Cerca

Difficile comprare casa? L’affitto non è più solo temporaneo

by Andrea Saporetti
on Dicembre 03, 2013
Visite: 1393

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

L'analisi Solo Affitti sulle motivazioni che spingono gli inquilini a prendere in affitto la propria abitazione offre uno spaccato del mercato immobiliare italiano. Se anni fa la locazione era per lo più destinata a specifiche fasce di popolazione (studenti universitari e lavoratori fuori sede) o serviva a rispondere ad esigenze di transitorietà degli inquilini, oggi, a causa delle sempre maggiori difficoltà a comprare casa, sta diventando per le famiglie una soluzione abitativa stabile.

Se si pensa all'affitto ci si immagina una fase transitoria della vita di una persona, che per esigenze momentanee debba ricorrere ad un'abitazione "di appoggio", fintanto che non si sia trovata la casa giusta da acquistare e nella quale stabilizzarsi, comprandola.

Oppure, al più, l'attenzione ricade su quei settori della popolazione che hanno motivazioni ben precise per prendere in affitto una casa: un lavoro fuori città che richieda un alloggio durante la settimana lavorativa, oppure un periodo da studente universitario fuori sede.

Ma cosa accade se – come in effetti sta avvenendo – le banche non sono più disposte a concedere mutui alle famiglie con la manica larga di qualche anno fa? E se, di conseguenza, gli acquisti di immobili ad uso residenziale sono ai minimi degli ultimi 30 anni?

Accade che molte più famiglie rispetto al passato si avvalgono dell'affitto come soluzione abitativa stabile, non più solo temporanea.
2013-12 Difficile comprare casa laffitto non è più solo temporaneoIn linea con quanto emerso lo scorso anno, il dato che emerge dall'analisi dell'Ufficio Studi Solo Affitti sulle motivazioni che spingono gli inquilini a richiedere un immobile ad uso abitativo in locazione è chiaro: circa la metà (46,1%) delle richieste di conduttori alle agenzie Solo Affitti delle città capoluogo di regione provengono da persone che non hanno specifiche esigenze di transitorietà, come un lavoro fuori sede (28,9%) o un periodo di studio universitario fuori casa (22,0%).

Si tratta di un fenomeno sociale importante e che, in quanto tale, necessita di essere accompagnato da apposite politiche da parte dello Stato.
Da un lato, occorre trovare una soluzione per chi in affitto ci va ad abitare, ma solo perché vorrebbe acquistare la casa e non può permetterselo. Primi timidi segnali in questo senso sono venuti dal Decreto Legge 31 agosto 2013, n. 102, che ha stanziato risorse a tale fine (60 milioni di euro) e definito nuovi compiti in capo alla Cassa Depositi e Prestiti. La C.D.P., infatti, direttamente oppure tramite acquisto di pacchetti di mutui cartolarizzati dalle banche, potrà stimolare le banche ad erogare alle famiglie mutui per l'acquisto della casa.

Con il medesimo provvedimento, il Governo si è mosso anche per affrontare il secondo nodo, quello legato al sostegno delle persone in affitto. Ha provveduto a rifinanziare con 60 milioni di euro il "Fondo nazionale di sostegno per l'accesso alle abitazioni in locazione", istituito con la Legge 431/98, e ha istituito un nuovo apposito "Fondo nazionale destinato agli inquilini morosi incolpevoli", utilizzabile nei Comuni ad alta tensione abitativa nei quali siano già stati attivati bandi per l'erogazione di contributi a favore degli inquilini che, incolpevolmente e per ragioni di difficoltà economica, rischino di essere sfrattati perché non in grado di pagare il canone di affitto. E sono sempre più, vista la crisi economica.

Primi passi, certamente. A cui si dovrà dare seguito con politiche strutturate e incisive, per accompagnare questo cambiamento del modo di vivere e di abitare degli italiani.

Presentazione Autore
Andrea Saporetti

Laureato in economia, da sempre interessato a qualsiasi cosa sia misurabile. L'innata passione per la statistica e lo stile descrittivo a metà tra il magniloquente ed il prolisso fanno di lui il blogger più alternativo dell'ultimo decennio. L'impegno nel volontariato e la passione per la letteratura russa completano la sua immagine giovane e dinamica.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Nessun commento trovato

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Le 8 cose da sapere sul mercato dell’affitto nel 2016Le 8 cose da sapere sul mercato dell’affitto nel 2016
Canoni di affitto a due velocità tra nord e sud. Va forte l’abbinamento tra cedolare secca e canone concordato. In aumento chi si...
Donald Trump, da immobiliarista a presidente. Una carriera iniziata negli affittiDonald Trump, da immobiliarista a presidente. Una carriera iniziata negli affitti
Breve storia dei brillanti (ma controversi) esordi nel real estate del nuovo presidente degli Stati Uniti   Fresco di laurea, diventò a...
Affitto, la checklist del bravo agente immobiliareAffitto, la checklist del bravo agente immobiliare
Cosa significa qualità del servizio per un’agenzia immobiliare che si occupa di affitti, in 10 semplici regole   Le 10 regole d&...
Negozi, in sei anni la crisi ha ridotto del 30% i canoni di affitto dei locali commercialiNegozi, in sei anni la crisi ha ridotto del 30% i canoni di affitto dei locali commerciali
Cali importanti nei prezzi delle locazioni commerciali, frutto della ridotta richiesta di negozi in affitto che la crisi economica ha portato con s&...
Deposito cauzionale, un confronto a livello europeo sul valore della più comune garanzia per l’affittoDeposito cauzionale, un confronto a livello europeo sul valore della più comune garanzia per l’affitto
Paese per paese, un’analisi di quanto in Europa viene richiesto all’inquilino a titolo di cauzione per i danni a immobile e arredi, ma...