Cerca

Nel 2015 cresce la cedolare secca sugli affitti, +17,9%.

by Chiara Bianchi
on Marzo 10, 2016
Visite: 2424

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 
Tassa-affitti-più-scelta-cedolare-secca

La cedolare secca funziona bene ed è diventata, nel giro di pochi anni, il regime fiscale preferito dai proprietari italiani. Dopo i recenti dati registrati dal report Solo Affitti sulla locazione nel 2015, che testimoniano il sorpasso della cedolare secca rispetto al regime tradizionale Irpef, arrivano anche quelli del Ministero dell’Economia e delle Finanza che pubblica il documento sulle entrate tributarie riferito allo scorso anno.

Dal documento emerge che nel 2015 la cedolare secca è stata scelta come regime fiscale nel 17,9% di casi in più rispetto all’anno precedente, con un gettito pari a 2.012 milioni di euro; l’incremento, secondo la nota, deriverebbe anche da un aumento delle frequenze dei contributi versati, spronati probabilmente anche dall’aliquota particolarmente agevolata della cedolare nei casi di contratto a canone concordato, che nei comuni ad alta densità abitativa è pari al 10%.

Secondo Confedilizia il successo che sta riscuotendo la cedolare secca nel campo degli affitti abitativi dovrebbe essere esteso anche agli affitti di negozi e uffici, un settore nel quale le imposte a carico dei proprietari erodono fino all’80% del canone di locazione, senza considerare le spese di manutenzione dell’immobile e l’eventuale indennità di avviamento. Per il presidente dell’associazione dei proprietari “Si tratterebbe di una misura che avrebbe, fra gli altri, il pregio di aiutare il commercio e l’artigianato e di contribuire a combattere la desertificazione e il degrado di tante aree urbane”.

Presentazione Autore
Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Nessun commento trovato

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Le 8 cose da sapere sul mercato dell’affitto nel 2016Le 8 cose da sapere sul mercato dell’affitto nel 2016
Canoni di affitto a due velocità tra nord e sud. Va forte l’abbinamento tra cedolare secca e canone concordato. In aumento chi si...
Opzione cedolare per contratto uso foresteria: facciamo chiarezzaOpzione cedolare per contratto uso foresteria: facciamo chiarezza
Un supporto nel caos interpretativo Ultimamente molto è stato scritto sulla possibilità per il locatore persona fisica di optare per il...
Proroga del contratto in cedolare secca, allarme rosso!Proroga del contratto in cedolare secca, allarme rosso!
Le insidie nascoste nella proroga di un contratto in cedolare secca Il regime fiscale della cedolare secca ha festeggiato da poco il quinto anno di...
Fisco immobiliare, la riduzione IMU/TASI del 25% assicura una redditività senza precedenti all’affitto a canone concordatoFisco immobiliare, la riduzione IMU/TASI del 25% assicura una redditività senza precedenti all’affitto a canone concordato
Affittare la propria seconda casa assicura un bel guadagno, ma la vera soddisfazione è sapere di poterci pagare anche poche tasse sopra. Questo...
4 ragioni per introdurre cedolare secca e canone concordato anche per l’affitto dei negozi4 ragioni per introdurre cedolare secca e canone concordato anche per l’affitto dei negozi
Ripresa. Se ne parla tanto, ma senza un nuovo slancio dei consumi interni, l’export da solo non basta. Serve ridare movimento agli affari delle...