Cerca

Questione di Tares

by Chiara Bianchi
on Gennaio 16, 2013
Visite: 15923

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

E' scattata il 1° gennaio la Tares, la nuova tassa sui rifiuti che abroga Tarsu e Tia. Una tassa che semplifica il processo di riscossione tributaria, accorpando in una sola imposta le spese per la gestione, la raccolta, e lo smaltimento dei rifiuti. Ecco un vademecum che spiega chi deve pagare e quanto.


taresLa sua introduzione è stabilita dal decreto Salva Italia del 2011, dove si legge: "A decorrere dal 1° gennaio 2013 è istituito in tutti i comuni del territorio nazionale il tributo comunale sui rifiuti e sui servizi, a copertura dei costi relativi al servizio di gestione dei rifiuti urbani e dei rifiuti assimilati avviati allo smaltimento, svolto in regime di privativa pubblica ai sensi della vigente normativa ambientale e dei costi relativi ai servizi indivisibili dei comuni".

 

Ma a chi spetta pagare la Tares e in base a quale calcolo?


L'imposta è dovuta da chiunque possieda, occupi o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte suscettibili di produrre rifiuti urbani. Sostanzialmente dovranno pagare il tributo proprietari, inquilini, usufruttuari, comodatari, insomma chiunque detenga il possesso e non la proprietà dell'immobile, al contrario di quanto avveniva per la vecchia tassazione sui rifiuti. L'imposta va pagata al Comune nel cui territorio è ubicato, interamente o prevalentemente, la superficie dell'immobile assoggettato alla tassa.

 

La tariffa va pagata ogni anno in base alla quantità e qualità media ordinaria di rifiuti prodotti per unità di superficie, in relazione agli usi e alla tipologia di attività svolte. Il parametro che definisce la base imponibile è sempre l'80% della superficie catastale, con un carico fiscale minimo di 30 centesimi per mq. Una cifra che i Comuni potranno decidere di rialzare fino a 40 centesimi al mq, o che potranno ridurre nella misura massima del 30%, in alcuni casi, come per le abitazioni con unico occupante, quelle per uso stagionale o comunque limitato e discontinuo o di proprietà di persona che risiede all'estero, e per i fabbricati rurali ad uso abitativo.
In base al decreto, altre possibili deduzioni sulla tassa possono essere deliberate per le zone in cui non è effettuata la raccolta e in relazione alla distanza dal più vicino punto di raccolta; sono inoltre assicurate le riduzioni per chi effettua la raccolta differenziata in casa.


La Tares potrà essere pagata in quattro rate, la prima delle quali, per il 2013, è prevista in aprile, secondo un calendario che dovranno decidere i Comuni. Per gli anni successivi, il pagamento è previsto a gennaio, aprile, luglio e ottobre, con scadenze ancora una volta definite dai singoli enti locali.

Presentazione Autore
Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
Carica Altri Commenti

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Donald Trump, da immobiliarista a presidente. Una carriera iniziata negli affittiDonald Trump, da immobiliarista a presidente. Una carriera iniziata negli affitti
Breve storia dei brillanti (ma controversi) esordi nel real estate del nuovo presidente degli Stati Uniti   Fresco di laurea, diventò a...
Rimborso Imu: le istruzioni per ottenerlo.Rimborso Imu: le istruzioni per ottenerlo.
Come richiedere il rimborso Imu. Con maggio si avvicina il momento di versare le prime rate dell’anno sulle tasse locali Imu, Tasi e Tari; oggi...
Optional o must have? Quanto è importante internet per chi va a vivere in affittoOptional o must have? Quanto è importante internet per chi va a vivere in affitto
Internet, una dotazione ormai imprescindibile nelle case di moltissimi italiani. Anche se, quando si va a vivere in affitto, soprattutto se...
Un mercato in costante crescita da 8 anni? Cercalo nel settore immobiliare e lo troveraiUn mercato in costante crescita da 8 anni? Cercalo nel settore immobiliare e lo troverai
Siamo abituati a credere che il settore immobiliare abbia subito negli ultimi anni una prolungata fase di crisi, dalla quale solo negli ultimi due...
Fisco immobiliare, la riduzione IMU/TASI del 25% assicura una redditività senza precedenti all’affitto a canone concordatoFisco immobiliare, la riduzione IMU/TASI del 25% assicura una redditività senza precedenti all’affitto a canone concordato
Affittare la propria seconda casa assicura un bel guadagno, ma la vera soddisfazione è sapere di poterci pagare anche poche tasse sopra. Questo...