Cerca

Inside Home: storie di case vissute tra misteri e curiosità non convenzionali il ritorno

by Stefania Bartolini
on Giugno 30, 2014
Visite: 1876

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 

Il lavoro quotidiano rivela aspetti comici e divertenti: coloro che sono a contatto ogni giorno con l'assistenza clienti telefonica o meno, ma soprattutto gli artigiani che effettuano visite dirette presso case di privati e uffici di professionisti, può capitare che si intrattengano in lunghe conversazioni dai rislvolti interessanti. Se vi siete persi la prima parte, potete leggere altri episodi che abbiamo documentato e che condividiamo con voi in questo articolo, dove ci allarghiamo anche a contesti legati agli ambienti lavoro.

 tecnico-lavoro

 

Rapporto cliente fornitore – il cliente ha sempre ragione? Il tecnico effettua un intervento di manutenzione ordinaria sulla caldaia del cliente, svolta normalmente senza guasti anomali. Dopo quindi giorni, il cliente contatta la ditta esordendo in questo modo “Tutte le volte che venite voi la caldaia non funziona più!”. Il tecnico si reca prontamente dal cliente, e viene accolto con altrettanto sarcasmo e battute volte a ledere la qualità del suo lavoro. La caldaia è posizionata in cucina, e risulta spenta e non funzionante. Il tecnico accende l’interruttore e parte senza nessun problema. Sconcerto sul volto del cliente, sorriso su quello del tecnico: l’interruttore era dietro l’affettatrice, e sicuramente è stato spinto il pulsante di accensione inavvertitamente. Il nostro tecnico ha un dubbio amletico, e chiede al cliente “Ma signora se non funziona da quando siamo venuti, o non si fa a doccia da due settimane, oppure non voleva pagare la chiamata?”. La cliente con sguardo imbarazzato risponde “E’ perché l’affettatrice non la uso mai (sogh)!”

 

Ristrutturazione in ambienti di lavoro – quando la logica non esiste. Il nostro tecnico parte per un’assistenza presso un ufficio commerciale. Il cliente di recente ha ristrutturato il locale e necessita di una manutenzione straordinaria in quanto lamenta uno scarso rendimento dei caloriferi. Ecco come si presenta la centrale termica all’arrivo del tecnico: caldaia sigillata in armadio contenitore, a lato la fotocopiatrice, e sorpresa delle sorprese, il server d’ufficio proprio sotto lo scarico dell’acqua della caldaia. Ora, senza nulla togliere all’intelligenza di esperti dottori commercialisti, come si fa a riporre il server in un ambiente non climatizzato, e con l’elevato rischio di corto circuito causato da possibili perdite della caldaia? Probabilmente la logistica è stata gestita da Topo Gigio!

 server-caldaia

Inquilini, diritti e doveri - le riparazioni domestiche chi le paga? Non tutti conoscono le regole, e quando il tecnico effettua la manutenzione sulla caldaia in case e appartamenti affittati, nasce la polemica facile. Ecco una di queste sitcom: il conduttore chiama la ditta per un guasto, guasto riparato, ma il cliente non vuole pagare. A suo avviso spetta al proprietario, ma dal lato suo il proprietario sostiene che la manutenzione ordinaria non è stata fatta dal conduttore e perciò rimanda il costo a carico suo. Esperto di Blogaffitto, potresti pensaci tu a rispondere perché il proprietario e il conduttore sono ancora li che litigano!

 

Urgente, urgentissimo...puoi aspettare un'ora? In casi di urgenza come questa, il tecnico interviene immediatamente anche di domenica! Infatti il nostro tecnico si reca presso l'albergo in cui fare assistenza al condizionatore guasto, motivo dell'urgenza. Alla reception chiede alla segretaria, dalla breve memoria a quanto pare, perché per ben tre volte ha dovuto ripetere chi era e il motivo del lavoro. Passato il primo check arriva un addetto alle manutenzioni della struttura, che sostiene di non aver effettuato nessuna chiamata per guasto. A questo punto verifica con altro personale, fino a parlare con il propietario che li illumina sui fatti, e comunica che il condizionare è quello del centro benessere. Sono trascorsi circa quaranta minuti, e finalmente si giunge al condizionatore. La massaggiatrice, e autrice della chiamata, accoglie il tecnico sottolineando l'impossibilità di proseguire in tali condizioni e del disagio arrecato, e il tecnico incalza suggerendo di controllare subito. Ma è bloccato dalla massaggiatrice che conclude dicendo "Ti dispiacerebbe attendere un'ora che ho due appuntamenti?".

 

Presentazione Autore
Stefania Bartolini

Tre frasi che meglio la descrivono.
"Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare"
"Non esiste un vento favorevole per un marinaio che non sa dove andare"
"Sorridere è un ottimo antidoto contro lo stress quotidiano"
Sportiva per antonomasia. Appassionata alle novità.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Nessun commento trovato

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Caro inquilino, la tua casa è come un calzinoCaro inquilino, la tua casa è come un calzino
Ti è mai successo di ritrovarti con un calzino bucato? Dai, niente imbarazzi, capita a chiunque. Di solito proprio quando vai a comprare...
Inside Home: storie di case vissute tra misteri e curiosità non convenzionaliInside Home: storie di case vissute tra misteri e curiosità non convenzionali
Trascorro un sabato sera in allegria con gli amici e decido di condividere con questo articolo. Un misto tra divertente e imbarazzante, tra un film...
Case strane dal mondo.Case strane dal mondo.
Mi piacerebbe vivere in una grotta. O in un cubo trasparente. Oppure vorrei dormire in un letto posto sull'altare di una chiesa. Pazzie? No, a quanto...
Blog Affitto, due anni di informazione immobiliare. Le vostre testimonianze. Blog Affitto, due anni di informazione immobiliare. Le vostre testimonianze.
Blog Affitto ha festeggiato in questi giorni i due anni dall'avvio del progetto. Per ringraziare i nostri personali "venticinque lettori", abbiamo...