Cerca

Destinazione Italia, in attesa dell'ultimo step per convertire le norme sull'APE.

by Chiara Bianchi
on Febbraio 13, 2014
Visite: 2197

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

E' giunto ieri l'ok della Camera al Decreto Destinazione Italia, recante, tra le altre, importanti misure sulla certificazione energetica degli edifici. Il D.l. ha abolito la nullità dei contratti di vendita o locazione in caso di mancata allegazione dell'APE, stabilendo al contempo una sanatoria sui contratti stipulati prima dell'entrata in vigore del Decreto. Vediamo tutte le misure.


apeLa Camera ha dato ieri il via libera al disegno di legge di conversione del D.l. 23 dicembre 2013, n. 145, recante interventi urgenti per l'avvio del Piano "Destinazione Italia", per il contenimento delle tariffe elettriche e del gas, per la riduzione dei premi RC-auto, per l'internazionalizzazione, lo sviluppo e la digitalizzazione delle imprese, e per la realizzazione di opere pubbliche. Il testo torna ora all'esame del Senato, che dovrà votare la conversione in legge entro il 21 febbraio, per evitarne la decadenza.

 


Ricordiamo le principali novità in materia di prestazione energetica.

 

  • Il Decreto interviene sulla certificazione energetica degli edifici con i commi 7 e 8 dell'art.1, nei quali si sancisce la scomparsa dell'obbligo di allegare l'Attestato di Prestazione Energetica agli atti notarili in caso di trasferimento a titolo gratuito, come donazioni e successioni.
  • Per il trasferimento a titolo oneroso e per i nuovi contratti di locazione, tranne nei casi di singola locazione, l'omessa allegazione dell'APE non determina più la nullità del contratto, ma comporta una sanzione pecuniaria da 3.000 a 18.000 euro per la vendita e da 1.000 a 4.000 per la locazione, cifre che vengono ridotte a metà per durate inferiori a 3 anni, da dividere equamente tra le parti soggette al pagamento e da applicare anche nel caso di omessa dichiarazione in apposita clausola con la quale l'acquirente o il conduttore danno atto di aver ricevuto le informazioni e la documentazione circa l'attestazione della prestazione energetica degli edifici.
  • Il comma 8 stabilisce una sorta di sanatoria di atti e contratti già sottoscritti come nulli per mancata allegazione dell'APE, secondo quanto prescritto dall'art. 1, comma 139, della Legge di Stabilità 2014, poi abrogato. Se almeno una delle parti lo richiede, sarà infatti possibile sostituire l'eventuale nullità di un contratto stipulato prima dell'entrata in vigore del Decreto versando la sanzione pecuniaria prevista dalla nuova norma, a condizione che la nullità del contratto non sia già stata dichiarata con sentenza passata in giudicato.
  • Il pagamento della sanzione amministrativa per l'omessa dichiarazione o allegazione dell'APE non esenta dall'obbligo di presentare la dichiarazione o la copia dell'attestato entro 45 giorni dalla stipula del contratto.
  • Le locazioni degli edifici residenziali utilizzati meno di 4 mesi l'anno vengono escluse dall'obbligo di riportare negli annunci di vendita o locazione gli indici di prestazione energetica dell'edificio o dell'unità immobiliare e la classe energetica corrispondente ai sensi dell'art. 6, comma 8 del Dlgs 192/2005.
  • Per quanto riguarda il condominio, viene cancellata la norma che esclude le opere e gli interventi per il contenimento del consumo energetico degli edifici dall'elenco delle innovazioni che potevano essere decise dalla maggioranza semplice dell'assemblea condominiale ai sensi dell'art. 1120, secondo comma, del Codice Civile, richiedendo, pertanto, per tali innovazioni, la maggioranza qualificata.
Presentazione Autore
Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Daniela

    Buongiorno, devo affittare un appartamento e ho un ACE condominiale (copia non conforme). E' valida o devo richiedere un APE?
    Grazie

  • Gentile Daniela deve richiedere un'ape per il suo specifico immobile, quella condominiale non è sufficiente.

  • Simona

    Buonasera, quindi se domani affitto il mio appartamento non devo piu' allegare l'Ape (vale per tutta l'Italia o ci sono differenze da una Regione all'altra?)
    E sul contratto è sufficiente scrivere
    "il conduttore dichiara di aver ricevuto le informazioni in ordine alla prestazione energetica dell'immobile" ??

  • Gentile Simona,
    in effetti non è più necessario allegare l'APE ai contratti di locazione di singole unità immobiliari, anche se resta l'obbligo di inserimento nel contratto della clausola con cui il conduttore dichiara di aver ricevuto le informazioni e la documentazione riguardanti l'attestazione della prestazione energetica dell'immobile. Per la differenza fra le diverse regioni, può leggere questo articolo: http://www.blogaffitto.it/categorie/prima-pagina/ape-obbligatorio.html Saluti!

  • NICOLA

    Buonasera, sono andato un po' in confusione...quindi .occorre o non occorre allegare l'APE se affitto il mio appartamento?
    Grazie in anticipo.
    NIcola

  • Gentile Nicola,
    capisco molto bene la confusione, perciò cercherò di essere più chiara possibile.
    Con il decreto Destinazione Italia, dal 24 dicembre scorso non è più necessario allegare l'Ape al nuovo contratto di locazione per singole unità immobiliari. L'obbligo rimane solo per le locazioni di interi edifici, oltre che per i trasferimenti a titolo oneroso. Il locatore deve informare il proprio conduttore sulla prestazione energetica del bene immobile oggetto della locazione, in pratica nel contratto deve essere inserita un’apposita clausola con la quale il conduttore dichiara di aver ricevuto le informazioni e la documentazione in ordine alla prestazione energetica del bene locato.

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Valvole termostatiche, installazione in arrivo nei condomini. Ma quanto si risparmierà?Valvole termostatiche, installazione in arrivo nei condomini. Ma quanto si risparmierà?
Importante novità di questo autunno all’insegna dell’efficienza energetica. Prima dell’accensione delle caldaie sarà...
Cucina etnica e animali domestici, ma non solo: quali cattivi odori provocano liti in condominioCucina etnica e animali domestici, ma non solo: quali cattivi odori provocano liti in condominio
Si sa, in Italia la lite condominiale è uno sport nazionale. E il classico “casus belli” è il cattivo odore proveniente dall...
Morosità nel pagamento dell’affitto, in aumento i proprietari coinvolti. Ma non tutti chiedono lo sfrattoMorosità nel pagamento dell’affitto, in aumento i proprietari coinvolti. Ma non tutti chiedono lo sfratto
Una difficoltà tipica per chi abbia subito la perdita del posto di lavoro è quella legata al pagamento delle spese per la casa. Il...
Fenomenologia dell’ascensore. Comfort ambito, ma anche pomo della discordia per chi vive in condominioFenomenologia dell’ascensore. Comfort ambito, ma anche pomo della discordia per chi vive in condominio
Per chi abita dal primo piano in su la questione ascensore è sempre molto sentita. L’assenza comporta le peggiori fatiche e le più...
APE, dal 1 ottobre nuove regole per chi affitta, vende o ristruttura l’immobile.APE, dal 1 ottobre nuove regole per chi affitta, vende o ristruttura l’immobile.
Dal 1 ottobre la certificazione energetica degli edifici cambia regole: dall’attestato unico alle sanzioni pecuniarie, dal nuovo annuncio...