Cerca

Wifi in aereo: ora è possibile!

by Alberto Bombarda
on Ottobre 02, 2015
Visite: 568

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Rivoluzione nei cieli: molte delle compagnie aeree esistenti si stanno adeguando ai tempi e offrono ai propri clienti la possibilità si poter utilizzare il wifi anche in volo. eDreams ha creato una guida dedicata, per scoprire le compagnie aeree che offrono questo tipo di servizio, i costi della connessione e il provider che la fornisce.

 

 

Volete poter rispondere alle vostre mail anche a 10.000 metri di altezza, informarvi sulla vostra destinazione oppure semplicemente chiacchierare con gli amici mentre siete in volo? Fino a poco tempo fa le misure di sicurezza delle compagnie aeree non permettevano l’uso di smartphone e dispositivi elettronici durante il volo, rendendo così l’aereo uno degli ultimi luoghi in cui le persone dovevano disconnettersi per qualche ora da internet. Oggi, molte compagnie aeree hanno e stanno risolvendo questo problema.

 

I costi del servizio delle compagnie di linea. La gestione del wifi a bordo richiede grandi investimenti da parte delle compagnie aeree a prescindere dalla tecnologia scelta: terrestre o satellitare. È quindi comprensibile che questo servizio venga offerto a pagamento nella maggior parte dei casi, con una tariffa che varia a seconda del tempo di connessione o della quantità di dati scaricati. Air Berlin, per esempio, mette a disposizioni diverse opzioni tariffarie, a seconda del tempo di connessione (4,90 € per un pass di 30 minuti e 8,90 € per uno di un’ora) o della tratta del volo (13,90 € per voli a medio raggio e 18,90 € per voli a lungo raggio). Iberia invece applica delle differenti tariffe a seconda dei MB scaricati: 4,95 $ per 4MB o 19,95 $ per 22MB.

Alcune linee aeree, come Turkish Airlines e Aer Lingus, hanno scelto di riservare invece la connessione gratuita a chi viaggia in business. Altre ancora, invece, hanno deciso di estendere questo servizio a tutti i passeggeri in modo gratuito come Norwegian e JetBlue, o come Emirates che riserva 10MB per chi viaggia sugli A380.

 

Le compagnie low cost. Il wifi a bordo non è prerogativa però solo delle compagnie di linea; anche alcune low cost, come Ryanair o Vueling, hanno ora deciso di provare ad offrire il servizio. Ancora in fase di sviluppo, Ryanair dovrebbe rendere disponibile il wifi a pagamento su alcune sue rotte a partire dal 2016, mentre Vueling l'ha inaugurato per l'estate 2015 e per il momento è disponibile solo sul nuovo Airbus A320. In futuro la compagnia pensa ad espanderlo ad altre aeromobili a pagamento ma, secondo quanto dichiarato da Vueling, ad un prezzo molto competitivo.

Presentazione Autore
Alberto Bombarda

Una vita da giornalista e comunicatore e adesso affitto case... Da quel lontano 31 agosto 1966 quando vidi la luce a Modena, sotto i ponti della mia vita, in sintesi, è passata una laurea in Scienze politiche nel 1993, un master in Comunicazione d'azienda nel 1995, un esame da giornalista professionista a Roma nel 2000, migliaia di firme tra Il Resto del Carlino, Gazzetta di Modena e anche Gazzetta dello Sport, una moglie, due figli e un'agenzia immobiliare. Un vero globe-blogger...


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Nessun commento trovato

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati