Cerca

Dove cercare la seconda casa all’estero: le migliori occasioni dalle Baleari all’Egeo.

by Chiara Bianchi
on Giugno 11, 2014
Visite: 1283

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Casa.it, il portale immobiliare numero uno in Italia, mette a disposizione una mappatura aggiornata delle località di mare all'estero che offrono le migliori opportunità per l'acquisto di una seconda casa. I suggerimenti di Casa.it tengono conto sia dell'andamento di mercato sia dei costi accessori (tasse, bolli, onorari) in Spagna, Francia, Croazia, Montenegro e Grecia.


seconda-casa-mare-esteroA Cadaques e Lloret de Mar, sulla costa catalana della Spagna, è possibile trovare appartamenti senza spendere più di 2.200 euro al mq; mentre a Fiume in Croazia e Budva in Montenegro i prezzi al mq sono più bassi e oscillano tra 1.400 e 1.700 euro. Anche angoli di paradiso come l'isola di Lesina (Hvar) o la costa intorno a Spalato sono un'ottima meta per chi desidera una seconda casa al mare con prezzi che non superano i 2.200/2.400 euro al mq.


Anche chi non può resistere ai mari della Grecia e ai suoi suggestivi tramonti può approfittare di prezzi generalmente convenienti. La crisi economica ha contribuito ad abbassare ancora di più le quotazioni, ed è quindi possibile acquistare una casa vista mare a Rodi e Skopelos mantenendosi sui 2.000/2.700 euro al metro quadro; o puntare a immobili più pregiati, come le suggestive ville bianche di Mykonos, Paros o Creta tenendo in conto un prezzo medio intorno ai 5.000 euro al mq, che risulta comunque conveniente grazie alla diminuzione di circa il 30% dei prezzi dai massimi toccati negli anni scorsi. In questo senso, risultano interessanti anche le località turistiche di grido e centro della movida spagnola come le isole di Formentera e Maiorca in cui le variazioni dei prezzi registrano tra il -30% e il -35% e in cui per una casa in riva al mare si spendono tra i 4.000 e i 6.500 euro al metro quadro.

 

Guardando la Corsica invece, è possibile trovare quotazioni tra 1.900 e i 2.450 euro al mq. a Bastia, sulla costa nord-orientale. Più cara la parte meridionale dell'Isola, in cui una casa affacciata sul mare a Calvi o Bonifacio può toccare i 4.300/4.500 euro al mq.


Per acquistare una casa, però, è necessario fare i conti anche con le diverse tassazioni presenti nei diversi Stati.


Secondo le rilevazioni del centro studi di Casa.it il paese più conveniente anche sotto questo aspetto risulta essere il Montenegro, in cui le tasse sull'acquisto sono pari a circa il 2% del valore dell'immobile, seguito dalla Croazia in cui pagando la tassa di trasferimento, il bollo e la tassa di registro, si raggiunge un totale pari a circa il 7-8% del costo dell'immobile.


Anche la Grecia offre condizioni favorevoli sul piano tasse di trasferimento della proprietà che si pagano sul valore 'oggettivo' dell'immobile, in media il 3%. I proprietari di immobili sono soggetti alla tassa patrimoniale solo se il valore stimato dell'immobile a loro intestato supera i 243.000 euro.


La tassa spagnola IBI (Imposta sui Beni Immobili) è simile a quella italiana: è una tassa statale e può variare dallo 0,4% al 1,1% del valore catastale. La sua gestione e il prelievo fiscale, però, sono di competenza dei Comuni ed è per questo che i valori variano, per importi e scadenze, a seconda delle località.


La Francia risulta essere il paese più complicato e il più caro, ha infatti 3 tipologie di tasse sulla proprietà: una dovuta dall'inquilino (Taxe d'Habitation) che varia a seconda della regione di residenza, come quella dovuta dal proprietario (Taxe Foncière) e, infine, l'Imposta Patrimoniale (applicata a patrimoni oltre 1,3 milioni di euro) la cui aliquota è tra lo 0,25% e lo 0,50%.

 

Presentazione Autore
Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Nessun commento trovato

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Optional o must have? Quanto è importante internet per chi va a vivere in affittoOptional o must have? Quanto è importante internet per chi va a vivere in affitto
Internet, una dotazione ormai imprescindibile nelle case di moltissimi italiani. Anche se, quando si va a vivere in affitto, soprattutto se...
Spese per la casa, costa meno stare in affitto a canone concordato che in una casa di proprietà con il mutuoSpese per la casa, costa meno stare in affitto a canone concordato che in una casa di proprietà con il mutuo
Una recente indagine della CGIL cerca di fare chiarezza sulla diversa spesa da sostenere per la casa nelle principali città italiane. Sì...
Local Tax e taglio della Tasi per le prime abitazioni: a settembre arriva la riforma delle tasse sulla casa. Local Tax e taglio della Tasi per le prime abitazioni: a settembre arriva la riforma delle tasse sulla casa.
Mentre Confedilizia snocciola gli ultimi dati negativi sulla fiscalità legata alla casa che vedono l'Italia a un livello di tassazione degli...
Agenti immobiliari, guerra di cifre sui regolari. 4 idee per migliorare la figura del mediatoreAgenti immobiliari, guerra di cifre sui regolari. 4 idee per migliorare la figura del mediatore
A tre anni dal completamento della riforma che ha ridisegnato la professione di agente immobiliare e che doveva adeguare gli elenchi camerali degli...
Caldo record, rischio caro bolletta da condizionatore. 5 consigli per risparmiare fino a 200€Caldo record, rischio caro bolletta da condizionatore. 5 consigli per risparmiare fino a 200€
Sudore, affaticamento, notti insonni, pressione bassa, stress. Non sono però questi gli unici effetti collaterali dell'ondata di caldo torrido che,...