Cerca

Comunicazione dei dati catastali, il modello va in pensione.

by Chiara Bianchi
on Agosto 01, 2013
Visite: 1598

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

L'Agenzia delle Entrate manda in pensione il modello CdC, previsto per la comunicazione dei dati catastali nei casi di cessione, risoluzione e proroga dei contratti di locazione o d'affitto di beni immobili. La sua funzione già da tempo era stata assorbita dal modello 69 e dalla registrazione telematica.

 

agenziaentratePasso in avanti nell'iter delle semplificazioni fiscali. L'Agenzia delle Entrate ha pubblicato un provvedimento di soppressione del modello di comunicazione dei dati catastali (CdC) nei casi di cessioni, risoluzioni e proroghe dei contratti di locazione o affitto di beni immobili. Il documento, introdotto a giugno 2010, era diventato obsoleto da quando il Direttore dell'Agenzia delle Entrate, nell'aprile 2011, aveva approvato il modello 69 che, integrato delle informazioni necessarie ai fini della comunicazione dell'opzione per l'esercizio del regime della cedolare secca, andava a sostituire il modello CdC per gli adempimenti ad esso connessi.


Per indicare i dati catastali degli immobili è necessario presentare, presso l'ufficio dell'Agenzia delle Entrate, il modello 69 in forma cartacea anche nei casi di cessione, risoluzione e proroga. Permane l'indicazione dei suddetti dati catastali nella registrazione telematica dei contratti di locazione e di affitto di beni immobili, oltre che nei versamenti telematici delle imposte relative alle proroghe, alle cessioni e alle risoluzioni dei suddetti contratti, secondo le modalità indicate dagli allegati tecnici bis e quater del decreto direttoriale 31 luglio 1998.

Presentazione Autore
Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Nessun commento trovato

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
3 ragioni per cui l’affitto è in crescita anche se le compravendite sono ripartite3 ragioni per cui l’affitto è in crescita anche se le compravendite sono ripartite
Gli italiani ricominciano a comprare casa, gli affitti sono destinati a sgonfiarsi. Sbagliato: ecco cosa succede sul mercato immobiliare  ...
Mediazione civile obbligatoria: perché nell’affitto la conciliazione non decollaMediazione civile obbligatoria: perché nell’affitto la conciliazione non decolla
Tra i fattori principali l’esclusione delle controversie per sfratto, le più numerose, e la scarsa efficacia della gestione...
Perché l’affitto è il fenomeno immobiliare del momento, spiegato in 3 puntiPerché l’affitto è il fenomeno immobiliare del momento, spiegato in 3 punti
Un mercato in crescita da 9 anni consecutivi, una fiscalità particolarmente vantaggiosa per il proprietario e canoni di affitto accessibili per...
2 Millennials su 3 scelgono l’affitto. E il mito della casa di proprietà?2 Millennials su 3 scelgono l’affitto. E il mito della casa di proprietà?
Comprare casa per i giovani: da passaggio imprescindibile a scelta di vita troppo impegnativa.     L’acquisto di un’...
Affitto, tutte le previsioni per il 2017Affitto, tutte le previsioni per il 2017
Previste più transazioni di mercato nelle grandi città. Canoni abitativi stabili quasi ovunque, solo a Milano segnali di crescita. &...