Bombarda

Una vita da giornalista e comunicatore e adesso affitto case... Da quel lontano 31 agosto 1966 quando vidi la luce a Modena, sotto i ponti della mia vita, in sintesi, è passata una laurea in Scienze politiche nel 1993, un master in Comunicazione d'azienda nel 1995, un esame da giornalista professionista a Roma nel 2000, migliaia di firme tra Il Resto del Carlino, Gazzetta di Modena e anche Gazzetta dello Sport, una moglie, due figli e un'agenzia immobiliare. Un vero globe-blogger...


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Gentile Leonarda è necessario procedere con la scrittura di riduzione del canone e con la registrazione presso l'agenzia delle entrate, al momento senza dover pagare altro, in modo da poter così pagare solo su quanto percepirà realmente.

  • Leonarda

    Buon pomeriggio,
    il mio inquilino, al momento in difficoltà, mi ha chiesto una riduzione del canone di locazione. Mi sono un po' documentata, tramite la rete, ed ho capito che è necessario predisporre una lettera che attesti appunto la riduzione del canone ed il periodo e che è assolutamente conveniente registrarla, anche se non obbligatorio.
    Mi sembra di avere letto anche che è esente da imposte di bollo e di registro, è vero? E all'Agenzia delle Entrate, mi presento con solo questo documento o è necessario compliare altro?
    La ringrazio

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati