Cerca

Imu, case di lusso e cedolare secca: tutti gli emendamenti al vaglio della Camera.

by Chiara Bianchi
on Ottobre 08, 2013
Visite: 1859

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Partenza a pieno regime per l'esecutivo, che come prima tappa si ritrova la grana del Dl Imu, al quale sono stati allegati la bellezza di 454 emendamenti. Fra questi, il ripristino dell'Imu sulle prime case di lusso, il cambio di aliquote della cedolare secca e doppie detrazioni al posto dell'abrogazione della prima rata.


iStock 000000451625XSmallNon solo Imu: nel decreto che dovrebbe sancire l'eliminazione della prima rata dell'Imposta Municipale Unica e la sospensione del saldo di dicembre, nel corso degli ultimi giorni sono stati allegati ben 454 emendamenti, di cui 322 ormai bloccati e i restanti al vaglio della Commissione Bilancio e Finanze della Camera. Fra questi, ce ne sono alcuni che interessano ancora una volta la tassazione immobiliare: vediamoli.

 

  • Imu su prime case di lusso: è stato riammesso ieri, dopo un lungo tira e molla, l'emendamento voluto dai democratici che prevede di far pagare la tassa sulla prima casa alle "dimore di lusso". In particolare, le abitazioni con rendita catastale superiore ai 750 euro pagherebbero la prima rata Imu e con le entrate recuperate, circa 1,2 miliardi di euro, si potrebbe ripristinare l'Iva al 21% dal 1 novembre al 31 dicembre 2013, aumentare il rifinanziamento della Cig in deroga e ampliare il fondo per gli affitti 2013. L'emendamento stabilisce inoltre che "per l'anno 2013, la prima rata dell'imposta municipale propria sull'abitazione principale e relative pertinenze venga riservata allo Stato".
  • Doppie detrazioni: al vaglio della Camera anche l'emendamento che vorrebbe riscrivere integralmente l'articolo 1 del dl Imu, trasformando l'abrogazione della sola prima rata sull'abitazione principale in raddoppio delle detrazioni. Così facendo, senza bisogno di coperture aggiuntive a quelle già trovate nel decreto, si potrebbe attuare l'abrogazione di fatto anche della seconda rata per circa il 70% delle famiglie italiane e garantire una minore Imu al restante 30%, che pagherebbe il saldo entro il 16 dicembre. Inoltre, l'emendamento amplia il trattamento prima casa alle abitazioni degli anziani e dei disabili che risiedono in casa di riposo, alle abitazioni date in comodato gratuito a parenti in linea retta che vi risiedono e ad una casa di italiani residenti all'estero.
  • Revisione aliquote per cedolare secca: un ulteriore emendamento prevede la riduzione al 10% dell'aliquota della cedolare secca sugli affitti per i contratti concordati e il contemporaneo aumento dal 21 al 23% dell'aliquota prevista per gli altri contratti. La doppia modifica delle due aliquote della cedolare sarebbe studiata per garantire nuove entrate all'Erario per almeno 65 milioni di euro, determinate sia dal maggior gettito dovuto all'applicazione dell'aliquota aumentata al 23%, sia dalle maggiori imposte versate dai locatori che lascerebbero il regime della cedolare per cessata convenienza dello stesso e che quindi tornerebbero a pagare l'Irpef, le relative addizionali, l'imposta di registro e quella di bollo.
Presentazione Autore
Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Nessun commento trovato

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Studenti universitari, in crescita gli affitti al nord. Milano la più cara, Roma in caloStudenti universitari, in crescita gli affitti al nord. Milano la più cara, Roma in calo
Caro-affitti per le stanze singole (+5%), in leggero calo invece le doppie (-2%). Valori in aumento al nord, stabili o in ribasso al centro-sud. &...
È tempo di pagare! Parte ufficialmente la cedolare secca sugli affitti brevi.È tempo di pagare! Parte ufficialmente la cedolare secca sugli affitti brevi.
Oggi, 16 ottobre 2017, la prima scadenza ufficiale per pagare la nuova imposta.   E finalmente dopo rinvii, ripensamenti, cambiamenti entra in...
Sfratti per morosità in calo, ma il fenomeno è ancora grave. Come proteggersi?Sfratti per morosità in calo, ma il fenomeno è ancora grave. Come proteggersi?
Si passa da 1 sfratto ogni 334 famiglie nel 2014, annus horribilis per gli sfratti, a 1 ogni 419 nel 2016. L’aumento dei provvedimenti di...
Più tempo per pagare la tassa sugli affitti breviPiù tempo per pagare la tassa sugli affitti brevi
Gli agenti immobiliari guadagno un po’ di tempo per adeguarsi alla nuova normativa. Questa tassa sembra proprio non voler entrare in vigore!...
Affitti brevi: come si paga la tassa.Affitti brevi: come si paga la tassa.
Cedolare secca sulle locazioni brevi: pubblicato il codice. Gli affitti brevi continuano ad essere i protagonisti di questa estate: dopo aver parlato...