Cerca

APE, una multa al posto della nullità per i contratti privi di Attestato.

by Chiara Bianchi
on Dicembre 18, 2013
Visite: 4128

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il decreto Destinazione Italia approvato dal Consiglio dei Ministri di venerdì scorso contiene un'attesa novità in materia di certificazione energetica: la sostituzione della nullità del contratto privo di APE con una sanzione amministrativa.


1460997 10151911319792917 1409680544 nI contratti di vendita o locazione che non contengono in allegato l'Attestato di Prestazione Energetica d'ora in poi non saranno più considerati nulli, ma produrranno una sanzione amministrativa. Il decreto Destinazione Italia, approvato qualche giorno fa in sede di Consiglio dei Ministri, ha modificato quanto previsto dall'art. 6 del decreto-legge n. 63/2013, convertito in legge n. 90/2013, il quale stabiliva che l'Attestato di Prestazione Energetica dovesse essere allegato al contratto di vendita, agli atti di trasferimento di immobili a titolo gratuito o ai nuovi contratti di locazione, pena la nullità degli stessi contratti. D'ora in avanti, qualora la dichiarazione informativa e la copia dell'APE non siano state allegate all'atto, quest'ultimo non sarà più da considerarsi nullo, ma le parti coinvolte negli atti di trasferimento, quindi acquirente e venditore o locatore e conduttore, dovranno pagare in parti uguali una sanzione amministrativa compresa tra 3 mila e 18 mila euro.

 


Il decreto prevede una sanzione più bassa, compresa tra mille e 4 mila euro, per i casi di mancata dichiarazione relativi ai contratti di locazione di singole unità immobiliari; la sanzione viene ulteriormente dimezzata nel caso di durata della locazione non superiore a tre anni. Il dl include anche una sanatoria per i contratti finora annullati a causa della mancanza dell'Attestato: se la nullità non è già passata in giudicato, dietro richiesta di almeno una delle due parti potrà essere sostituita con le nuove sanzioni che andranno a cancellare la nullità.

Presentazione Autore
Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • luigi

    salve. sono il conduttore di un negozio uso ufficio. Ho richiesto al proprietario di fornirmi l'ape e la certficazione degli impianti senza successo. Inoltre l'immobile non ha un bagno. Come devo comportarmi? Grazie

  • Buonasera Luigi,
    sono tutte mancanze che erano già note ed evidenti al momento della stipula del contratto. Provi comunque ad insistere per ottenere APE e certificato di idoneità dell'impianto elettrico.
    Tenga comunque conto, riguardo all'APE nello specifico, che il D:L. Destinazione Italia prevede che le sanzioni legate al mancato rispetto della normativa sull'Attestato di Prestazione Energetica vadano ripartite in parti uguali tra locatore e conduttore.
    Cordiali saluti

  • Francesco

    Se si stipula un contratto scritto, che è in realtà un proroga con modifica di canone di locazione ultradecennale stipulata solo verbalmente ma regolarmente registrata, ai fini dell'Ape si intende nuova locazione? Occorre inserire la clausola relativa all'Ape?

    Grazie
    Francesco

  • Buongiorno Francesco,
    se i termini del contratto non variano in nulla se non per il canone di locazione inferiore rispetto a quello previsto contrattualmente ora, basterà (e le converrà) una scrittura privata di riduzione del canone, registrata all'Agenzia delle Entrate. Facendo ciò, il contratto di locazione rimarrà il medesimo e non servirà né l'APE, né alcuna clausola ad esso riferita.
    Se invece lei desidera aumentare il canone di locazione, una semplice scrittura privata non sarà sufficiente. Occorrerà concludere il precedente contratto e stipularne uno nuovo con il diverso canone stabilito. Occorrerà anche dotare di APE l'immobile e inserire clausola di dichiarazione di consegna al conduttore delle informazioni relative alla prestazione energetica dell'immobile, compreso l'Attestato. Se si tratta di un singolo immobile affittato, non sarà obbligatorio allegare l'APE al contratto, a seguito del D.L. Destinazione Italia.
    Cordiali saluti

  • alessandra

    Buongiorno, in effetti l'Agenzia delle Entrate, da noi interpellata piu' volte in merito, continua a dirci che a loro non interessa affatto che l'APE venga registrato.. Non solo, come saprete è possibile "allegarlo" ovvero registrarlo on line unicamente su contratti di lcoazione, mentre Siria ed Iris non lo consentono. A tal proposito, visto che con la cedolare secca vengono sostituite tutte le imposte di registro, l'obbligo permane anche in questo caso ? e come si fa ? bisogna andare fisicamente all'Agenzia ? solo che noi non possiamo registrare di persona....credo ci cia un po' di confusione, non credete ? Alessandra

  • Buongiorno Alessandra,
    occorre sempe inserire a contratto la dichiarazione del proprietario di avvenuta consegna dell'Ape all'inquilino e procedere a registrazione del contratto e dell'Ape come allegato, a prescindere che si opti per la cedolare secca o meno.
    Una recente specifica dell'Agenzia delle Entrate chiarisce che per l'allegazione non dovrà essere pagata alcuna imposta di registro o bollo, se l'Ape è allegato al contratto in sede di prima registrazione. Se il contratto è stato registrato telematicamente e non è possibile allegare l'Ape, è comunque opportuno consegnare agli Uffici AdE di persona copia semplice dell'Attestato, gratuitamente.
    Buone Feste!

  • nicola

    Salve, anche in caso di rinnovo di contratto bisogna allegare l'APE?
    Saluti.
    Nicola

  • Gentile Nicola
    l'obbligo riguarda i nuovi contratti.

  • Riccardo

    Salve,
    la mia situazione è questa:
    - proprietario di un immobile
    - faccio l’APE verso la metà di Luglio 2013 da ingegnere termotecnico (compresa registrazione credo alla regione)
    - i primi di settembre faccio un contratto 4+4 con degli affittuari in cui scrivo anche il valore della classe energetica
    - verso metà mese vado in agenzia delle entrate dove presento tutti i documenti ma relativamente all’APE mi dicono che non è obbligatorio allegarlo e me lo registrano senza


    In effetti io ho tutto quanto, ma è colpa mia che mi sono fidato e adesso sono in multa?

    Grazie

    Riccardo

  • Gentile Riccardo, se avesse modo di dimostrare che l'ufficio competente le ha detto di non allegarlo, allora potrebbe essere sollevato dalla colpa di un tale errore.

  • Riccardo

    [quote name="Isabella"]Gentile Riccardo, se avesse modo di dimostrare che l'ufficio competente le ha detto di non allegarlo, allora potrebbe essere sollevato dalla colpa di un tale errore.[/quote]
    E come faccio....Ma forse perchè non hanno tutti i torti?Ho indagato un po' e non nascondo la solita confusione che queste cose generano nei cittadini specialmente se non si è esperti della materia; riporto un estratto dal sito dell'ADUC del 28 novembre 2013 :"- l'obbligo di allegare l'APE NON riguarda il momento della registrazione del contratto, che puo' avvenire anche senza attestazione energetica e senza che scattino le conseguenze previste dalla legge (nullita' del contratto e sanzioni). "
    http://www.aduc.it/comunicato/locazione+immobili+certificazione+energetica+novita_21796.php

    Proseguo nella ricerca delle informazioni..

    Grazie

    Saluti
    Riccardo

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Le 8 cose da sapere sul mercato dell’affitto nel 2016Le 8 cose da sapere sul mercato dell’affitto nel 2016
Canoni di affitto a due velocità tra nord e sud. Va forte l’abbinamento tra cedolare secca e canone concordato. In aumento chi si...
Donald Trump, da immobiliarista a presidente. Una carriera iniziata negli affittiDonald Trump, da immobiliarista a presidente. Una carriera iniziata negli affitti
Breve storia dei brillanti (ma controversi) esordi nel real estate del nuovo presidente degli Stati Uniti   Fresco di laurea, diventò a...
Affitto, la checklist del bravo agente immobiliareAffitto, la checklist del bravo agente immobiliare
Cosa significa qualità del servizio per un’agenzia immobiliare che si occupa di affitti, in 10 semplici regole   Le 10 regole d&...
Buonentrata e buonuscita: il commercio dei negozi.Buonentrata e buonuscita: il commercio dei negozi.
La prima scelta per chi decide di aprire un'attività è quella di selezionare la location giusta e adatta. Il sogno di aprire nella "via...
Negozi, in sei anni la crisi ha ridotto del 30% i canoni di affitto dei locali commercialiNegozi, in sei anni la crisi ha ridotto del 30% i canoni di affitto dei locali commerciali
Cali importanti nei prezzi delle locazioni commerciali, frutto della ridotta richiesta di negozi in affitto che la crisi economica ha portato con s&...