Cerca

Detrazioni sugli affitti dei terreni agricoli per gli under 35: il rilancio dell’agricoltura parte dai giovani.

by Chiara Bianchi
on Giugno 16, 2014
Visite: 1933

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

"Campo libero" è il suggestivo nome del decreto che introduce la riforma dell'agricoltura, approvato lo scorso 12 giugno dal Governo. Il piano è volto a rilanciare l'agricoltura attraverso semplificazioni, competitività e sicurezza, e contiene misure importanti per giovani e lavoro come le detrazioni sugli affitti agli under 35.


Business Money Tra 2189678cLe parole chiave sono semplificazione, rilancio, competitività e sicurezza alimentare: è il Decreto "Campo libero" a favore dell'agricoltura e dell'ambiente, che introduce un nuovo piano utile ad adeguare l'Italia alle normative dell'Unione Europea e a ridefinire la centralità del settore agroalimentare per lo sviluppo del Paese. Al centro dei piani del Governo stanno soprattutto i giovani; d'altra parte, secondo le rilevazioni della Coldiretti, sono proprio loro la categoria che, dall'inizio della crisi, ha preso la via dei campi per trovare una alternativa alla disoccupazione. Secondo i dati diffusi lo scorso anno, nel lontano 2007 erano 51.740 gli under 35 che avevano deciso di dedicarsi al lavoro dei campi, numero che è poi passato a 82.110 nel 2010 e che ha continuato a crescere negli ultimi 4 anni.

 
Una delle novità più importanti della riforma riguarda l'introduzione delle detrazioni per gli affitti ai giovani: in sostanza con il nuovo decreto i giovani coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali con meno di 35 anni iscritti alla previdenza agricola potranno beneficiare di una detrazione del 19% sulle spese sostenute per i canoni di affitto dei terreni agricoli, entro il limite di 80 euro per ciascun ettaro preso in affitto e fino a un massimo di 1200 euro annui. La disposizione si applica a decorrere dal periodo d'imposta 2014, ed è stata introdotta nel rispetto del trattato dell'Unione Europea sul funzionamento degli aiuti "de minimis" nel settore agricolo, di cui al regolamento UE n. 1408/2013 art. 107 e 108 della Commissione del 18 dicembre 2013. I commi vanno perciò ad integrare quanto già previsto in materia dall'art. 16 del Decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n.917.


Fra le altre misure introdotte dalla Riforma, ricordiamo:

 

  • Deduzione Irap sul lavoro a tempo determinato: il contratto a tempo determinato, il più diffuso in agricoltura, beneficerà di uno sconto sull'Irap, a condizione che i contratti abbiano la durata di almeno 3 anni e impieghino il lavoratore per non meno di 150 giornate. Lo sconto sarà pari a 3750 euro annui, per ogni lavoratore, anche se sono previsti bonus fiscali ancora più consistenti per le lavoratrici e i giovani under 35 (6750 euro), che salgono fino a 10500 euro per le donne e i giovani del Sud Italia. Inoltre chi assume con contratto a tempo determinato usufruisce di un ulteriore taglio del 50% dei contributi previdenziali e assistenziali.
  • Credito d'imposta per lo sviluppo: lo sviluppo e l'innovazione di prodotti e tecnologie e reti d'impresa potranno godere di un credito d'imposta pari al 40% delle spese, fino a un tetto di 400 mila euro.
  • Sicurezza alimentare: per assicurare il rispetto del divieto di coltivazione di prodotti Ogm saranno introdotte delle sanzioni e rafforzati gli strumenti di controllo, così come saranno effettuati maggiori verifiche nella Terra dei Fuochi.
Presentazione Autore
Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Nessun commento trovato

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
I Millennials e la casa: la generazione social vuole una casa pratica, a misura d’abitante, di design e con zona living.I Millennials e la casa: la generazione social vuole una casa pratica, a misura d’abitante, di design e con zona living.
Cresce la domanda di affitto da parte dei Millennials, soprattutto nelle città più dinamiche. Hanno tra i 18 e i 34 anni, sono sempre...
Le 5 detrazioni Irpef per gli affitti che puoi scaricare con la dichiarazione dei redditi 2016.Le 5 detrazioni Irpef per gli affitti che puoi scaricare con la dichiarazione dei redditi 2016.
Se vivete in affitto e siete in procinto di presentare la dichiarazione dei redditi coi modelli Unico e 730, vi interesserà sapere che avete...
Contratto o detrazioni per studenti universitari? La differenza c’è e a volte si vede!Contratto o detrazioni per studenti universitari? La differenza c’è e a volte si vede!
Sfatiamo l'ennesimo luogo comune: non è vero che il conduttore di un contratto transitorio per studenti universitari possa sempre fruire delle...
Affitti, nella dichiarazione precompilata i canoni sono già inclusi.Affitti, nella dichiarazione precompilata i canoni sono già inclusi.
Il Decreto Semplificazioni ha recentemente introdotto in via sperimentale la dichiarazione dei redditi precompilata per i titolari di redditi da...
Detrazione per studenti universitari: valida anche per contratti di subaffitto?Detrazione per studenti universitari: valida anche per contratti di subaffitto?
Ci stiamo sempre più avvicinando alla prossima dichiarazione dei redditi e intanto si raccolgono i documenti necessari e utili per poter capire...