Cerca

Dal 2016 niente più Tasi per gli inquilini.

by Chiara Bianchi
on Settembre 21, 2015
Visite: 3443

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Dopo l’annuncio dell’abolizione della Tasi sulla prima casa arriva una bella sorpresa anche per gli inquilini in affitto, che dal 2016 si vedranno graziare la loro quota della tassa sui servizi indivisibili. Un’ulteriore mossa che si insinua nel generale programma di riforma della tassazione immobiliare, attesa con la Legge di Stabilità per il 2016.

Taglio Tasi inquiliniIl taglio della Tasi, annunciato dal Governo già qualche settimana fa per i proprietari di prima abitazione, sarà esteso anche agli inquilini in affitto. A dirlo è stato il Ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan durante un Question time alla Camera; secondo il Ministro, sarebbe “corretto un intervento finalizzato all’eliminazione della Tasi sia per i possessori sia per i detentori dell'immobile, evitando disparità tra contribuenti”.

Presa da sola, questa notizia potrebbe non fare troppo piacere ai proprietari che temono l’aumento dell’imposizione fiscale a proprio carico. La tassa sui servizi indivisibili, infatti, nel caso delle abitazioni concesse in locazione è stata formulata in modo da risultare suddivisa fra proprietario e inquilino in una misura che va dal 70-90% a carico del primo e la restante quota a carico del conduttore, a seconda di quanto indicato nella delibera dell’amministrazione comunale.

In realtà, nella maggior parte dei comuni, per gli immobili diversi dall’abitazione principale nel 2014 si è raggiunta l’aliquota massima attribuibile come carico fiscale (ovvero il 10,6 per mille) già con la sola quota Imu, cosicché non sono stati poi molti gli inquilini ai quali è stato richiesto di contribuire al pagamento della Tasi. Secondo i dati, poco più di un Comune su due ha applicato il tributo sugli immobili diversi dalla prima abitazione, con un’aliquota media dello 0,7 per mille: ciò significa che per un appartamento da cento mila euro di valore fiscale, la Tasi media è di 70 euro e la quota a carico dell’inquilino oscilla fra i 7 e i 21 euro. Considerando che sotto i 12 euro decade l’obbligo del pagamento, si può ben dire che la difficoltà principale sia stata quella di  effettuare i calcoli corretti malgrado la complessità del sistema, per cui molti proprietari hanno dovuto rivolgersi ai caf, ai commercialisti o alle associazioni.

Inoltre l’eliminazione della Tasi rientra nel progetto più ampio che riguarda l’intera formulazione della tassazione sugli immobili con l’istituzione della tassa unica, la cosiddetta Local Tax, che secondo le previsioni del Governo sarà inserita nella Legge di Stabilità per il 2016, prendendo così il via dal prossimo 1 gennaio. Dunque se si riuscissero a rispettare questi tempi, probabilmente la Tasi verrebbe abolita in ogni caso per tutti, e al suo posto farebbe il suo ingresso la Local Tax con una formulazione differente rispetto ai precedenti tributi fiscali sulla casa.

Presentazione Autore
Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Gentile Erika, da quando ha preso possesso dell'immobile le spese condominiali le competono, valuti con il proprietario se deve pagarle già lei o se le paga lui fino al momento di stipula del contratto.

  • erika

    La proprietaria pagava 70€ al mese pur essendo vuoto le spese sono di 150€.Ma sono obbligata a pagarle per intero dato che l'amministratore li pretende? Grazie

  • se lei non è ancora titolare del contratto in ogni caso li deve pretendere dalla proprietaria.

  • erika

    Buongiorno avrei bisogno di un'informazione. La proprietaria di casa mi ha consegnato le chiavi dell'appartamento il 9 marzo e mi ha detto che potevamo fare tutte le pulizie e tinteggiature con calma e tranquillità stessa cosa per il trasloco che il contratto l'avremmo fatto in seguito. Tra vari contrattempi il 15 giugno faremo trasloco.Ora l'amministratore vuole che paghiamo le spese condominiali per intero da quando mi sono state consegnate le chiavi, premetto che come ho avuto le chiavi ho chiuso le valvole per il riscaldamento e l'acqua è stata usata per le pulizie in tutto saremo stati una decina di volte per lavoretti vari nell'appartamento.La mia domanda è sono obbligata a pagare le spese condominiali per intero anche se non ci abitiamo ancora? Grazie

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Tasi 2016: tra abitazione principale del proprietario e dell’inquilino.Tasi 2016: tra abitazione principale del proprietario e dell’inquilino.
Chi paga la Tasi nel 2016? E Quanto? Abbiamo trattato da un po’ nella rubrica di Prima Pagina le novità che la famigerata Legge di...
Imu, Tasi, Tari: i calcoli, le scadenze e le novità per il 2016.Imu, Tasi, Tari: i calcoli, le scadenze e le novità per il 2016.
Le scadenze per il pagamento di Imu, Tasi e Tari. Con l’avvicinarsi del 16 giugno, termine ultimo per il pagamento della prima rata 2016 di Imu...
Fisco immobiliare, la riduzione IMU/TASI del 25% assicura una redditività senza precedenti all’affitto a canone concordatoFisco immobiliare, la riduzione IMU/TASI del 25% assicura una redditività senza precedenti all’affitto a canone concordato
Affittare la propria seconda casa assicura un bel guadagno, ma la vera soddisfazione è sapere di poterci pagare anche poche tasse sopra. Questo...
IMU sugli immobili affittati a canone concordato: quanto vale, in euro, la riduzione del 25% introdotta dalla Legge di Stabilità?IMU sugli immobili affittati a canone concordato: quanto vale, in euro, la riduzione del 25% introdotta dalla Legge di Stabilità?
Molte novità che verranno introdotte dalla Legge di Stabilità riguardano da vicino il mondo immobiliare e ancora più nello...
Imu e Tasi: chi e quanto deve versare il saldo di dicembre?  Imu e Tasi: chi e quanto deve versare il saldo di dicembre?
Manca una manciata di giorni al termine ultimo per il saldo di Imu e Tasi, e mentre aspettiamo l’approvazione finale della Legge di Stabilit&...