Cerca

Detrazioni per giovani under 35 che acquistano in leasing la prima casa, la proposta in un ddl al Senato.

by Chiara Bianchi
on Giugno 20, 2014
Visite: 2001

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Un Ddl presentato lo scorso 23 aprile in Senato si propone di aiutare i giovani nell'acquisto dell'abitazione di residenza, un traguardo diventato, negli ultimi anni, sempre più irraggiungibile a causa della precarietà del lavoro e della stretta creditizia attuata dalle banche. Previste agevolazioni anche per le imprese edili, a fine di contribuire al rilancio del settore.


8746657Il disegno di legge 1462 presentato al Senato lo scorso 23 aprile si propone come obiettivi fondamentali il risanamento di due situazioni accentuate dalla crisi economica e finanziaria degli ultimi anni: aiutare i giovani under 35 ad acquistare la prima casa, e contribuire al rilancio del mercato edilizio.


La proposta prevede una detrazione fiscale del 19% per i giovani sotto i 35 anni con un reddito non superiore a 55 mila euro che decidano di ricorrere al leasing per acquistare l'abitazione principale, come alternativa al mutuo. In pratica il giovane riceve in uso l'immobile per un tempo determinato a fronte di un corrispettivo periodico, e le detrazioni andrebbero a coprire appunto il 19% delle spese sostenute per i canoni e i relativi oneri accessori, fino a un importo massimo di 15 mila euro annui. Alla fine del contratto, il giovane può acquistare la proprietà della casa pagando il prezzo contrattualmente previsto, o richiedere il rinnovo del contratto di locazione finanziaria. Per incentivare l'acquisto in questa fase terminale del periodo di leasing, il disegno di legge prevede un'ulteriore detrazione del 19% del costo di acquisto dell'immobile a fronte dell'esercizio dell'opzione finale, per un importo non superiore a 20.000 euro.


Ma il ddl pensa anche ai meno giovani. Le stesse agevolazioni, benché ridotte del 50%, sono previste anche per gli over 35, purché privi di prima casa e con reddito complessivo non superiore a 55.000 euro all'atto della stipula del contratto.


Come dicevamo, gli obiettivi del ddl sono duplici. Al fine di favorire il rilancio dell'edilizia sono previste forti agevolazioni anche per le imprese di costruzione nei casi di cessione di immobili derivanti da contratti di leasing oggetto del disegno di legge: le imprese si vedranno infatti riconoscere le imposte di registro, ipotecaria e catastale, in misura fissa. Mentre le imprese edili che realizzano interventi di ristrutturazione straordinaria di immobili di proprietà potranno contare, in caso di conseguimento dei requisiti antisismici e di classificazione energetica A e B dell'immobile ristrutturato e delle unità abitative dell'immobile alla stipula dei contratti di leasing, su un credito d'imposta pari, rispettivamente, al 5% o al 2% delle spese sostenute per la ristrutturazione o per la ricostruzione.


Inoltre, per incentivare la vendita di immobili ad alta prestazione energetica, generalmente immobili di recente costruzione e invenduti, il ddl riconosce all'utilizzatore che eserciti l'opzione finale di acquisto un credito d'imposta pari al 5% del costo di acquisto dell'immobile con classificazione energetica A o del 2% del costo di acquisto dell'immobile con classificazione energetica B.

Presentazione Autore
Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Nessun commento trovato

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Agevolazioni prima casa: spettano anche a chi ha già un’abitazione acquistata con il medesimo incentivo fiscale? Agevolazioni prima casa: spettano anche a chi ha già un’abitazione acquistata con il medesimo incentivo fiscale?
Le novità sulle agevolazioni prima casa: estesi i beneficiari. Tra le domande che ci vengono rivolte nei commenti di questo blog o nella posta...
I Millennials e la casa: la generazione social vuole una casa pratica, a misura d’abitante, di design e con zona living.I Millennials e la casa: la generazione social vuole una casa pratica, a misura d’abitante, di design e con zona living.
Cresce la domanda di affitto da parte dei Millennials, soprattutto nelle città più dinamiche. Hanno tra i 18 e i 34 anni, sono sempre...
Optional o must have? Quanto è importante internet per chi va a vivere in affittoOptional o must have? Quanto è importante internet per chi va a vivere in affitto
Internet, una dotazione ormai imprescindibile nelle case di moltissimi italiani. Anche se, quando si va a vivere in affitto, soprattutto se...
Bonus fiscale per la prima casa: l’intenzione di vendita è sufficiente per mantenere l’agevolazione.Bonus fiscale per la prima casa: l’intenzione di vendita è sufficiente per mantenere l’agevolazione.
  Siamo ancora una volta a parlare di Legge di Stabilità 2016 e di novità riguardanti il mondo immobiliare. In questo caso...
Affitto vs leasing: pregi e difetti di queste due formule, che nel nuovo anno potrebbero incontrarsi.Affitto vs leasing: pregi e difetti di queste due formule, che nel nuovo anno potrebbero incontrarsi.
Il 2016 inizierà per noi con grandi novità sul fronte dell’affitto che potrebbero dare ulteriore slancio al già vivace...