Cerca

Lo Sblocca-Italia verso la conversione in legge, ecco l'ultima versione.

by Chiara Bianchi
on Ottobre 27, 2014
Visite: 1960

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Niente riduzione dell'iva per le ristrutturazioni edilizie né aumento per le nuove costruzioni vendute dalle imprese; torna l'obbligo di concedere in affitto la casa acquistata con l'incentivo Irpef del 20%. A poche ore dall'approvazione definitiva del decreto Sblocca-Italia prima della sua conversione in legge, ecco come cambia il testo.


HiResIl testo dello Sblocca-Italia torna domani all'esame della Camera per incassare la fiducia definitiva prima dell'11 novembre, termine previsto per la conversione in legge del decreto. Vediamo le modifiche apportate dalla Commissione Bilancio, e le misure che non sono passate agli ultimi esami delle commissioni parlamentari.

 

  • Iva per ristrutturazioni: salta la riduzione iva al 4% sugli interventi di ristrutturazione edilizia e di riqualificazione energetica degli immobili. La misura sarebbe stata finanziata con il contemporaneo aumento al 10% dell'imposta sul valore aggiunto per l'acquisto, direttamente dall'impresa, di costruzioni adibite a prima abitazione.
  • Incentivi all'acquisto di immobili: è stato nuovamente introdotto il vincolo dell'affitto per poter usufruire dell'agevolazione Irpef pari al 20% sull'acquisto di abitazioni direttamente dalle imprese costruttrici. Il bonus è valido per l'acquisto di case di nuova costruzione, restaurate o ristrutturate, purché invendute alla data di entrata in vigore della legge, e affittate a canone concoradte per almeno otto anni.
  • Dismissioni immobiliari: l'agenzia del demanio si vedrà conferiti poteri di deroga sulle dismissioni immobiliari, anche nel caso in cui non arrivino i piani dei ministri. Ripristinata anche la deroga sulla consegna dell'attestato di prestazione energetica (APE) per le operazioni immobiliari disciplinate dallo Sblocca-Italia.
  • Grandi locazioni: la norma liberalizza il mercato delle grandi locazioni, ossia gli affitti di immobili adibiti ad uso diverso da quello abitativo, incluse le attività alberghiere. Nei casi il canone non superi i 250mila euro all'anno, le parti potranno concordare le condizioni di locazione da inserire nel contratto stesso, come la durata. Restano fuori solo i locali qualificati di interesse storico a seguito di provvedimento regionale o comunale.
  • Rent to buy: le parti dovranno definire in sede di contratto la quota del corrispettivo che il concedente deve restituire in caso di mancato acquisto dell'immobile entro la data fissata.
  • Housing sociale:i "progetti di recupero di immobili a fini di edilizia residenziale pubblica, da destinare a nuclei familiari utilmente collocati nelle graduatorie comunali per l'accesso ad alloggi di edilizia economica e popolare e a nuclei sottoposti a provvedimenti di rilascio per morosità incolpevole, nonché agli immobili da destinare ad auto recupero, affidati a cooperative composte esclusivamente da soggetti aventi è requisiti per l'accesso all'edilizia residenziale pubblica" avranno priorità di valutazione nel quadro degli interventi di recupero degli immobili pubblici.
  • Decoro urbano: confermata l'esenzione dai tributi comunali per l'attività di riqualificazione di aree urbane, "concessa prioritariamente a comunità di cittadini costituite in forme associative stabili e giuridicamente riconosciute".
Presentazione Autore
Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Nessun commento trovato

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Donald Trump, da immobiliarista a presidente. Una carriera iniziata negli affittiDonald Trump, da immobiliarista a presidente. Una carriera iniziata negli affitti
Breve storia dei brillanti (ma controversi) esordi nel real estate del nuovo presidente degli Stati Uniti   Fresco di laurea, diventò a...
Optional o must have? Quanto è importante internet per chi va a vivere in affittoOptional o must have? Quanto è importante internet per chi va a vivere in affitto
Internet, una dotazione ormai imprescindibile nelle case di moltissimi italiani. Anche se, quando si va a vivere in affitto, soprattutto se...
Un mercato in costante crescita da 8 anni? Cercalo nel settore immobiliare e lo troveraiUn mercato in costante crescita da 8 anni? Cercalo nel settore immobiliare e lo troverai
Siamo abituati a credere che il settore immobiliare abbia subito negli ultimi anni una prolungata fase di crisi, dalla quale solo negli ultimi due...
Affitto, quali previsioni per il 2016? I principali trend del mercato della locazioneAffitto, quali previsioni per il 2016? I principali trend del mercato della locazione
Che i segnali di ripresa nell’immobiliare ci siano e nel 2016 possano ulteriormente rafforzarsi lo confermano i più importanti...
Canoni in risalita nel 2015, è la richiesta delle famiglie a spingere gli immobili più spaziosiCanoni in risalita nel 2015, è la richiesta delle famiglie a spingere gli immobili più spaziosi
Rimbalzo verso l’alto, dopo anni di calo costante, oppure ripartenza della crescita? L’interrogativo è legittimo, visto il +1,7%...