Cerca

Governo Letta: IVA ferma al 21%, priorità assoluta

by Andrea Saporetti
on Giugno 11, 2013
Visite: 1344

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Quando i soldi sono pochi per il Governo la priorità è stabilire le priorità. A quali politiche destinare le poche risorse disponibili, qualora non sia possibile realizzare tutto? BlogAffitto lo ha chiesto ai propri lettori: quale intervento è prioritario, dovendo scegliere tra il rifinanziamento degli ammortizzatori sociali in deroga, l'abolizione dell'IMU sulla prima casa e il mancato adeguamento al rialzo (22%) dell'IVA? Ecco cosa ci hanno risposto!

"Non ci sono soldi da spendere". "Serve un'adeguata copertura finanziaria". "Per reperire le risorse necessarie occorre tagliare da qualche altra parte".

Giulio Tremonti, Domenico Siniscalco, Mario Monti, Vittorio Grilli: Governo dopo Governo, cambia il Ministro dell'Economia e delle Finanze, ma non cambia mail questo concetto. I soldi sono pochi e per attuare politiche economiche che diano respiro alle famiglie è necessario trovare fondi da qualche parte, nel grande calderone del bilancio dello Stato. Cosa non facile, perché è quasi scontato che, nello spostare qualche centinaio di milioni di euro da una parte all'altra, qualcuno trovi da ridire.

E così anche Fabrizio Saccomanni, cui è stato affidato il cordone della borsa dei conti pubblici dal premier Letta, è cauto sulle possibilità di attuare misure per il rilancio dell'economia del nostro Paese. Sebbene le giudichi fondamentali, tiene comunque a precisare che non permetterà lo sforamento del tetto del 3% del deficit pubblico, come l'Europa ci richiede.

2013-06 Governo Letta Iva ferma al 21 priorità assolutaCerte scadenze sono dietro l'angolo. Il Ministro per le Infrastrutture, Maurizio Lupi, ha sollecitato un intervento del Governo volto a rinviare a dicembre l'aumento al 22% l'aliquota IVA, che la Legge di Stabilità dello scorso dicembre ha previsto invece innalzarsi di un punto percentuale dall'attuale 21%, a partire dal 1° luglio 2013.

Tempi stretti, tenendo conto che a maggio è stata solo rinviata un'altra importante scadenza: il pagamento dell'acconto IMU per le prime case. Il pagamento dell'imposta sulle prime case è stato per il momento solo sospeso da parte del Governo: tuttavia, se nel frattempo non si troveranno risorse per coprire stabilmente quel mancato gettito, a dicembre saremo di nuovo di fronte all'IMU prima casa.

A maggio è invece stata trovata la copertura per gli ammortizzatori sociali in deroga (quella che veniva, prima della riforma Fornero, chiamata "Cassa integrazione Guadagni Straordinaria"): altro tema di grande interesse, visto che i fondi disponibili in molte Regioni stavano per esaurirsi già prima dell'estate.

Tante cose da fare, pochi soldi per farle. Qual è la priorità, secondo i lettori di BlogAffitto?

Il sondaggio che abbiamo lanciato parla chiaro: il mantenimento dell'IVA al 21% deve essere il primo pensiero per il Governo Letta. Ben il 53,7% dei votanti teme i rincari degli acquisti e vorrebbe non subire un ulteriore aumento, dopo quello dello scorso anno dal 20% al 21%.
Meno prioritario, seppure importante, è il rifinanziamento degli ammortizzatori sociali in deroga. Il Governo, in questo caso, è comunque già intervenuto con risorse fresche, vista la particolare urgenza del provvedimento.

Importante, ma non prioritaria, appare l'abolizione dell'IMU sulla prima casa. Certo, permetterebbe uno sgravio notevole alle famiglie, ma tante sono escluse (quelle che vivono in affitto, ad esempio) e diverse altre non hanno risentito particolarmente sul proprio bilancio familiare dell'odiato balzello.

Sulle priorità che debba darsi il Governo Letta i nostri lettori hanno scelto...Avanti con il prossimo sondaggio!

http://www.blogaffitto.it/poll/14-incentivi-per-far-ripartire-l-economia-oltre-a-quelli-recentemente-introtti-quali-settori-sarebbero-da-sostenere

 

Presentazione Autore
Andrea Saporetti

Laureato in economia, da sempre interessato a qualsiasi cosa sia misurabile. L'innata passione per la statistica e lo stile descrittivo a metà tra il magniloquente ed il prolisso fanno di lui il blogger più alternativo dell'ultimo decennio. L'impegno nel volontariato e la passione per la letteratura russa completano la sua immagine giovane e dinamica.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Nessun commento trovato

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Tasi 2016: tra abitazione principale del proprietario e dell’inquilino.Tasi 2016: tra abitazione principale del proprietario e dell’inquilino.
Chi paga la Tasi nel 2016? E Quanto? Abbiamo trattato da un po’ nella rubrica di Prima Pagina le novità che la famigerata Legge di...
Imu, Tasi, Tari: i calcoli, le scadenze e le novità per il 2016.Imu, Tasi, Tari: i calcoli, le scadenze e le novità per il 2016.
Le scadenze per il pagamento di Imu, Tasi e Tari. Con l’avvicinarsi del 16 giugno, termine ultimo per il pagamento della prima rata 2016 di Imu...
Rimborso Imu: le istruzioni per ottenerlo.Rimborso Imu: le istruzioni per ottenerlo.
Come richiedere il rimborso Imu. Con maggio si avvicina il momento di versare le prime rate dell’anno sulle tasse locali Imu, Tasi e Tari; oggi...
Due appartamenti, un contratto, quante agevolazioni?Due appartamenti, un contratto, quante agevolazioni?
Le variabili dell’affitto a canone concordato.   Il contratto a canone concordato incontra sempre più spesso i favori dei...
Fisco immobiliare, la riduzione IMU/TASI del 25% assicura una redditività senza precedenti all’affitto a canone concordatoFisco immobiliare, la riduzione IMU/TASI del 25% assicura una redditività senza precedenti all’affitto a canone concordato
Affittare la propria seconda casa assicura un bel guadagno, ma la vera soddisfazione è sapere di poterci pagare anche poche tasse sopra. Questo...