Cerca

Fedeli al prodotto, finchè negozio non ci separi!

by Tiziana Pacini
on Gennaio 05, 2013
Visite: 3227

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Che per il settore commerciale tradizionale fosse ora di cambiare e di adeguarsi ai tempi, sembra una logica conseguenza di una crisi derivante dalle nuove tecnologie, nuove mode e gusti che cambiano sempre più velocemente. Così se l'e-commerce si diffonde rubando clientela al tradizionale negozio, ora è lo stesso mercato tradizionale a rubare idee al mondo virtuale e a giocare sulla velocità dei tempi. Nascono da questa esigenza nuovi "concetti" di negozio, rivoluzionari ed originali, rispetto all'idea del negoziante di fiducia, dello store monomarca o del supermercato che offre molteplici scelte. Tra questi i temporary shop sono una delle tendenze più insolite e ricercate del marketing non convenzionale.


Diversi "concetti" di negozio si sono diffusi in questi ultimi anni e i "negozi a tempo" o "Temporary shop", assolutamente monomarca, hanno come obiettivo enunciato quello di creare un evento e diffondere curiosità giocando proprio sulla brevità temporale concessa per partecipare all'esperienza e farne parte.
Il temporary shop è uno spazio che possiede alcune caratteristiche formali e convenzionali tipiche degli spazi di vendita commerciali, però con la particolarità che è temporaneo, che dura per un certo periodo di tempo e poi viene disfatto. Il temporary shop serve a vendere prodotti di consumo, a promuovere e spingere il consumatore all'acquisto, ma deve possedere la forza di comunicare al fine di valorizzare la merce esposta.
Si tratta di un negozio, quindi, che occupa per un periodo di tempo predeterminato e limitato (si va da qualche mese a pochi giorni) uno spazio in zone particolarmente prestigiose e commerciali.
L'obiettivo è quello di creare "un evento" e di giocare sulla curiosità generata dalla limitatezza. Lo spazio, naturalmente, riveste un ruolo fondamentale nel successo del negozio a tempo: lo spazio scelto deve essere distintivo, perchè rappresenta il packaging (la confezione) del marchio o prodotto venduto. Pertanto i temporary shop vengono aperti in gallerie d'arte, spazi abbandonati, in centri commerciali fortemente caratterizzati. La scelta della location, quindi, non è mai casuale, ma deve rappresentare l'immagine e l'identità del brand ed essere attraente per il target di riferimento.
Il temporary shop serve a vendere e promuovere nuovi prodotti e a spingere all'acquisto, data l'ansia generata, secondo gli psicologi, da questi eventi a tempo, che spinge ad uno shopping "cieco" e frenetico per la caccia all'occasione, senza che ci sia un reale abbassamento dei prezzi. Così facendo, l'azienda si garantisce la fidelizzazione dei clienti già acquisiti e il potenziale aumento di nuovi acquirenti. L'obiettivo principale di un temporary shop è proprio questo: "influenzare gli influenzatori" , traendo vantaggio da un business usa e getta che consente di abbattere i costi di gestione: non ci sono costi di avviamento o quello di smaltimento dello scorte del magazzino.

watchDall'altra parte l'idea di non poter più contare su quello spazio, di avere un prodotto in anteprima e di far parte di un evento spinge i consumatori a scegliere in fretta.
Il primo ad aver introdotto questa stravagante e innovativa forma di commercio è stato il marchio Comme des garçons, seguito poi da Lancôme che aveva aperto in via della Spiga un negozio temporaneo, dove per quindici giorni le clienti potevano provare gratuitamente nuovi trattamenti.
Nello stesso anno Levi's ha aperto, all'improvviso e per pochissimi giorni, un suo spazio in corso Vittorio Emanuele, quindi il marchio Nivea ha subito dato il via a un nuovo concept, un temporary shop in tour, per promuovere uno degli ultimi prodotti in giro per tutta l'Italia; hanno poi "sperimentato" l'esperienza grandi marchi come Breil o Diesel.
D'altronde, questo nuovo modello di consumo è in piena sintonia con la frenetica vita urbana e lancia una sfida al consumismo "da passeggiata", diventa un lusso per pochi spreca-tempo.
Questa nuova filosofia di vendita porterà i clienti a cambiare filosofia di acquisto, imparando a cogliere l'attimo e non farsi sfuggire l'occasione. Se fino ad oggi si notava il cambio di vetrina e l'unico rischio che si correva era quello di non trovare più taglia o modello, oggi si rischia di non trovare più neppure il negozio!

Presentazione Autore
Tiziana Pacini

Tiziana vive senza lifting a Rimini e lavora da due anni a Cesena: il tempo trascorso in auto, inizialmente considerato perso, diventa un momento per organizzare la giornata, per pensare, creare, sorridere. La sua vita è un salto a piedi nudi in una pozzanghera desiderando sia profonda.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Nessun commento trovato

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Sblocca-Italia, agevolazioni a chi acquista o costruisce casa per affittarla. Diamo i numeri!Sblocca-Italia, agevolazioni a chi acquista o costruisce casa per affittarla. Diamo i numeri!
Il Decreto Sblocca-Italia, di recente pubblicato in Gazzetta Ufficiale, grazie a consistenti agevolazioni fiscali per chi decide di comprare o...
Compraffittando: 3 consigli per un perfetto affitto a riscattoCompraffittando: 3 consigli per un perfetto affitto a riscatto
Nell'ultimo anno si è parlato tanto di affitto a riscatto, o di rent to buy che dir si voglia. Forse un po' per moda, ma sicuramente anche perché pu...
Mutui: e se stessero ripartendo per davvero?Mutui: e se stessero ripartendo per davvero?
Parte tutto da lì, dai mutui fermi. Gran parte della crisi dell'immobiliare italiano prende origine dal settore bancario. Niente mutui, niente...
Affitto con riscatto, la diffusione in Italia di CompraffittandoAffitto con riscatto, la diffusione in Italia di Compraffittando
Con i mutui ai minimi degli ultimi anni, gli italiani stanno elaborando soluzioni innovative per comprare casa. Quella più richiesta ed efficace, in...
Benvenuti in casa Lagerfeld!Benvenuti in casa Lagerfeld!
In occasione dei festeggiamenti per i 100 anni della maison Chanel è stato girato un lungometraggio diretto da Karl Lagerfeld con quella stilosissima...