Cerca

Cassandrate di inizio anno

by Chiara Bianchi
on Gennaio 02, 2013
Visite: 1261

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Quando si arriva a fine anno si è soliti fare dei bilanci per quello appena passato e delle previsioni per i 12 mesi a venire. Non fa eccezione il mercato immobiliare, soprattutto in un Paese come l'Italia, dove il mattone è da sempre la forma di investimento preferita dalle famiglie. Vediamo come andrà il 2013 secondo i principali operatori del settore.

 

iStock 000011536056XXXLargeNomisma

Secondo la Società di studi economici bolognese, la stretta fiscale che ha attanagliato il nostro Paese negli ultimi mesi continuerà a erodere il potere d'acquisto delle famiglie anche nel 2013, producendo un'ulteriore contrazione (-1,6%). Lo scenario prospettato, pertanto, prevede flessioni in tutti i comparti del mercato almeno fino al 2014, e qualche segno positivo solo nel 2015, quando avrà probabilmente fine la fase più critica dell'attuale recessione. Andando nel dettaglio, i prezzi delle abitazioni subiranno un calo pari al 4,3%, che si ridurrà al 2,4% nel 2014 per tornare a segnare una lievissima ripresa nei prezzi nel 2015 con un rialzo dello 0,7%.

 

Scenari Immobiliari

Più positiva la previsione di Scenari Immobiliari, l'Istituto indipendente di studi e di ricerche che analizza i mercati immobiliari sia in Italia che in Europa. Secondo il Rapporto di previsione annuale "European outlook 2013" il trend negativo si invertirà già da quest'anno, con un andamento ancora stazionario ma senza crolli. Per il 2013 si attende infatti una crescita del fatturato inferiore all'1%, che rappresenta comunque un risultato migliore rispetto al -2% del 2012. L'Istituto si sbilancia anche per il 2014, quando prevede una
tendenza al rialzo nel residenziale, mentre uffici e commerciale mantengono una certa stabilità e una lieve flessione si verificherà solo nel comparto industriale.

 

Uppi

L'Unione Piccoli Proprietari Immobiliari si aspetta invece un biennio (quello 2013-2014) al ribasso per le quotazioni immobiliari, pari rispettivamente al -2,3% per il 2013 e al -1,7% per il 2014.
Le cause principali del fenomeno sono da ricercare nell'effetto IMU, nella perdita di potere di acquisto delle pensioni e dei salari e nel contemporaneo aumento del costo della vita.

 

Idealista
Il pronostico dell'ufficio studi del noto portale immobiliare non è molto differente da quello di Nomisma. La crisi del economica e la difficoltà di accesso ai mutui renderanno difficile anche per il prossimo anno la ripresa del mercato della compravendita. Da parte loro, i proprietari potrebbero decidere di rivedere i prezzi al ribasso, a causa (o grazie) all'imu, e alla minaccia dei nuovi estimi catastali e della patrimoniale.


E riguardo all'affitto?

Sempre secondo Idealista, proprio l'acquisto della casa estremamente problematico crea le premesse perché il 2013 sia l'anno dell'affitto. Si trova d'accordo anche Solo Affitti, il franchising immobiliare leader in Italia nel settore delle locazioni, che per il 2013 conferma un aumento in generale del numero delle locazioni, una stabilità dei canoni per il residenziale e un ulteriore abbassamento per uffici, negozi e capannoni.

Presentazione Autore
Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Nessun commento trovato

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Mediazione civile obbligatoria: perché nell’affitto la conciliazione non decollaMediazione civile obbligatoria: perché nell’affitto la conciliazione non decolla
Tra i fattori principali l’esclusione delle controversie per sfratto, le più numerose, e la scarsa efficacia della gestione...
Perché l’affitto è il fenomeno immobiliare del momento, spiegato in 3 puntiPerché l’affitto è il fenomeno immobiliare del momento, spiegato in 3 punti
Un mercato in crescita da 9 anni consecutivi, una fiscalità particolarmente vantaggiosa per il proprietario e canoni di affitto accessibili per...
Bamboccioni o precari? Italia prima per giovani che restano in casa con i genitoriBamboccioni o precari? Italia prima per giovani che restano in casa con i genitori
Ben l’80% dei giovani italiani non se ne va dalla casa di mamma e papà prima dei 30 anni. C’entra la crisi, ma non solo  ...
2 Millennials su 3 scelgono l’affitto. E il mito della casa di proprietà?2 Millennials su 3 scelgono l’affitto. E il mito della casa di proprietà?
Comprare casa per i giovani: da passaggio imprescindibile a scelta di vita troppo impegnativa.     L’acquisto di un’...
Affitto, tutte le previsioni per il 2017Affitto, tutte le previsioni per il 2017
Previste più transazioni di mercato nelle grandi città. Canoni abitativi stabili quasi ovunque, solo a Milano segnali di crescita. &...