Cerca

Obbligo di installazione delle valvole termostatiche: chi paga se l'appartamento è in affitto?

by Chiara Bianchi
on Marzo 31, 2016
Visite: 23247

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 
Obbligo installazione valcole termostatiche

Entro il 31 dicembre 2016 è previsto l’obbligo di installare le valvole termostatiche con i contabilizzatori di calore in tutti gli immobili facenti parte di condomini con riscaldamento centralizzato, esclusi quindi quelli con impianto autonomo. Obiettivo: contenere la spesa energetica delle nostre abitazioni. Ma se la casa è affittata, tale spesa rientra fra gli oneri spettanti al conduttore o al locatore?


Le valvole termostatiche sono meccanismi di termoregolazione che permettono una diversa – e automatica - regolazione delle temperature per ogni stanza dell’appartamento: ogni volta che ci sarà del calore in eccesso rispetto alla temperatura impostata sulla testa della valvola, essa ne richiederà meno al radiatore, consentendo così il risparmio energetico che si tradurrà, in seconda istanza, anche in un risparmio economico. E’ necessario installare le valvole su tutti i termosifoni presenti in casa: trattandosi di un circuito chiuso, infatti, ogni componente dell’impianto di riscaldamento influisce sul comportamento dell’altro. L’obbligo di installazione si estende anche ai contabilizzatori, o ripartitori di calore, che quantificano il calore effettivamente consumato. L’obiettivo è quello di adeguarsi alla direttiva europea 2012/27/Ue che prevede di diminuire del 20% le emissioni di anidride carbonica, incrementando al contempo del 20% le fonti rinnovabili di energia. In un condominio, dopo un primo investimento iniziale, la prospettiva è quella di ottenere un risparmio medio annuale tra il 10% e il 30% del totale del combustibile utilizzato.

Ma quando l’appartamento è in affitto, l’onere della spesa spetta al proprietario o all’inquilino? Trattandosi di adeguamento dell’impianto di riscaldamento alle leggi e ai regolamenti in materia di contenimento dei consumi, la spesa ricade sul proprietario, come indicato nelle tabelle di ripartizione degli oneri accessori approvate dalle principali organizzazioni sindacali di categoria. Per quanto riguarda la ripartizione delle spese condominiali, esse andranno riviste in assemblea: le spese di riscaldamento vanno infatti ripartite tra le unità immobiliari in proporzione alle letture dei contatori di calore. Solo una parte minima della spesa viene suddivisa secondo i millesimi, compensando i costi comuni e le dispersioni di calore dell’impianto di riscaldamento.

I condomini che non si adegueranno alla legge entro il 2017 saranno soggetti a sanzioni amministrative comprese tra i 500 e i 2500 euro, a seconda delle disposizioni adottate dalle singole Regioni. In realtà il tempo a disposizione per effettuare l'adeguamento è ridotto rispetto a tale scadenza: infatti, per non causare disagi alle famiglie, l'installazione delle valvole termostatiche dovrebbe avvenire a impianti spenti, quindi tra aprile e ottobre. Ma quanto costerà l’adeguamento? Secondo una simulazione effettuata dal Sole 24 Ore, per un appartamento di 80 mq dotato di 6 caloriferi si sborseranno 1.055 euro di spesa per installare le valvole termostatiche, con un costo medio per radiatore di circa 120 euro, compresi i costi per adeguare le pompe di circolazione dell'impianto condominiale da portata fissa a variabile. Importo che sfrutta già il maxi sconto fiscale del 65%, valido fino al prossimo 31 dicembre.

Presentazione Autore
Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Giulia

    Anche le case Aler sono obbligati di installare le valvole?

  • Buongiorno Giulia, se parliamo di un condominio devono rispettare la normativa e quindi installare le valvole.

  • Giulia

    Buonasera Isabella, grazie mille! Perche ho firmato contratto per la casa nello stato di fatto e ho detto ai addetti Aler che la spesa delle valvole è a carico loro ma mi hanno detto che per edilizia pubblica residenziale non è obligatorio.

  • Vito

    Buonasera, nel mio condominio sono stati effettuati a giugno i lavori di adeguamento degli impianti di riscaldamento. Nel mio appartamento, ora gestito dal mio inquilino, sono stati installati solo i ripartitori di calore in quanto ho acquistato 2 anni fa l'immobile già ristrutturato con le termovalvole incluse su tutti i radiatori, mentre in altri appartamenti non ristrutturati, sono state installate anche le termovalvole. La spesa complessiva di questo adeguamento è stata ripartita in millesimi per tutti i condomini. È lecito che io paghi i lavori di adeguamento eseguiti sui termosifoni degli altri condomini o è il caso che faccia presente all'amministratore che io debba pagare esclusivamente i lavori eseguiti nel mio appartamento? Grazie.

  • Gentile Vito se è stato deliberato che le spese andavano suddivise sulla base dei millesimi ora lei deve contribuire insieme agli altri condomini.

  • Andrea

    perdonate.... altra domanda alla quale non trovo risposte: nel condominio in cui risiedo, due appartamenti non hanno ricevuto l'adeguamento richiesto dalla normativa, e a tutt'oggi nessuno si presenta ad aprirne i locali per eseguire le lavorazioni (probabilmente per volontà del o dei proprietari che hanno gli immobili sfitti). L'amministratore crede sia opportuno rivolgersi ad un legale, ma in alternativa a detto percorso, l'ingegnere termotecnico che ha preparato il progetto, potrebbe comunicare i dati dei radiatori presenti nei locali (o desumerli per analogia di immobili se nemmeno lui non è riuscito ad ispezionare i locali) al gestore del sistema per fargli attribuire il massimo della spesa? (come se avessero le valvole aperte al massimo senza poter termoregolare gli ambienti!) grazie di nuovo

  • Buongiorno Andrea, direi che si potrebbe procedere in entrambi i modi, ovvero con un legale per tutelarsi da eventuali sanzioni e con un ingegnere per attribuire, praticamente i costi di riscaldamento.

  • Andrea

    Buongiorno a tutti, una domanda tecnica: in che modo viene comunicato (o dimostrato) all'eventuale ente che controlla la tempistica dell'adeguamento termico secondo UNI 10200 l'avvenuta trasformazione eseguita entro la scadenza del 31.12.2016? Ringrazio anticipatamente.

  • Gentile Andrea, in questo caso dovete tenere la certificazione del collaudo che vi rilascia il professionista che esegue il lavoro.

  • Andrea

    grazie mille... gentilissima ed esaustiva.... buona giornata

  • Giulia

    Buonasera, io sono in affitto dal 15 ottobre con un contratto transitorio valido sino al 15 di febbraio, a novembre sono stati montati i ripartitori e nello stesso mese mi è arrivata la prima rata anticipata forfettaria di 200 euro per i riscaldamenti (teoricamente 2 mesi). Dunque adesso mi domando andando via prima dello spegnimento dei riscaldamenti come faccio a richiedere indietro i miei soldini per il riscaldamento non utilizzato ma pagato? Grazie ovviamente la proprietaria di casa non ha voluto trovare alcun accordo!!

  • Gentile Giulia dovrebbe a questo punto aspettare il bilancio finale e quindi farsi restituire la parte anticipata ma non goduta.

  • Francesco

    Buongiorno,
    sono un inquilino in affitto in un condominio di Cuneo con contratto di locazione 4+4. Tre mesi fa ho partecipato alla riunione per il riscaldamento e all'ordine del giorno vi era l'approvazione dei lavori di contabilizzazione dell'impianto di riscaldamento, nella quale si sono deliberati i lavori e le spese per l'installazione ma senza specificare a carico di chi. Una settimana fa il proprietario di casa mi ha precisato che le spese per l'installazione delle termovalvole e dei ripartitori all'interno dell'abitazione saranno a mio carico. Il proprietario di casa insiste sulla linea che non intende in nessun modo provvedere lui al pagamento del lavoro. La stessa cosa per gli altri inquilini in affitto del mio condominio con il medesimo proprietario. Può rivalersi nei miei confronti in qualche modo per obbligarmi a pagare? Cosa mi consiglia di agire, per favore? Grazie

  • Gentile Francesco, la spesa compete al proprietario, è considerata infatti una spesa straordinaria. trova qui la tabella di riferimento

  • Jessica

    Buonasera,
    Dopo l'approvazione in assemblea condominiale della spesa per i contabilizzatori, il nostro proprietario ci ha comunicato che tali spese saranno a carico degli inquilini in affitto, mentre il resto sarà a suo carico . Ho fatto presente che anche l'installazione di questi dispositivi è a suo carico,ma lui insiste a dire che non può pagare tutto quanto.
    Esiste una legge,un decreto,un articolo in cui venga espressamente detto che questa installazione è una manutenzione straordinaria? Perché lui fa leva sul fatto che non esiste alcun tipo di legge che definisce questo intervento come straordinario.
    Grazie in anticipo.

  • Gentile Jessica il riferimento è alla "Tabella Per la ripartizione degli oneri accessori predisposta dalla Confedilizia e registrata a Roma - Atti privati al n. C 46286 in data 22.11.1994" oltre che agli articoli del codice civile 1576 e 1590.

  • Jessica

    Buongiorno,
    mi scusi, un'altra domanda.
    E' possibile che il proprietario faccia leva anche sul fatto che all'assemblea di condominio dove sono state comunicate le spese per l'installazione nessuno degli inquilini si sia opposto?
    Secondo logica, l'inquilino non può decidere delle spese che deve fare il proprietario, quindi non dovrebbe nemmeno avere voce in capitolo...
    Grazie ancora.

  • all'assemblea di condominio queste spese vengono deliberate ed approvate dai proprietari; quindi gli inquilini non potrebbero opporsi.

  • Jessica

    Buongiorno,
    grazie mille.
    Ma se durante l'assemblea nessuno ha votato contro l'installazione delle termovalvole (installazione tra l'altro obbligata per legge), il proprietario potrebbe fare leva su questo per farle pagare agli inquilini?
    Grazie in anticipo.

  • Gian Luigi Monda

    Il costo per l'installazione dei contabilizzatori e le spese di adeguamento caldaia al nuovo sistema con quale tabella (proprietà o riscaldamento) deve essere ripartiro per i condomini? Grazie

Carica Altri Commenti

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Affitto, per gli oneri accessori occorre diversificare le aliquote Iva.Affitto, per gli oneri accessori occorre diversificare le aliquote Iva.
Le spese di elettricità, riscaldamento, acqua e rifiuti, quando siano compresi nel canone di affitto, devono essere valutate separatamente ai...
Spese forfettarie o a conguaglio? Cosa posso o non posso prevedere per essere in regola.Spese forfettarie o a conguaglio? Cosa posso o non posso prevedere per essere in regola.
Spesso per evitare di intestare le utenze agli inquilini e quindi rischiare di dover frequentemente presentare pratiche di voltura delle utenze, molti...
Riqualificazione energetica: quale risparmio in bolletta, quali agevolazioni fiscaliRiqualificazione energetica: quale risparmio in bolletta, quali agevolazioni fiscali
Obama ne ha fatto uno dei propri cavalli di battaglia: creare sviluppo e aiutare l'ambiente sostenendo la "green economy". In Italia il Governo ha...
Un'ordinaria manutenzione straordinariaUn'ordinaria manutenzione straordinaria
Casa nuova, vita nuova! Quante volte sistemando una camera, comprando un nuovo mobile, guardando le vetrine ci vengono in mente nuove idee e voglia di...
Prorogati i bonus ristrutturazioni, risparmio energetico e mobili.Prorogati i bonus ristrutturazioni, risparmio energetico e mobili.
Arriva il testo definitivo della Legge di Stabilità per il 2015, che contiene la proroga dei bonus per il risparmio energetico, le ristrutturazioni e...