Cerca

730/2014, ecco le novità per proprietari e inquilini.

by Chiara Bianchi
on Febbraio 10, 2014
Visite: 5534

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il modello 730/2014, approvato dall'Agenzia delle Entrate con un provvedimento del 15 gennaio scorso, presenta quest'anno alcune importanti novità anche per chi ha una casa in affitto. Fra queste ricordiamo le detrazioni delle spese relative ad interventi di ristrutturazione, la riduzione dell'aliquota per la cedolare secca e quella forfettaria del canone soggetto a tassazione ordinaria.


imagesLa dichiarazione dei redditi percepiti nel 2013 da lavoratori dipendenti, pensionati e categorie assimilate quest'anno presenta alcune importanti novità anche per proprietari e inquilini di immobili concessi in locazione. Vediamole.

 

Immobili ad uso abitativo non locati: il reddito degli immobili sfitti, se ubicati nello stesso Comune nel quale si trova l'immobile destinato ad abitazione principale, sarà tassato al 50% poiché partecipa alla formazione della base imponibile dell'Irpef e delle relative addizionali, come previsto l'art. 1, comma 717 della Legge di Stabilità 2014, già a decorrere dal 2013. In questo caso, nella colonna 12 "Casi particolari Imu" del quadro B, va indicato il codice 3.


Detrazioni ristrutturazioni, mobili, interventi antisismici e risparmio energetico: in un precedente articolo abbiamo già spiegato quali sono i casi in cui è possibile usufruire di tali agevolazioni. Per quanto riguarda il modello 730/2014, l'indicazione dei lavori è contenuta nel quadro E, dove l'agevolazione è ripartita in 10 rate annuali di pari importo. Una delle novità principali è l'aumento della detrazione Irpef dal 36% al 50% e del limite di spesa, che passa da 48 mila a 96 mila euro per le spese di ristrutturazione e di recupero edilizio sostenute durante l'intero arco dell'anno 2013, e non più solo fino al 30 giugno, secondo quanto stabilito da una prima proroga contenuta nel D.L. 63/2013, poi ulteriormente estesa anche alle spese sostenute nel 2014 dalla Legge di Stabilità. Nell'ultimo aggiornamento della guida dell'AdE viene inoltre specificato che anche l'inquilino o chi ha la casa in comodato può accedere al bonus, e se è stato lui a pagare le spese risulterà dal bonifico. In caso di cessazione dello stato di locazione o comodato d'uso gratuito, non viene meno il diritto alla detrazione; pertanto, l'inquilino o il comodatario continueranno a fruirne anche se lasciano l'immobile.


Cedolare secca: nel caso di opzione per la cedolare secca, è ridotta dal 19 al 15% la misura dell'aliquota agevolata prevista per i contratti di locazione a canone concordato sulla base di appositi accordi tra le organizzazioni della proprietà edilizia e degli inquilini, relativi ad abitazioni site nei Comuni con carenza di disponibilità abitativa e negli altri comuni ad alta tensione abitativa. Verrà pertanto compilato il quadro B, sezione I della colonna "Utilizzo".


Regime Irpef: in assenza dell'opzione per il regime della cedolare secca, la deduzione forfettaria del canone di locazione per i fabbricati affittati verrà ridotta dal 15 al 5%.

Presentazione Autore
Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Tania

    Ciao, sto cercando di compilare il mio 730 precompilato.
    Ho un contratto di locazione stipulato con cedolare secca e non riesco a capire se nella sezione V rigo E71 io debba inserire la tipologia 1-Detrazione per gli inquilini di alloggi adibiti ad abitazione principale oppure 2-Detrazione per gli inquilini di alloggi adibiti ad abitazione principale locati con contratti in regime convenzionale.
    Grazie per la risposta.

  • Gentile Tania dipende se ha un contratto a canone libero di 4 anni + 4 (primo caso) o concordato di 3 anni + 2 (secondo caso).

  • Lea

    Da quasi 3 anni ho dato il mio appartamento in affitto con contratto regolare, in quanto avendo perso il lavoro non potevo pagare il mutuo in essere, da due anni che faccio la dichiarazione dei redditi inserendo il canone che percepisco ogni anno....come è possibile che "guadagno" €4000 e lo Stato me ne richiede €2000....questa cosa non riesco a capirla!!! io nn ho nessun altro reddito!!! qualcuno mi sa dire qualcosa???

  • Gentile Lea, il reddito da locazione la "obbliga" a presentare la dichiarazione dei redditi; ha valutato eventualmente se il regime di cedolare è più conveniente?

  • Mauro

    Buonasera, io l'anno scorso ho dato ad una agenzia l'incarico di affittare un appartamento turistico per circa 40 giorni.
    Ho solo copia del contratto rilasciatomi dall'agenzia iscritta fiaip.
    Come devo denunciare nel modello 730 il canone ricevuto?

  • Gentile Mauro, può assoggettare il reddito ricevuto ad irpef o cedolare ed indicare per lo stesso immobile i gironi in cui è rimasto a disposizione e quelli per i quali è stato affittato.

  • marcello meoli

    Buongiorno,
    avrei bisogno di una info riguardo alla cedolare secca nel 730/2014.
    Io l'anno scorso ho fitto una casa al mare per il mese di agosto quindi 31 gg e registrato il contratto con Siria. Quest'anno devo inserirle nella dichiarazione dei redditi, ma mi chiede il versamento anche dell'acconto e del saldo. ma io attualmente non so ancora se affitterò quest'anno la casa come mi devo regolare? c'è un modo per non farlo risultare nel 730 con relativa detrazione del pagamento nella mia dichiarazione?
    Grazie

  • Gentile Marcello, trattandosi di una locazione stagionale paga il saldo direttamente in sede di dichiarazione dei redditi; quindi valuterà l'anno prossimo quanto guadagnato e se applicare cedolare o irpef.

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Principali novità negli affitti a canone concordato – Nuova Convenzione 2016Principali novità negli affitti a canone concordato – Nuova Convenzione 2016
Finalmente una nuova Convenzione Nazionale Come anticipato in un recente articolo del Blog, il 25 ottobre 2016 è stata stipulata presso il...
Le 8 cose da sapere sul mercato dell’affitto nel 2016Le 8 cose da sapere sul mercato dell’affitto nel 2016
Canoni di affitto a due velocità tra nord e sud. Va forte l’abbinamento tra cedolare secca e canone concordato. In aumento chi si...
Donald Trump, da immobiliarista a presidente. Una carriera iniziata negli affittiDonald Trump, da immobiliarista a presidente. Una carriera iniziata negli affitti
Breve storia dei brillanti (ma controversi) esordi nel real estate del nuovo presidente degli Stati Uniti   Fresco di laurea, diventò a...
Locazione di immobile di interesse storico: come fare?Locazione di immobile di interesse storico: come fare?
Se è ben noto ai più che la vendita di un immobile “vincolato” (riconosciuto di interesse storico-artistico dalla...
Affitto, la checklist del bravo agente immobiliareAffitto, la checklist del bravo agente immobiliare
Cosa significa qualità del servizio per un’agenzia immobiliare che si occupa di affitti, in 10 semplici regole   Le 10 regole d&...