Cerca

Mercato immobiliare in lenta ripresa nel II trimestre 2013.

by Chiara Bianchi
on Settembre 25, 2013
Visite: 1150

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Segno meno per il mercato immobiliare italiano nel secondo trimestre dell'anno, ma con una netta decelerazione che conferma i segnali di miglioramento già intravisti nei tre mesi precedenti: questo il succo dei dati contenuti nella Nota trimestrale dell'Omi e dell'Agenzia dell'Entrate presentata ieri.

 

mutuofondosolidarieta490Tutti i segni fanno prevedere una ripresa; lenta, ma pur sempre una ripresa. Nella Nota trimestrale presentata ieri dall'Osservatorio Mercato Immobiliare e dall'Agenzia delle Entrate riferita al periodo aprile-giugno 2013 si parla di una flessione degli scambi del 7,7% rispetto allo stesso periodo del 2012, con un recupero di oltre sei punti percentuali rispetto alla contrazione del 13,8% registrata nei primi tre mesi di quest'anno.


Nel dettaglio, le vendite nel settore residenziale si sono ridotte del 9,3%, per un volume di abitazioni scambiate pari a 108.618, mentre il mercato delle pertinenze subisce una perdita del 7,5%, pari a 88.555 unità. Anche nei settori non residenziali continua la contrazione delle vendite: il maggior calo si registra per gli uffici (-10,6%), seguiti dai capannoni (-6,5%) e dai negozi (-2,7%).


Le perdite più contenute si osservano al Nord (-7,9%), mentre al Sud e al Centro il rallentamento si mantiene superiore al 10%, con tassi rispettivamente del -10,7% e del -10,6%. Su scala urbana, le compravendite residenziali mostrano flessioni più marcate a Genova (-15,7%), Firenze (-11,3%) e Palermo (-9,4%), mentre più contenute sono quelle di Roma (-6,9%), Torino (-4,7%) e Milano (-2%). Bologna e Napoli vanno in controtendenza, segnando rialzi del 5 e 1,8% rispettivamente.


Il valore medio per abitazione è sceso del -1,43% rispetto allo stesso semestre dell'anno scorso, risultando pari a 167mila euro; questo dato trascina le quotazioni di case a quasi 34 miliardi di euro, circa 5 miliardi in meno rispetto allo stesso semestre del 2012.

Presentazione Autore
Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Nessun commento trovato

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Donald Trump, da immobiliarista a presidente. Una carriera iniziata negli affittiDonald Trump, da immobiliarista a presidente. Una carriera iniziata negli affitti
Breve storia dei brillanti (ma controversi) esordi nel real estate del nuovo presidente degli Stati Uniti   Fresco di laurea, diventò a...
Optional o must have? Quanto è importante internet per chi va a vivere in affittoOptional o must have? Quanto è importante internet per chi va a vivere in affitto
Internet, una dotazione ormai imprescindibile nelle case di moltissimi italiani. Anche se, quando si va a vivere in affitto, soprattutto se...
Un mercato in costante crescita da 8 anni? Cercalo nel settore immobiliare e lo troveraiUn mercato in costante crescita da 8 anni? Cercalo nel settore immobiliare e lo troverai
Siamo abituati a credere che il settore immobiliare abbia subito negli ultimi anni una prolungata fase di crisi, dalla quale solo negli ultimi due...
Affitto, quali previsioni per il 2016? I principali trend del mercato della locazioneAffitto, quali previsioni per il 2016? I principali trend del mercato della locazione
Che i segnali di ripresa nell’immobiliare ci siano e nel 2016 possano ulteriormente rafforzarsi lo confermano i più importanti...
Canoni in risalita nel 2015, è la richiesta delle famiglie a spingere gli immobili più spaziosiCanoni in risalita nel 2015, è la richiesta delle famiglie a spingere gli immobili più spaziosi
Rimbalzo verso l’alto, dopo anni di calo costante, oppure ripartenza della crescita? L’interrogativo è legittimo, visto il +1,7%...