Cerca

Certificazione energetica, cosa cambia per chi affitta un immobile?

by Chiara Bianchi
on Giugno 19, 2013
Visite: 6689

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Con il d.l. 63/2013 l'Italia ha recepito la normativa europea sulla prestazione energetica nell'edilizia. Il d.l. è ora al vaglio del Parlamento per essere convertito in legge. Ecco cosa cambierà per chi affitta un immobile se l'iter parlamentare andrà a buon fine.


best-home-green-housesIl 6 giugno scorso è entrato in vigore il Decreto Legge 4 giugno 2013 n. 63, recante "Disposizioni urgenti per il recepimento della Direttiva 2010/31/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 19 maggio 2010, sulla prestazione energetica nell'edilizia per la definizione delle procedure d'infrazione avviate dalla Commissione Europea, nonché altre disposizioni in materia di coesione sociale", che introduce nuove misure per chi affitta un immobile.


Nel caso di nuova locazione di immobile, il proprietario sarà tenuto a produrre l'Attestato di Prestazione Energetica (APE, che sostituisce il vecchio ACE), e dovrà renderlo disponibile al potenziale conduttore all'avvio delle trattative, per poi consegnarlo al termine delle stesse. Nei nuovi contratti di locazione sarà inserita un'apposita clausola con la quale il conduttore attesterà di aver ricevuto le informazioni e la documentazione della prestazione energetica dell'edificio.


La produzione di un APE non sarà necessaria nel caso di locazione di un immobile già dotato di ACE, purché si tratti di Attestato in corso di validità e sia stato rilasciato conformemente alla direttiva 2002/91/CE. Nel caso di offerta di locazione, gli annunci dovranno riportare l'Indice di Prestazione Energetica dell'involucro edilizio e globale dell'edificio o dell'unità immobiliare e la classe energetica corrispondente, qualunque mezzo di comunicazione commerciale si utilizzi.


In caso di nuovo contratto di locazione, la mancata applicazione dell'obbligo di attestazione verrà sanzionata come previsto dall'art. 6, comma 2: il proprietario sarà tenuto a pagare tra 300 e 1.800€, mentre la sanzione prevista in caso di violazione dell'obbligo di riportare i parametri energetici nell'annuncio di offerta di locazione cadrà sul responsabile dell'annuncio, punito con ammenda non inferiore a 500€ e non superiore a 3.000€.


Bisogna precisare che nonostante la norma sia entrata in vigore, gli obblighi in essa previsti non sono immediatamente applicabili, dal momento che lo stesso Decreto rimanda a un ulteriore Decreto Interministeriale che definisca nel dettaglio il contenuto ed i criteri per la redazione del nuovo APE, oltre che il testo standard degli annunci con indicazioni delle informazioni minime da fornire.


Inoltre lo stesso d.l. 63/2013 deve ancora essere convertito in Legge, cosa che avverrà entro 60 giorni dalla data di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale (5 giugno 2013). E in questa fase potrebbe ancora subire delle modifiche.

Presentazione Autore
Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
3 ragioni per cui l’affitto è in crescita anche se le compravendite sono ripartite3 ragioni per cui l’affitto è in crescita anche se le compravendite sono ripartite
Gli italiani ricominciano a comprare casa, gli affitti sono destinati a sgonfiarsi. Sbagliato: ecco cosa succede sul mercato immobiliare  ...
Perché l’affitto è il fenomeno immobiliare del momento, spiegato in 3 puntiPerché l’affitto è il fenomeno immobiliare del momento, spiegato in 3 punti
Un mercato in crescita da 9 anni consecutivi, una fiscalità particolarmente vantaggiosa per il proprietario e canoni di affitto accessibili per...
Bamboccioni o precari? Italia prima per giovani che restano in casa con i genitoriBamboccioni o precari? Italia prima per giovani che restano in casa con i genitori
Ben l’80% dei giovani italiani non se ne va dalla casa di mamma e papà prima dei 30 anni. C’entra la crisi, ma non solo  ...
2 Millennials su 3 scelgono l’affitto. E il mito della casa di proprietà?2 Millennials su 3 scelgono l’affitto. E il mito della casa di proprietà?
Comprare casa per i giovani: da passaggio imprescindibile a scelta di vita troppo impegnativa.     L’acquisto di un’...
Affitto, tutte le previsioni per il 2017Affitto, tutte le previsioni per il 2017
Previste più transazioni di mercato nelle grandi città. Canoni abitativi stabili quasi ovunque, solo a Milano segnali di crescita. &...