Cerca

Ti fai i selfie in vacanza? Il tuo viaggio sarà migliore...

by Alberto Bombarda
on Agosto 26, 2016
Visite: 854

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Un selfie migliora un viaggio

Le fotografie fanno amare di più la vacanza, a patto di essere soggetti attivi 

“Chi fa foto apprezza e ricorda di più di chi non le fa” - sentenziano i ricercatori della University of Southern California, Yale University e della University of Pennsylvania che hanno condotto uno studio curioso perché per la prima volta indaga come gli scatti fotografici influenzino positivamente le esperienze delle persone.

“Fare fotografie, di qualsiasi genere, aumenta notevolmente le esperienze positive del viaggio” - precisano i ricercatori della University of Southern California, Yale University e della University of Pennsylvania.
Scattandosi i selfie in vacanza dunque non equivale a distrarsi dal contesto e a dimenticare il mondo intorno. I ricercatori della American Psychological Association danno anche qualche consiglio pratico su come fare scatti utili alla vacanza.

I contenuti dell'indagine e il significato degli esperimenti

 

Nell’indagine, pubblicata sul Journal of Personality and Social Psychology, i ricercatori hanno condotto nove esperimenti su circa 2.000 persone indagando il loro feeling, sentimenti, sensazioni e memoria di chi faceva le foto e chi no durante attività come ad esempio prendere un pullman, mangiare in un ristorante o fare una visita guidata in un museo.

Durante le visite al museo i ricercatori hanno anche studiato il movimento degli occhi delle persone di fronte ad alcuni dipinti. I fotografi guardavano con più attenzione e hanno dimostrato di possedere più elevati livelli di gradimento e soddisfazione oltre che migliore memoria dell’esperienza.
“Mentre generalmente si pensa che fare foto e autoscatti possa distogliere l’attenzione dalle attività piacevoli o importanti che richiedono attenzione, nel nostro campione chi faceva scatti aveva sempre livelli più alti di coinvolgimento nelle attività e ha dimostrato anche una migliore memoria delle stesse attività, rispetto a chi invece si dedica alla visita e non fa foto,” - concludono gli studiosi.

I consigli per un viaggio indimenticabile

 

Ci sono però degli elementi che fanno calare il piacere e i ricordi dell’esperienza che si sta fotografando:

- Per avere effetti benefici non si deve diventare soggetto passivo di scatti e riprese.

- No ai servizi fotografici su richiesta né a riprese prolungate. “Ci vuole una partecipazione attiva durante l’esperienza fotografica” ricordano gli studiosi.

- La grandezza della macchina fotografica influenza infine l’effetto finale: macchine piccole e smartphone vanno benissimo, la perdita di ricordi e attenzione è infatti direttamente proporzionale all’ingombro dello strumento.

Quindi la Reflex lasciatela a casa...

Presentazione Autore
Alberto Bombarda

Una vita da giornalista e comunicatore e adesso affitto case... Da quel lontano 31 agosto 1966 quando vidi la luce a Modena, sotto i ponti della mia vita, in sintesi, è passata una laurea in Scienze politiche nel 1993, un master in Comunicazione d'azienda nel 1995, un esame da giornalista professionista a Roma nel 2000, migliaia di firme tra Il Resto del Carlino, Gazzetta di Modena e anche Gazzetta dello Sport, una moglie, due figli e un'agenzia immobiliare. Un vero globe-blogger...


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Nessun commento trovato

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati