Cerca

Morosità incolpevole, arrivano gli aiuti anti-crisi.

by Chiara Bianchi
on Aprile 23, 2014
Visite: 2430

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La Conferenza Stato-Regioni ha dato il via libera al provvedimento che finanzia il Fondo per la morosità incolpevole con i primi 20 milioni di euro. Una misura che consentirà di tirare un sospiro di sollievo a tutti quegli inquilini i quali, per cause indipendenti dalla propria volontà, si sono trovati in difficoltà economiche e non riescono a far fronte ai canoni d'affitto.


iStock 000009172358MediumI primi 20 milioni a sostegno degli inquilini in difficoltà economiche che non riescono a pagare i canoni di affitto saranno presto integrati nel Fondo per la morosità incolpevole grazie al via libera arrivato dalla Conferenza permanente per i rapporti Stato-Regioni-Province autonome. Si tratta del testo definitivo del decreto che approderà in Gazzetta Ufficiale con le firme del ministro delle Infrastrutture e del ministro dell'Economia.


Il decreto chiarisce alcuni aspetti poco chiari del testo del D.l. 102/13, emendato durante il suo iter di conversione in legge. A cominciare dalla definizione di "morosità incolpevole", intesa come "la situazione di sopravvenuta impossibilità a provvedere al pagamento del canone locativo a ragione della perdita o consistente riduzione della capacità reddituale del nucleo familiare". E specifica, non solo a titolo di esempio, quali siano esattamente le cause della morosità incolpevole, in presenza delle quali l'inquilino che non riesca a far fronte ai canoni di locazione potrà richiedere gli aiuti dello Stato:

 

- perdita di lavoro per licenziamento;

- accordi aziendali o sindacali con consistente riduzione dell'orario di lavoro;

- cassa integrazione ordinaria o straordinaria che limiti notevolmente la capacità reddituale;

- mancato rinnovo di contratti a termine o di lavoro atipici;

- cessazioni di attività libero-professionali o di imprese registrate, derivanti da cause di forza maggiore o da perdita di avviamento in misura consistente;

- malattia grave, infortunio o decesso di un componente del nucleo familiare che abbia comportato o la riduzione del reddito complessivo del nucleo medesimo o la necessità dell'impiego di parte notevole del reddito per fronteggiare rilevanti spese mediche e assistenziali.

 

Il primo finanziamento di 20 milioni sarà sommato a un secondo predisposto con la stessa somma anche per il 2015; tali risorse saranno assegnate prioritariamente ai comuni ad alta densità abitativa che abbiano avviato, entro il 29 ottobre di quest'anno, bandi o altre procedure amministrative meglio specificati nella norma. I Comuni dovranno poi comunicare alle Prefetture-Uffici territoriali del Governo l'elenco dei richiedenti che rispecchino alcuni requisiti, ovvero: che rientrino nei parametri Isee, siano destinatari di atti di intimazione di sfratto per morosità, siano titolari di contratti di affitto registrati e risiedano in alloggi oggetto di procedure di rilascio da almeno un anno, abbiano cittadinanza italiana o europea oppure siano titolari di un permesso di soggiorno.


Il contributo concedibile per sanare la morosità incolpevole accertata non può superare l'importo di 8mila euro, che, secondo la procedura attuale, verranno ricevuti direttamente dal soggetto moroso incolpevole.

Presentazione Autore
Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Nessun commento trovato

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Optional o must have? Quanto è importante internet per chi va a vivere in affittoOptional o must have? Quanto è importante internet per chi va a vivere in affitto
Internet, una dotazione ormai imprescindibile nelle case di moltissimi italiani. Anche se, quando si va a vivere in affitto, soprattutto se...
Morosità nel pagamento dell’affitto, in aumento i proprietari coinvolti. Ma non tutti chiedono lo sfrattoMorosità nel pagamento dell’affitto, in aumento i proprietari coinvolti. Ma non tutti chiedono lo sfratto
Una difficoltà tipica per chi abbia subito la perdita del posto di lavoro è quella legata al pagamento delle spese per la casa. Il...
Spese per la casa, costa meno stare in affitto a canone concordato che in una casa di proprietà con il mutuoSpese per la casa, costa meno stare in affitto a canone concordato che in una casa di proprietà con il mutuo
Una recente indagine della CGIL cerca di fare chiarezza sulla diversa spesa da sostenere per la casa nelle principali città italiane. Sì...
Local Tax e taglio della Tasi per le prime abitazioni: a settembre arriva la riforma delle tasse sulla casa. Local Tax e taglio della Tasi per le prime abitazioni: a settembre arriva la riforma delle tasse sulla casa.
Mentre Confedilizia snocciola gli ultimi dati negativi sulla fiscalità legata alla casa che vedono l'Italia a un livello di tassazione degli...
La badante di condominio: una nuova soluzione anticrisi e pro risparmio.La badante di condominio: una nuova soluzione anticrisi e pro risparmio.
Se pensiamo alle principali finalità per cui nasce l'istituto del condominio, non possiamo non pensare alla necessità di mettere insieme...