Cerca

L'Italia non è un Paese per giovani

by Chiara Bianchi
on Marzo 11, 2013
Visite: 988

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il dossier di Bankitalia sul risparmio e la ricchezza delle famiglie italiane durante la crisi mette in luce una situazione di disagio destinata a peggiorare senza politiche di sostegno. A farne le spese sono soprattutto le famiglie giovani e con case in affitto.

 

giovaniLa crisi finanziaria internazionale, iniziata nell'agosto del 2007 e acuitasi nell'autunno del 2008, ha colpito duramente tutti gli italiani, e in modo particolare le famiglie giovani e gli affittuari. L'analisi di Bankitalia "Il risparmio e le ricchezza delle famiglie italiane durante la crisi", evidenzia la maggiore difficoltà di queste categorie rispetto alle altre: tra le famiglie giovani, l'incidenza della povertà è aumentata, tra il 2008 e il 2010, fino a raggiungere quota 15,2%. Un valore ben più elevato di quello della popolazione nel suo complesso, che si ferma all'8,8%.

 

Chi vive in affitto non se la passa meglio: la percentuale di povertà si alza ulteriormente, fino a raggiungere il 26,1%. La corrispondenza tra l'assenza di abitazione di proprietà e il reddito basso è infatti aumentata negli ultimi vent'anni: nel 1991 apparteneva al primo step di reddito solo il 35% degli affittuari, mentre nel 2010 questa quota era salita al 55%. E la crisi non ha fatto che accentuare il fenomeno.

 

La percentuale di giovani che scelgono l'affitto, intanto, continua ad aumentare, spesso anche per motivi contingenti, legati alle crescenti difficoltà nell'acquisto di un'abitazione. La tendenza può essere spiegata, oltre che da una dinamica reddituale particolarmente sfavorevole per i giovani, con il peggioramento delle condizioni del mondo del lavoro, il crescente ricorso a forme di precariato e i salari più bassi rispetto al passato.

Presentazione Autore
Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Nessun commento trovato

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Le 8 cose da sapere sul mercato dell’affitto nel 2016Le 8 cose da sapere sul mercato dell’affitto nel 2016
Canoni di affitto a due velocità tra nord e sud. Va forte l’abbinamento tra cedolare secca e canone concordato. In aumento chi si...
Donald Trump, da immobiliarista a presidente. Una carriera iniziata negli affittiDonald Trump, da immobiliarista a presidente. Una carriera iniziata negli affitti
Breve storia dei brillanti (ma controversi) esordi nel real estate del nuovo presidente degli Stati Uniti   Fresco di laurea, diventò a...
Affitto, la checklist del bravo agente immobiliareAffitto, la checklist del bravo agente immobiliare
Cosa significa qualità del servizio per un’agenzia immobiliare che si occupa di affitti, in 10 semplici regole   Le 10 regole d&...
Buonentrata e buonuscita: il commercio dei negozi.Buonentrata e buonuscita: il commercio dei negozi.
La prima scelta per chi decide di aprire un'attività è quella di selezionare la location giusta e adatta. Il sogno di aprire nella "via...
Negozi, in sei anni la crisi ha ridotto del 30% i canoni di affitto dei locali commercialiNegozi, in sei anni la crisi ha ridotto del 30% i canoni di affitto dei locali commerciali
Cali importanti nei prezzi delle locazioni commerciali, frutto della ridotta richiesta di negozi in affitto che la crisi economica ha portato con s&...