Cerca

Affitti, possibile versare il canone anche sulla prepagata.

by Chiara Bianchi
on Luglio 30, 2014
Visite: 3455

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Nuove risposte dall'Agenzia delle Entrate, che pubblica le ultime Faq tutte incentrate sulla locazione: vengono chiariti in particolare alcuni aspetti a proposito dell'applicabilità della cedolare secca e sulle modalità di versamento dei canoni. Un utile riepilogo per chi non conosce appieno la normativa sugli affitti.


iStock 000042665870SmallVia libera al versamento dei canoni di affitto sulla carta prepagata, cedolare secca applicabile anche ai contratti brevi, purché gli immobili siano ad uso abitativo, e niente bollo o registro com'è dovuto invece per il regime tradizionale Irpef. Questi i principali chiarimenti contenuti nelle Faq dell'Agenzia delle Entrate, che vi riassumiamo proponendovi gli approfondimenti del nostro Esperto.

 
Canone sulla prepagata: in assenza di un conto corrente, è possibile pagare il canone d'affitto versando l'importo sulla carta prepagata PostePay del proprietario dell'immobile, in quanto questo tipo di versamento rispetta la regola della tracciabilità dei pagamenti. La prova documentale che attesta il trasferimento di contanti è necessaria, ovviamente, solo per i pagamenti di somme superiori a 1.000 euro, come da art. 49 del Dl. 231/2007, mentre per le somme fino a 999,99 euro è ammesso il versamento in contanti, a condizione che sia accompagnato da una ricevuta.

Approfondimento: Affitti, torna il contante per il pagamento dei canoni.


Cedolare per contratti brevi: la cedolare secca può essere scelta anche per i contratti di affitto brevi, come quelli ad uso transitorio o quelli di durata inferiore a 30 giorni. L'importante è che siano rispettate alcune condizioni, come la destinazione d'uso dell'immobile (che dev'essere necessariamente residenziale) e il fatto che per scegliere tale regime fiscale bisogna essere una persona fisica, titolare del diritto di proprietà o del diritto reale di godimento; le società di persone, le società di capitali, nonché gli enti commerciali e non commerciali non possono dunque optare per la cedolare secca.

Approfondimento: Cedolare secca sul reddito degli affitti turistici: applicabile o no?


Niente bollo o registro: non si applicano il bollo né l'imposta di registro sui contratti registrati in regime di cedolare secca; per questi si adotta un'imposta fissa, pari al 21% per i contratti liberi e al 10% per il concordato, che sostituisce sia l'Irpef e relative addizionali che le imposte di registro e bollo. Inoltre l'opzione esercitata in sede di registrazione del contratto produce i suoi effetti fino alla scadenza dello stesso e comunque fino a revoca.

Approfondimento: Cedolare secca:la guida completa per utilizzarla correttamente - Parte II.


Niente aggiornamento Istat: se si opta per il regime della cedolare secca, viene sospesa per il proprietario la possibilità di chiedere l'aggiornamento del canone a qualunque titolo, ivi compresi gli aggiornamenti Istat, anche se la facoltà è prevista nel contratto di locazione.

Approfondimento: Aggiornamento Istat: quanto e quando?

Presentazione Autore
Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Nuova tassa sugli affitti brevi. Tutto pronto?Nuova tassa sugli affitti brevi. Tutto pronto?
Debutto ufficiale della tassa sulle locazioni turistiche. Con la sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale (n. 95 del 24/04/2017) è entrato in...
A giugno 2017 arriva la cedolare secca anche per gli affitti brevi.A giugno 2017 arriva la cedolare secca anche per gli affitti brevi.
Affitti brevi e nuova tassazione: si potrà optare per la cedolare secca al 21%. È ufficiale: dopo tante anticipazioni è...
Perché l’affitto è il fenomeno immobiliare del momento, spiegato in 3 puntiPerché l’affitto è il fenomeno immobiliare del momento, spiegato in 3 punti
Un mercato in crescita da 9 anni consecutivi, una fiscalità particolarmente vantaggiosa per il proprietario e canoni di affitto accessibili per...
Cedolare secca, nel 2015 l’hanno scelta il +22,4% dei proprietari di case in affitto.Cedolare secca, nel 2015 l’hanno scelta il +22,4% dei proprietari di case in affitto.
Boom della cedolare secca nel 2015, scelta nel +22,4% dei casi di nuovi contratti di affitto. Sono 1,7 milioni i proprietari di case che hanno...
Transitorio a canone concordato? Sì alla cedolare al 10%Transitorio a canone concordato? Sì alla cedolare al 10%
Il chiarimento dell'Agenzia delle Entrate Nel corso dell’ormai consueto incontro annuale con gli operatori (Telefisco 2017) organizzato dal...