Cerca

Commissioni censuarie, i chiarimenti delle Entrate sul primo decreto della riforma del catasto.

by Chiara Bianchi
on Febbraio 20, 2015
Visite: 1046

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

In attesa del secondo decreto attuativo della riforma del catasto, di cui si dovrebbe discutere nel Consiglio dei Ministri di oggi pomeriggio, l'Agenzia delle Entrate fornisce i chiarimenti sulle funzioni delle commissioni censuarie chiamate a censire il patrimonio immobiliare italiano, la cui rifondazione è stata sancita dal D. l. 198 del 17 dicembre 2014.


catasto riformaCon la Circolare n. 3 E del 18 febbraio 2015 l'Agenzia delle Entrate pubblica alcuni chiarimenti circa l'introduzione e le funzioni delle commissioni censuarie, gli organismi che dovranno coadiuvare l'amministrazione finanziaria nell'attuazione della riforma del catasto. Tali istituzioni saranno articolate in 106 commissioni locali e una commissione centrale con sede a Roma; ognuna sarà suddivisa tre in sezioni di diversa competenza, per settori quali il catasto terreni, il catasto edilizio urbano e la riforma del sistema estimativo del catasto dei fabbricati. Le commissioni locali dovranno inoltre validare le funzioni statistiche e i relativi ambiti di applicazione, al fine di attribuire un valore alle diverse tipologie di immobili.

 
Tra le maggiori novità individuate dal decreto attuativo, la Circolare segnala l'estensione ai Comuni e a organizzazioni operanti nel settore immobiliare della possibilità di ricorrere contro le decisioni delle commissioni censuarie locali in merito ai prospetti delle qualità e classi dei terreni, ai quadri di qualificazione e di classificazione delle unità immobiliari urbane e ai prospetti tariffari.


La Circolare delinea inoltre la composizione delle commissioni censuarie locali e di quella centrale: per quanto riguarda quelle locali, ciascuna delle tre sezioni sarà composta da un Presidente della commissione e da sei membri effettivi e da sei supplenti, scelti fra quelli designati dall'ufficio dell'Agenzia competente nel territorio (due effettivi e due supplenti), dall'Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (uno effettivo e un supplente), e dal prefetto (tre effettivi e tre supplenti). La commissione censuaria centrale sarà anch'essa articolata nelle tre sezioni, ma qui i membri saranno in totale venticinque effettivi e ventuno supplenti, oltre al Presidente della commissione che sarà nominato fra i magistrati ordinari o amministrativi con qualifica non inferiore a magistrato di cassazione o equiparata e nominato con decreto del Presidente della Repubblica.


L'iter per la nomina dei componenti delle commissioni locali dovrà seguire una determinata prassi, che comincia con la richiesta di provvedere alla designazione dei componenti rivolta da ciascun direttore regionale dell'Agenzia con apposito decreto, dandone comunicazione agli interessati, al presidente del tribunale e ai soggetti designati. Anche per la commissione censuaria centrale il primo passo è la richiesta di provvedere alle designazioni dei componenti, rivolta in questo caso dal direttore dell'Agenzia agli Organi di autogoverno delle magistrature ordinaria e amministrativa, all'Anci, al Ministero dell'università e della Ricerca e al ministero dell'Economia e delle Finanze.


Una volta formalizzate le nomine dei componenti, le nuove commissioni censuarie verranno insediate con un provvedimento del direttore dell'Agenzia entro un anno dalla data di entrata in vigore del decreto stesso, dunque entro il 28 gennaio 2016, anche in assenza di designazione di uno o più dei componenti supplenti.

 

Scarica qui la Circolare n. 3 del 18 febbraio 2015.

Presentazione Autore
Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Nessun commento trovato

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Optional o must have? Quanto è importante internet per chi va a vivere in affittoOptional o must have? Quanto è importante internet per chi va a vivere in affitto
Internet, una dotazione ormai imprescindibile nelle case di moltissimi italiani. Anche se, quando si va a vivere in affitto, soprattutto se...
Catasto: addio vani, i metri quadrati esordiscono nelle visure. Catasto: addio vani, i metri quadrati esordiscono nelle visure.
Per la riforma del Catasto dovremo aspettare ancora, ma intanto i proprietari di immobili potranno beneficiare di una novità che semplificher&...
Milano, nuovo accordo territoriale: nonostante la cedolare al 10% sul concordato, spesso conviene ancora il contratto liberoMilano, nuovo accordo territoriale: nonostante la cedolare al 10% sul concordato, spesso conviene ancora il contratto libero
Spese per la casa, costa meno stare in affitto a canone concordato che in una casa di proprietà con il mutuo Convertire le abitudini, anche...
Spese per la casa, costa meno stare in affitto a canone concordato che in una casa di proprietà con il mutuoSpese per la casa, costa meno stare in affitto a canone concordato che in una casa di proprietà con il mutuo
Una recente indagine della CGIL cerca di fare chiarezza sulla diversa spesa da sostenere per la casa nelle principali città italiane. Sì...
Local Tax e taglio della Tasi per le prime abitazioni: a settembre arriva la riforma delle tasse sulla casa. Local Tax e taglio della Tasi per le prime abitazioni: a settembre arriva la riforma delle tasse sulla casa.
Mentre Confedilizia snocciola gli ultimi dati negativi sulla fiscalità legata alla casa che vedono l'Italia a un livello di tassazione degli...