Cerca

Riforma del Catasto, arriva il decreto sulle commissioni censuarie.

by Chiara Bianchi
on Maggio 28, 2014
Visite: 1550

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il primo passo per la realizzazione della Riforma del Catasto è stato compiuto: è pronto il decreto per rifondare le commissioni censuarie incaricate di elaborare l'algoritmo per la revisione delle rendite del nuovo catasto. Ma per vedere la riforma completata dovremo attendere cinque anni.


Real-Estate-ModelingLe commissioni censuarie e la loro rifondazione saranno oggetto del prossimo provvedimento che sarà varato "a brevissimo", stando alle dichiarazioni del vice presidente dell'Agenzia delle Entrate, Gabriella Alemanno, che interviene a margine della presentazione del Rapporto Immobiliare 2014. Alemanno conferma inoltre la previsione che occorreranno cinque anni di lavoro per mettere in piedi una Riforma del Catasto seria a 360 gradi. Il patrimonio immobiliare italiano dovrà infatti essere censito in toto, che tradotto in cifre significa 62 milioni di immobili, 1,8 milioni dei quali definiti "speciali". Gli immobili ordinari, che secondo le rendite attualmente in vigore hanno un valore di circa 24 miliardi, saranno stimati utilizzando i metri quadrati e non più i vani, sulla base di un algoritmo che terrà conto di diversi elementi, come il valore medio della casa al metro quadrato nell'ultimo triennio, la localizzazione, la presenza di servizi nel quartiere, l'esposizione, l'affaccio, l'ascensore, lo stato di manutenzione, l'efficienza energetica. I quasi 2 milioni di immobili "speciali" rappresentano invece 12 dei 36 miliardi del patrimonio immobiliare totale, e si riferiscono principalmente a uffici pubblici, capannoni industriali e conventi che, al contrario di quelli ordinari, necessiteranno di una stima diretta.

 


Le commissioni censuarie costituiranno, in sostanza, l'organismo attuativo dell'intera riforma. Furono fondate nel 1886, sulla base della composizione provinciale in cui era suddivisa l'Italia, ma da tempo risultano adempienti a compiti di tipo puramente amministrativo, come enti di coordinamento fra l'attività dell'amministrazione del Catasto e dei servizi tecnici erariali e quella degli enti locali. Primo atto dovuto da parte del Governo sarà dunque quello di rifondarle secondo un nuovo aspetto istituzionale, dal momento che le Province sono state svuotate delle loro funzioni in attesa della definitiva abolizione. Loro compito sarà quello di censire il patrimonio immobiliare sul territorio, utilizzando il nuovo algoritmo che servirà alla rivalutazione degli immobili, avvicinandoli ai valori di mercato attuali. L'algoritmo, stando alle dichiarazioni della Alemanno, sarà oggetto di un ulteriore decreto. Le commissioni dovranno anche occuparsi delle procedure deflattive del contenzioso: sarà infatti rafforzata la possibilità di assumere provvedimenti in autotela, e il contribuente potrà fare ricorso alle commissioni per l'impugnazione delle rendite attribuite alle sue proprietà.

Presentazione Autore
Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Nessun commento trovato

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Bamboccioni o precari? Italia prima per giovani che restano in casa con i genitoriBamboccioni o precari? Italia prima per giovani che restano in casa con i genitori
Ben l’80% dei giovani italiani non se ne va dalla casa di mamma e papà prima dei 30 anni. C’entra la crisi, ma non solo  ...
Optional o must have? Quanto è importante internet per chi va a vivere in affittoOptional o must have? Quanto è importante internet per chi va a vivere in affitto
Internet, una dotazione ormai imprescindibile nelle case di moltissimi italiani. Anche se, quando si va a vivere in affitto, soprattutto se...
Catasto: addio vani, i metri quadrati esordiscono nelle visure. Catasto: addio vani, i metri quadrati esordiscono nelle visure.
Per la riforma del Catasto dovremo aspettare ancora, ma intanto i proprietari di immobili potranno beneficiare di una novità che semplificher&...
Milano, nuovo accordo territoriale: nonostante la cedolare al 10% sul concordato, spesso conviene ancora il contratto liberoMilano, nuovo accordo territoriale: nonostante la cedolare al 10% sul concordato, spesso conviene ancora il contratto libero
Spese per la casa, costa meno stare in affitto a canone concordato che in una casa di proprietà con il mutuo Convertire le abitudini, anche...
Spese per la casa, costa meno stare in affitto a canone concordato che in una casa di proprietà con il mutuoSpese per la casa, costa meno stare in affitto a canone concordato che in una casa di proprietà con il mutuo
Una recente indagine della CGIL cerca di fare chiarezza sulla diversa spesa da sostenere per la casa nelle principali città italiane. Sì...