Cerca

AAA.Giovane trentenne cerca casa

by Chiara Bianchi
on Febbraio 07, 2013
Visite: 1812

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

In Norvegia un'agenzia immobiliare ci ha costruito pure uno spot pubblicitario: una presa in giro dei giovani italiani che a 30 anni vivono ancora in famiglia, coccolati e viziati da mammà. Eppure in Europa siamo in buona compagnia: ben il 72% degli spagnoli fra i 20 e i 30 anni risiede ancora con i genitori, contro il 70% degli italiani e il 61% degli irlandesi.

http://www.youtube.com/watch?v=8EmasChupbI

 

giovaniPer abbattere la media bisogna salire in Nord Europa, dove la Gran Bretagna vanta un 28% di under 30 dipendenti dai parenti e la Svezia è capolista con un irrisorio 18%.

 

Popoli di mammoni, dunque? O meglio, di "bamboccioni", citando la definizione dell'ex ministro dell'Economia Padoa-Schioppa? O ancora, si potrebbe rilanciare con un più recente "choosy". Oggi come oggi a fare la differenza sono soprattutto le ragioni economiche. Facile andare fuori casa a 18 anni in un Paese dove il sistema di welfare garantisce sussidi per chi studia e per chi cerca lavoro, dove la durata stessa degli studi è più breve, dove esistono agevolazioni per i giovani che vanno in affitto, dove gli affitti sono più facili e accessibili.


Ma se l'Istituto di Studi e Analisi Economica ha potuto dimostrare come un lavoro, anche precario o a tempo parziale, o comunque un reddito autonomo, sia alla base della scelta di lasciare la casa natia un po' in tutta Europa, mentre in Italia la percentuale di chi resta a vivere con i genitori rimane al 60%, forse le scelte di vita dei giovani italiani vanno ricercate anche in motivazioni di ordine sociale. Per andare a vivere da soli, i giovani inglesi sono disposti a fare debiti e vivere in affitto, magari per un po' di tempo anche in condivisione, e la stessa storia vale per svedesi, francesi e irlandesi. Mentre il sogno italiano e spagnolo rimane la casa di proprietà. E fra liberté e propriété, questi ultimi non hanno dubbi.

Presentazione Autore
Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Nessun commento trovato

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
3 ragioni per cui l’affitto è in crescita anche se le compravendite sono ripartite3 ragioni per cui l’affitto è in crescita anche se le compravendite sono ripartite
Gli italiani ricominciano a comprare casa, gli affitti sono destinati a sgonfiarsi. Sbagliato: ecco cosa succede sul mercato immobiliare  ...
Perché l’affitto è il fenomeno immobiliare del momento, spiegato in 3 puntiPerché l’affitto è il fenomeno immobiliare del momento, spiegato in 3 punti
Un mercato in crescita da 9 anni consecutivi, una fiscalità particolarmente vantaggiosa per il proprietario e canoni di affitto accessibili per...
Bamboccioni o precari? Italia prima per giovani che restano in casa con i genitoriBamboccioni o precari? Italia prima per giovani che restano in casa con i genitori
Ben l’80% dei giovani italiani non se ne va dalla casa di mamma e papà prima dei 30 anni. C’entra la crisi, ma non solo  ...
2 Millennials su 3 scelgono l’affitto. E il mito della casa di proprietà?2 Millennials su 3 scelgono l’affitto. E il mito della casa di proprietà?
Comprare casa per i giovani: da passaggio imprescindibile a scelta di vita troppo impegnativa.     L’acquisto di un’...
Affitto, tutte le previsioni per il 2017Affitto, tutte le previsioni per il 2017
Previste più transazioni di mercato nelle grandi città. Canoni abitativi stabili quasi ovunque, solo a Milano segnali di crescita. &...