Cerca

Sblocca Italia, arrivano gli sconti per i contribuenti più virtuosi.

by Chiara Bianchi
on Settembre 05, 2014
Visite: 1837

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Nella bozza del decreto Sblocca-Italia sono state inserite alcune misure che prevedono una serie di riduzione delle imposte per i contribuenti in determinate condizioni: dall'esenzione dall'imposta di registro e di bollo a quella della Tasi, vediamo cosa ci aspetta se il decreto diventerà legge.


fiocco casaLe misure contenute nello Sblocca-Italia che prevedono gli sconti o addirittura le esenzioni dalle tasse si configurano come una sorta di premio alle azioni virtuose e alla buona volontà di cittadini, proprietari e inquilini, che si offrono di collaborare con le istituzioni o di rendere un servizio alla società. In pratica l'art. 26 prescrive che saranno esonerati dal pagamento della Tasi quelle "comunità di cittadini, associazioni no profit e rappresentanze economiche che presentano un progetto di riqualificazione consistente nella pulizia della stessa area, nella manutenzione e nell'abbellimento di aree verdi, piazze e strade anche mediante la collocazione di arredo urbano o la realizzazione di eventi".

 
Lo sconto sulla Tasi, in particolare, non ha creato troppe questioni in sede di Consiglio dei Ministri, in quanto non si configura in maniera automatica e comunque la norma non va ad incidere in modo diretto sulle casse dello Stato, trattandosi praticamente di un baratto in natura. Tuttavia resta facoltà dei Comuni decidere, con apposita delibera, per quali servizi, per quanti mesi e in quale percentuale effettuare lo sconto sul tributo. In linea generale, lo sconto dovrà riferirsi ad un periodo limitato di tempo.


Nella bozza del testo era stata inserita anche una esenzione alle imposte di registro e di bollo: in caso di accordo tra proprietario e inquilino finalizzato alla riduzione del canone relativo ad un contratto di affitto, viene introdotta la possibilità di esentare la relativa registrazione dalle imposte di registro e di bollo. Sapremo solo alla fine del lungo lavoro di limatura se nell'ultima versione del decreto verrà mantenuto questo incentivo.

Presentazione Autore
Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Nessun commento trovato

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Aggiornamento Istat: 5 motivi per cui non conviene più adeguare il canone di affittoAggiornamento Istat: 5 motivi per cui non conviene più adeguare il canone di affitto
Certo, a dirla così suona paradossale. Se fino a qualche anno fa non applicare al canone di locazione l’adeguamento Istat poteva suonare...
Tasi 2016: tra abitazione principale del proprietario e dell’inquilino.Tasi 2016: tra abitazione principale del proprietario e dell’inquilino.
Chi paga la Tasi nel 2016? E Quanto? Abbiamo trattato da un po’ nella rubrica di Prima Pagina le novità che la famigerata Legge di...
Imu, Tasi, Tari: i calcoli, le scadenze e le novità per il 2016.Imu, Tasi, Tari: i calcoli, le scadenze e le novità per il 2016.
Le scadenze per il pagamento di Imu, Tasi e Tari. Con l’avvicinarsi del 16 giugno, termine ultimo per il pagamento della prima rata 2016 di Imu...
Morosità nel pagamento dell’affitto, in aumento i proprietari coinvolti. Ma non tutti chiedono lo sfrattoMorosità nel pagamento dell’affitto, in aumento i proprietari coinvolti. Ma non tutti chiedono lo sfratto
Una difficoltà tipica per chi abbia subito la perdita del posto di lavoro è quella legata al pagamento delle spese per la casa. Il...
Fisco immobiliare, la riduzione IMU/TASI del 25% assicura una redditività senza precedenti all’affitto a canone concordatoFisco immobiliare, la riduzione IMU/TASI del 25% assicura una redditività senza precedenti all’affitto a canone concordato
Affittare la propria seconda casa assicura un bel guadagno, ma la vera soddisfazione è sapere di poterci pagare anche poche tasse sopra. Questo...