Cerca

Edifici abbandonati tra fascino e incanto.

by Tiziana Pacini
on Gennaio 31, 2015
Visite: 1344

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Si dice che l'unica cosa immutabile sia il cambiamento. I libri di storia, le sensazioni, le rughe e i capelli bianchi ci dimostrano quotidianamente il passaggio del tempo, ma c'è anche un linguaggio specifico che parla del passato, un linguaggio unico che è intorno a noi e che proviene dalla città. Esistono edifici o addirittura quartieri che per cause diverse sono stati abbandonati, gli stessi luoghi che un tempo magari avevano conosciuto splendore e ricchezza e diventano, per decisione umana, un non-luogo.

 

 

Senza disturbare l'antropologo Marc Augé io mi limiterei a descrivere la malinconia e il fascino di certi spazi abitati dallo spettro dell'uomo, dai ricordi lontani, presenze incastrate tra le mura e da leggende vestite da opprimenti piante selvatiche ogni giorno più invadenti.
L'Italia è costellata di luoghi abbandonati tanto da far nascere un sito dedicato www.italiaperduta.com in cui si legge che nel 2016 saranno 4.395 i comuni che, in assenza di interventi, subiranno un progressivo disagio abitativo: il 42,2 % dei comuni italiani, il 10,4 % della popolazione. Di questi ben 1.650 sono destinati a diventare delle vere e proprie città fantasma, ovvero un quinto dei comuni italiani, il 4,2 % della popolazione.


Di seguito invece trovate una selezione di 15 edifici fantasma provenienti da tutto il mondo, ognuna di queste immagini ha un suo personalissimo fascino di nostalgia e inquietudine: dietro la polvere e le crepe ci sono le storie delle persone che hanno abitato, amato e pregato. D'altro canto è altrettanto affascinante vedere come le cose usate quotidianamente dalle persone siano lentamente reclamate dalla natura, la rappresentazione del naturale ciclo della vita nella riappropriazione dell'equilibrio originario.

 

1. La torre di raffreddamento, Belgio
In Monceau, Belgio si trova questa torre di raffreddamento di una centrale elettrica: la struttura circolare permetteva l'ingresso dell'acqua calda e il successive raffreddamento nelle cisterne sottostanti.

1.1

1.2

 

 

2. Kolmanskop, Namibia
Kolmanskop era un piccolo villaggio in Namibia bombardato nei primi del 900 dai coloni tedeschi che avevano deciso di stabilirsi in quella zona perché ricca di diamanti. Dal 1950 la città fu abbandonata e ora è la meta di molti turisti e fotografi.

2.1

 

3. Foresta galleggiante - Sydney, Australia
Questo è lo scafo della flotta Ayrfield smantellata nella Baia Homebush in Australia dopo la seconda guerra mondiale. Quando il cantiere chiuse questa, come molte altre barche, rimasero immobili sull'acqua. Ora è una bellissima e inquietante foresta galleggiante, dimostrazione della perseveranza e della capacità della natura di sopravvivere.

3.1

 

 

4. Le fortezze marittime di Mausell - Inghilterra
Le fortezze marittime di Mausell sono state costruite vicino al Tamigi per difendere il territorio britannico dagli attacchi tedeschi sia navali che aerei durante la seconda guerra mondiale. Dopo il suo smantellamento nel 1950 il fortino fu la sede di una frangia indipendentista inglese che voleva costituire il Principato di Sealand come stato sovrano e libero.

4.1

 

5. L'ultima casa - Holland Island, U.S.A
Definita "l'ultima" casa è ciò che rimane delle isole Holland nella baia di Chesapeake nel Maryland. La rapida erosione delle isole hanno. Un tempo abitata da una fiorente e prospera comunità di marinai e agricoltori, nel corso degli ultimi decenni è praticamente scomparsa sotto l'innalzamento del livello delle acque della baia. L'emblema della sua rovina è l'ultima casa dell'isola.

5.1

 

6. Pripyat, Ucraina
Pripyat fu costruita il 4 febbraio del 1970 in Ucraina vicino al confine bielorusso come città nucleare, residenza di molti lavoratori della vicina Chernobyl. Dopo il disastro del 1986 fu evacuata e rimase una città fantasma e radioattiva che può essere visitata solo con una guida.

6.1

 

7. Il Vallone di Mulini - Sorrento
Il Vallone dei Mulini si trova a Sorrento, il nome dalla presenza di un mulino che fu utilizzato fino all'inizio del Novecento per macinare il grano. Le acque che scendevano dalle colline e quelle sorgive alimentavano una segheria annessa al mulino e un lavatoio pubblico. Il Vallone fu abbandonato in seguito alla costruzione di Piazza Tasso nel 1866 che isolò inavvertitamente l'area dei mulini dal mare e provocò un brusco innalzamento del tasso di umidità, rendendo la zona invivibile per l'uomo ma ideale per il proliferare delle piante.

7.1

 

8. Stazione - Detroit, U.S.A.
La stazione centrale del Michigan fu costruita nel 1913 a Detroit per creare un nuovo centro pubblici per il trasporto. Piani sovrastimati e molti errori hanno generato un graduale declino della struttura che fu chiusa nel 1988. È ancora da decidere il destino della stazione, nel frattempo viene usata come set di molti film e video musicali.

8.18.2

 

9. Lo yacht sommerso, Antartica
Questo misterioso relitto navale chiamato Mar Sem Fim (mare senza fine) è abbandonato nelle acque ghiacciate dell'Antartico dal 2012. È uno yatch di circa 20 metri ed è affondato durante la registrazione di un documentario da parte di una rete brasiliana per cattive condizioni climatiche. La nave è rimasta incastonata nel ghiaccio e si scorge in trasparenza, da allora è conosciuto come il Sunken yacht (yacht sommerso).

9.1

 

10. Stazione - Abkhazia, Georgia
Questa stazione del treno in Georgia fu abbandonata durante la guerra in Abkhazia nel 1992 tra Georgia e Russia. Tutta la regione fu distrutta, rimane ancora intatta questa stazione che mantiene la sua struttura originaria di marmo e bassorilievi.

10.1

 

11. Città sommersa in Shicheng - Cina
Atlandide esiste? Forse. Ed è in Cina. Questa città sommersa ha 1341 anni e si trova a Shicheng nella provincia di Zhejiang nella Cine orientale. È stata volontariamente sommersa nel 1959 durante la costruzione della stazione idrica Xin'an. L'acqua protegge la città dal vento e dall'erosione, rimane quindi sigillata sott'acqua in relative buone condizioni.

11.1

 

12. Metropolitana a New York
Questa spettacolare stazione della metro è proprio sotto il manto stradale di New York. Vista l'importanza della città è stata riservata molta attenzione al design durante la progettazione e costruzione, ma non fu mai usata perché le curve del percorso non erano adatte al passaggio dei lunghi treni. La stazione fu chiusa al pubblico nel 1945.

12.1

 

13. Salto Hotel, Colombia
L'hotel De Salto è stato aperto in Colombia nel 1928 per i visitatori delle incantevoli cascate della Tequendema. Fu chiuso nei primi anni '90 per il decrescente afflusso di turisti, nel 2012 fu trasformato in un museo.

13.1

 

14. Ospedale militare a Beelitz, Germany
Queste inquietanti fotografie ritraggono una parte del complesso ospedaliero di Beelitz-Heilstätten in Germania. La struttura fu costruita nel 1800 e ospitò Adolf Hitler quando fu ferito ad una gamba nella battaglia di Somme nel 1916.

14.114.2

 

15. Hashima Island, Giappone
L'isola diHashima in Giappone si è guadagnata molti soprannomi tra cui l'isola della nave da guerra per la sua forma e l'isola fantasma. Dalla fine dell'800 per un secolo l'isola fu abitata perché garantiva una accesso diretto alle miniere dei coralli, quando l'interesse dei giapponesi si spostò verso il petrolio le miniere e le strutture costruite sull'isola furono chiuse e abbandonate lasciando una città che ricorda in tutto un nave da guerra fantasma.

15.1

 

 

Presentazione Autore
Tiziana Pacini

Tiziana vive senza lifting a Rimini e lavora da due anni a Cesena: il tempo trascorso in auto, inizialmente considerato perso, diventa un momento per organizzare la giornata, per pensare, creare, sorridere. La sua vita è un salto a piedi nudi in una pozzanghera desiderando sia profonda.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Nessun commento trovato

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati