Cerca

Tasse sulla casa, all’appello mancano almeno 4 miliardi.

by Chiara Bianchi
on Febbraio 18, 2015
Visite: 971

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Quanto ha incassato lo Stato italiano nel 2014 grazie alle tasse sulla casa? Meno di quanto si sarebbe aspettato, a quanto sembra. Dai dati diffusi dal Mef e dall'Agenzia delle Entrate, agli oltre 20 miliardi di gettito riscosso lo scorso anno mancano almeno 4,3 miliardi di euro: a tanto ammonterebbe l'evasione nel settore immobiliare.


imu case estero IVIESono stati presentati ieri insieme al volume "Il patrimonio immobiliare italiano 2012" i dati relativi al gettito delle tasse sul mattone incassato dall'Erario nel 2014. L'Agenzia delle Entrate, in collaborazione con il Ministero delle Finanze, ha elaborato le cifre provenienti dagli incassi di Imu e Tasi: 23,9 miliardi di euro, pressoché le stesse entrate del 2012 (quando la sola Imu aveva prodotto 23,8 miliardi di euro), nonostante l'introduzione delle imposte diversificate nell'ultimo anno. In particolare l'Imu ha generato un gettito di 19,3 miliardi di euro e la Tasi di 4,6 miliardi. Sulla prima abitazione le entrate Tasi-Imu sono scese del 12,6% rispetto al 2012, con 3,5 miliardi versati a fronte dei 4 miliardi dell'annata 2012. I proprietari di prima casa hanno pagato in media 204 euro nel 2014, contro i 227 euro del 2012.

 
L'Agenzia delle Entrate  e il Dipartimento del Tesoro hanno calcolato anche che il tax gap, ovvero la differenza tra il gettito potenziale ricostruito a partire dai dati catastali e quello incassato ad aliquote standard di Imu e Tasi, è pari a 4,272 miliardi di euro, il che comporterebbe una mancanza di liquidi pari al 22,6% del gettito teorico che le Casse dello Stato si aspettavano di incamerare.


E le previsioni per i prossimi anni? Il dubbio si staglia soprattutto relativamente alla riforma del catasto, ma il direttore dell'Agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi, e del Viceministro all'Economia, Luigi Casero, rassicurano sul fatto che il passaggio al nuovo catasto sarà a invarianza di gettito, dunque senza aumenti generalizzati delle entrate, malgrado a livello del singolo contribuente ci sarà chi pagherà di più e chi pagherà di meno.

Presentazione Autore
Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Nessun commento trovato

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Tasi 2016: tra abitazione principale del proprietario e dell’inquilino.Tasi 2016: tra abitazione principale del proprietario e dell’inquilino.
Chi paga la Tasi nel 2016? E Quanto? Abbiamo trattato da un po’ nella rubrica di Prima Pagina le novità che la famigerata Legge di...
Imu, Tasi, Tari: i calcoli, le scadenze e le novità per il 2016.Imu, Tasi, Tari: i calcoli, le scadenze e le novità per il 2016.
Le scadenze per il pagamento di Imu, Tasi e Tari. Con l’avvicinarsi del 16 giugno, termine ultimo per il pagamento della prima rata 2016 di Imu...
Rimborso Imu: le istruzioni per ottenerlo.Rimborso Imu: le istruzioni per ottenerlo.
Come richiedere il rimborso Imu. Con maggio si avvicina il momento di versare le prime rate dell’anno sulle tasse locali Imu, Tasi e Tari; oggi...
Due appartamenti, un contratto, quante agevolazioni?Due appartamenti, un contratto, quante agevolazioni?
Le variabili dell’affitto a canone concordato.   Il contratto a canone concordato incontra sempre più spesso i favori dei...
Fisco immobiliare, la riduzione IMU/TASI del 25% assicura una redditività senza precedenti all’affitto a canone concordatoFisco immobiliare, la riduzione IMU/TASI del 25% assicura una redditività senza precedenti all’affitto a canone concordato
Affittare la propria seconda casa assicura un bel guadagno, ma la vera soddisfazione è sapere di poterci pagare anche poche tasse sopra. Questo...