Cerca

Immobili affittati in attesa della vendita, le imprese costruttrici non hanno diritto a esenzioni Imu.

by Chiara Bianchi
on Febbraio 06, 2014
Visite: 2172

Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Niente esenzioni Imu per i costruttori che, in attesa di vendere gli immobili, li danno in affitto per brevi periodi. Il chiarimento giunge da parte del Dipartimento delle Finanze in occasione di Telefisco 2014, convegno annuale organizzato da Il Sole 24 Ore, durante il quale si è parlato anche di ravvedimento operoso e di insufficiente versamento delle imposte.

 


ristrutturazione5Fabbricati locati destinati alla vendita: l'esenzione Imu a cui si fa riferimento è quella prevista dall'articolo 2 del Dl 102/2013 riguardante i fabbricati costruiti dalle imprese costruttrici destinati alla vendita. Pur mantenendo il fabbricato iscritto tra le rimanenze di magazzino dell'impresa costruttrice, nel caso in cui essa decida di concedere l'immobile in locazione anche temporanea in attesa della vendita dovrà rinunciare all'esenzione dall'Imposta Municipale Unica poiché il fatto distrae il fabbricato dalla destinazione originaria. Questa la risposta che ha fornito il Dipartimento delle Finanze in occasione del convegno sulla fiscalità Telefisco organizzato annualmente da Il Sole 24 Ore. A partire dalla seconda rata 2013 sono infatti dichiarati "esenti dall'Imposta Municipale propria i fabbricati costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita, fintanto che permanga tale destinazione e non siano in ogni caso locati". Condizioni necessarie e sufficienti per cui le imprese costruttrici possano usufruire dell'esenzione sono però che i fabbricati invenduti vengano classificati in bilancio tra le rimanenze, che la presentazione della dichiarazione Imu per questi fabbricati avvenga tramite uno speciale modulo e il fatto che tali immobili non siano in ogni caso locati. Affittare i fabbricati invenduti anche per brevi periodi farà dunque scattare l'Imu su tutto l'anno, non solo per il periodo relativo alla locazione.


Ravvedimento operoso: nel corso della stessa udienza Il Dipartimento delle Finanze ha fornito anche altri chiarimenti, questa volta riguardanti il ravvedimento operoso, stabilito per le imposte locali dall'articolo 13 del Dlgs 472/1997. Dunque l'omesso o tardivo versamento della Tari sui rifiuti, della Tasi sui servizi indivisibili e dell'imposta municipale sugli immobili, può essere sanato mediante il ravvedimento operoso. Per la Iuc la sanzione è quella fissata dall'articolo 13 e cioè una maggiorazione del 30% ridotta a 1/15 per ogni giorno se il versamento è eseguito con un ritardo non superiore a 15 giorni. Il ravvedimento consente inoltre di ridurre la sanzione a 1/10 se il versamento viene eseguito entro 30 giorni dalla scadenza, oppure a 1/8 se il versamento viene eseguito entro il termine per la presentazione della dichiarazione.


Versamento insufficiente: qualora il versamento dell'Imu nel secondo semestre 2013 fosse risultato insufficiente, il comma 728 della L. 147/2013 dispone la disapplicazione di sanzioni ed interessi nel caso in cui la differenza dell'imposta non versata entro la scadenza del 16 dicembre 2013, venga pagata entro il 16 giugno 2014. La norma non comprende l'ipotesi dell'omesso versamento, per il quale rimane quindi soltanto la strada del ravvedimento operoso, mentre non viene indicata una misura, quindi è sufficiente aver versato anche pochi euro entro il 16 dicembre, e il saldo rimanente potrà essere eseguito senza interessi e sanzioni entro la scadenza della prima rata dell'Imu 2014.

Presentazione Autore
Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Nessun commento trovato

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Le 8 cose da sapere sul mercato dell’affitto nel 2016Le 8 cose da sapere sul mercato dell’affitto nel 2016
Canoni di affitto a due velocità tra nord e sud. Va forte l’abbinamento tra cedolare secca e canone concordato. In aumento chi si...
Donald Trump, da immobiliarista a presidente. Una carriera iniziata negli affittiDonald Trump, da immobiliarista a presidente. Una carriera iniziata negli affitti
Breve storia dei brillanti (ma controversi) esordi nel real estate del nuovo presidente degli Stati Uniti   Fresco di laurea, diventò a...
Affitto, la checklist del bravo agente immobiliareAffitto, la checklist del bravo agente immobiliare
Cosa significa qualità del servizio per un’agenzia immobiliare che si occupa di affitti, in 10 semplici regole   Le 10 regole d&...
Negozi, in sei anni la crisi ha ridotto del 30% i canoni di affitto dei locali commercialiNegozi, in sei anni la crisi ha ridotto del 30% i canoni di affitto dei locali commerciali
Cali importanti nei prezzi delle locazioni commerciali, frutto della ridotta richiesta di negozi in affitto che la crisi economica ha portato con s&...
Deposito cauzionale, un confronto a livello europeo sul valore della più comune garanzia per l’affittoDeposito cauzionale, un confronto a livello europeo sul valore della più comune garanzia per l’affitto
Paese per paese, un’analisi di quanto in Europa viene richiesto all’inquilino a titolo di cauzione per i danni a immobile e arredi, ma...