Cerca

Affitti, niente tasse dopo la risoluzione di diritto del contratto.

by Chiara Bianchi
on Febbraio 05, 2015
Visite: 2034

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Se il contratto di affitto è risolto, non bisogna più pagare le imposte sui redditi, e spetta all'Agenzia delle Entrate indicare con precisione le unità immobiliari e il periodo di accertamento nel caso di contestazione del mancato pagamento delle tasse dovute dalla locazione di più immobili. E' quanto si ricava da due pronunce della Commissione tributaria provinciale di Forlì emesse lo scorso anno: non si tratta di novità in materia di locazione, ma di chiarimenti che è importante conoscere. Vediamoli insieme.


casa tasse gtres a00317079 005 3La puntualizzazione arriva dalle pronunce della Commissione tributaria di Forlì 125/1/2014 e 611/2/2014 emesse rispettivamente il 3 marzo e il 15 dicembre dello scorso anno: non si può chiedere al contribuente di versare le imposte sul reddito su un canone di locazione relativo ad un contratto risolto di diritto e quindi non più esistente in base a una clausola risolutiva espressa, secondo quanto stabilito dalla decisione della Corte di Cassazione n. 651/2012 dove si parla della "debenza del tributo sui canoni pattuiti, indipendentemente dall'effettiva percezione, finché il contratto è in vita". La sentenza si riferisce in particolare alla locazione commerciale, così come di locazione commerciale si parla nei due casi di pronuncia sopra citati.

 
Secondo i giudici tributari di Forlì, l'ufficio dell'AdE che contesta il mancato pagamento delle imposte sui redditi derivati dai canoni di affitti percepiti dal contribuente deve inoltre indicare con precisione le unità immobiliari e i periodi dell'accertamento. Le motivazioni delle pronunce si rifanno alla sentenza 26 luglio 2000, n. 362 della Corte Costituzionale che stabilisce come i redditi fondiari concorrano a formare il reddito complessivo dei soggetti che possiedono gli immobili per il periodo d'imposta in cui si è verificato il possesso e che il riferimento al canone di locazione opera fino a quando risulta in corso un contratto di locazione e quindi fino a quando è dovuto un canone in senso tecnico; nel momento in cui si verifica una qualsiasi causa di risoluzione del rapporto contrattuale, il riferimento al reddito locativo non è più praticabile e torna in vigore la regola generale.


Tale impostazione è estesa anche per le locazioni non abitative, dal momento che per i giudici tributari non sussiste alcuna motivazione per diversificare il trattamento delle due diverse ipotesi d'uso.

Presentazione Autore
Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Negozi, in sei anni la crisi ha ridotto del 30% i canoni di affitto dei locali commercialiNegozi, in sei anni la crisi ha ridotto del 30% i canoni di affitto dei locali commerciali
Cali importanti nei prezzi delle locazioni commerciali, frutto della ridotta richiesta di negozi in affitto che la crisi economica ha portato con s&...
4 ragioni per introdurre cedolare secca e canone concordato anche per l’affitto dei negozi4 ragioni per introdurre cedolare secca e canone concordato anche per l’affitto dei negozi
Ripresa. Se ne parla tanto, ma senza un nuovo slancio dei consumi interni, l’export da solo non basta. Serve ridare movimento agli affari delle...
Milano, nuovo accordo territoriale: nonostante la cedolare al 10% sul concordato, spesso conviene ancora il contratto liberoMilano, nuovo accordo territoriale: nonostante la cedolare al 10% sul concordato, spesso conviene ancora il contratto libero
Spese per la casa, costa meno stare in affitto a canone concordato che in una casa di proprietà con il mutuo Convertire le abitudini, anche...
Compravendita immobiliare, senza notaio quell’atto non s’ha da fare.Compravendita immobiliare, senza notaio quell’atto non s’ha da fare.
Qualche mese fa avevamo dato notizia di una misura contenuta nel Dl Concorrenza che se approvata avrebbe letteralmente rivoluzionato il mercato...
Riforma del Catasto bloccata per il rischio salasso nella tassazione locale sugli immobili.Riforma del Catasto bloccata per il rischio salasso nella tassazione locale sugli immobili.
A che punto siamo rimasti con la Riforma del Catasto? Dopo l'approvazione dei primi due decreti attuativi, quello sulle commissioni censuarie e quello...