Cerca

Condòmini morosi, Bologna e Roma le città con il più alto tasso di insoluti.

by Chiara Bianchi
on Gennaio 23, 2014
Visite: 1733

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La crisi non arresta la sua stretta, e a farne le spese, quando si vive in condominio, sono prima di tutto le rate condominiali, che dovrebbero coprire i costi di manutenzione delle parti comuni e la prestazione dei servizi. Confabitare ha stilato la classifica delle città più morose del 2013.


condominioIn testa alla classifica troviamo Bologna, con il +33,8% di casi di morosità nell'arco del 2013; la seguono a ruota Roma (+33%), Napoli (+32,7%), Torino (+31,8%) e Milano (+30%). Si scende sotto la soglia delle tre decine solo con Catania (+29,6%), Firenze (+28%), Genova (+26,5%), Cagliari (+24,8%), Palermo (+23,7%), Bari (+22,6%), Padova (+21,3%). Il capoluogo più virtuoso risulta Venezia, che registra un +19%.


L'associazione di proprietari immobiliari Confabitare ha rilevato le inadempienze dal 1 gennaio al 31 dicembre 2013, constatando un ampio diffondersi del fenomeno. Anche se, per amor del vero, in questo arco di tempo qualcosa è cambiato. Il 18 giugno scorso è infatti entrata in vigore la Riforma del Condominio, la quale stabilisce che l'amministratore di condominio è obbligato a rientrare dei mancati incassi emettendo un decreto ingiuntivo nei confronti dei condomini morosi. Precedentemente, invece, l'aggravio andava a pesare sulle tasche degli altri condomini. Una misura i cui effetti devono ancora venire pienamente alla luce, ma che probabilmente aiuterà ad arginare il fenomeno in crescita di quelle famiglie furbette che approfittavano delle mancate sanzioni per smettere di pagare la loro parte di spese.


Ma perché le inadempienze sono cresciute in maniera così esponenziale? La spiegazione, fa notare Confabitare, sta nel fatto che quando la crisi attanaglia le famiglie e bisogna necessariamente tagliare qualcosa, sospendere il pagamento delle rate condominiali risulta la soluzione meno rischiosa, rispetto a interrompere il saldo dei canoni d'affitto, che comporterebbe il pericolo di vedersi intimare uno sfratto per morosità, o quello delle rate del mutuo, che porterebbe al pignoramento dell'immobile da parte della banca.

Presentazione Autore
Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Nessun commento trovato

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Sfratti per morosità in calo, ma il fenomeno è ancora grave. Come proteggersi?Sfratti per morosità in calo, ma il fenomeno è ancora grave. Come proteggersi?
Si passa da 1 sfratto ogni 334 famiglie nel 2014, annus horribilis per gli sfratti, a 1 ogni 419 nel 2016. L’aumento dei provvedimenti di...
Affitto e dintorni: l’accollo del mutuoAffitto e dintorni: l’accollo del mutuo
Tanti modi per diventare proprietari di casa. Prendere in affitto una casa o comprarla? Questo il principale dilemma per chi non sa cosa scegliere e...
Morosità di un condomino: cosa fareMorosità di un condomino: cosa fare
L’inquilino non paga le spese condominiali: come procedere? La “questione morosità” è ormai una problematica discussa...
3 ragioni per cui l’affitto è in crescita anche se le compravendite sono ripartite3 ragioni per cui l’affitto è in crescita anche se le compravendite sono ripartite
Gli italiani ricominciano a comprare casa, gli affitti sono destinati a sgonfiarsi. Sbagliato: ecco cosa succede sul mercato immobiliare  ...
Tra proprietario e inquilino non metterci l’amministratore!Tra proprietario e inquilino non metterci l’amministratore!
A chi chiedere il pagamento delle spese condominiali? Oneri accessori o spese condominiali: un balzello (spesso molto pesante) che ci si dimentica di...