Cerca

Lotta all’evasione, emerse 1,2 milioni di case fantasma

by Andrea Saporetti
on Ottobre 08, 2013
Visite: 1212

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il Governo guarda alla Legge di stabilità, con un occhio al rilancio dei consumi e l'altro al portafoglio vuoto. Come ogni autunno, la fiscalità è al centro dei lavori parlamentari e, come ogni autunno, tutti sono in cerca di risorse da destinare alle coperture di bilancio e alle politiche di incentivo alla crescita economica. Ci sono buone notizie sul fronte del recupero dell'evasione, grazie ad una vasta operazione condotta sulle case fantasma dall'Agenzia delle Entrate dal 2010 ad oggi.

Fiducia riconfermata al Governo. È quindi alle porte il solito autunno caldo per la politica italiana.

Il classico momento dell'anno nel quale ci si deve concentrare sulla Legge di stabilità. Come ogni autunno, quindi, è caccia alle risorse da mettere sul piatto per poter evitare di disattendere agli impegni presi con l'Europa (seppure di poco, occorrerà riassestare il bilancio pubblico per non sforare il tetto del 3% nel rapporto deficit/PIL) e per definire nel concreto le azioni da mettere in atto sul fronte fiscale.

Fiscalità che mai come quest'anno guarda dritto al settore immobiliare: dopo aver scongiurato la prima rata dell'Imu (decreto, peraltro, ancora da convertire in legge) e aver ridotto la cedolare secca sulle locazioni per i contratti a canone concordato dal 19% al 15%, i capitoli in attesa di essere affrontati sono innumerevoli. Dalla seconda rata Imu per il 2013 alle difficoltà applicative della Tares (che, a prescindere dalle decisioni dei vari Comuni sulla sua eventuale partenza nel 2014, prevederà una quota di maggiorazione da indirizzare allo Stato già dal 2013). E poi, ovviamente, la riforma di questi due strumenti fiscali, che prenderà il nome di "Service Tax". Senza dimenticare la dichiarata intenzione di risistemare nel suo complesso l'Iva, nel frattempo cresciuta al 22% limitatamente alla sua aliquota più elevata; e le imposte di registro, che hanno subito di recente un aggiustamento al rialzo, seppure con decorrenza fissata al 1° gennaio 2014.

2013-10 Lotta all evasione emerse 1 2 milioni di case fantasmaVisti i tantissimi capitoli aperti, saranno senza dubbio gradite le buone notizie che giungono dal fronte immobiliare della lotta all'evasione fiscale. Si è infatti chiusa l'ultima fase di una vasta attività di controllo condotta dall'Agenzia delle Entrate dal 2010 ad oggi, che ha portato nel suo complesso all'emersione di oltre 1,2 milioni di case-fantasma. Come evidente dall'immagine, sono la Sicilia e la Campania a farla da padrone, in questa per nulla ambita classifica regionale.

Il controllo, che ha richiesto l'incrocio delle mappe catastali con quelle prodotte grazie alle fotografie aeree rese disponibili dall'Agea (Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura), ha portato all'individuazione di immobili costruiti e mai dichiarati al Fisco per una complessiva rendita catastale di 825 milioni di euro, tra rendite presunte e rendite certe (in quanto dichiarate da chi aveva nascosto l'esistenza degli immobili, una volta contestatagli la mancata segnalazione).

Operazione, questa, ad elevato valore per l'Erario: le casse dello Stato potranno contare su maggior gettito stimato dal Dipartimento delle Finanze di circa 589 milioni: 444 milioni di euro per Imu non versata, 137 milioni di euro tra Irpef e cedolare secca evase, 7,5 milioni di euro di imposta di registro sui contratti di locazione non registrati.

Dopo la maxi-operazione di contrasto all'evasione fiscale sugli affitti in nero condotta dalla Guardia di Finanza a Roma, altre buone notizie per quanto riguarda il contrasto all'evasione fiscale legata alla casa. Nel settore immobiliare, passa anche dal recupero del nero la possibilità di alleggerire la tassazione a vantaggio dei cittadini.

Presentazione Autore
Andrea Saporetti

Laureato in economia, da sempre interessato a qualsiasi cosa sia misurabile. L'innata passione per la statistica e lo stile descrittivo a metà tra il magniloquente ed il prolisso fanno di lui il blogger più alternativo dell'ultimo decennio. L'impegno nel volontariato e la passione per la letteratura russa completano la sua immagine giovane e dinamica.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Nessun commento trovato

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Fisco immobiliare, la riduzione IMU/TASI del 25% assicura una redditività senza precedenti all’affitto a canone concordatoFisco immobiliare, la riduzione IMU/TASI del 25% assicura una redditività senza precedenti all’affitto a canone concordato
Affittare la propria seconda casa assicura un bel guadagno, ma la vera soddisfazione è sapere di poterci pagare anche poche tasse sopra. Questo...
Catasto: addio vani, i metri quadrati esordiscono nelle visure. Catasto: addio vani, i metri quadrati esordiscono nelle visure.
Per la riforma del Catasto dovremo aspettare ancora, ma intanto i proprietari di immobili potranno beneficiare di una novità che semplificher&...
Local Tax e taglio della Tasi per le prime abitazioni: a settembre arriva la riforma delle tasse sulla casa. Local Tax e taglio della Tasi per le prime abitazioni: a settembre arriva la riforma delle tasse sulla casa.
Mentre Confedilizia snocciola gli ultimi dati negativi sulla fiscalità legata alla casa che vedono l'Italia a un livello di tassazione degli...
Riforma del Catasto bloccata per il rischio salasso nella tassazione locale sugli immobili.Riforma del Catasto bloccata per il rischio salasso nella tassazione locale sugli immobili.
A che punto siamo rimasti con la Riforma del Catasto? Dopo l'approvazione dei primi due decreti attuativi, quello sulle commissioni censuarie e quello...
Cedolare secca, sono sempre di più i proprietari a basso reddito a sceglierla per l’affittoCedolare secca, sono sempre di più i proprietari a basso reddito a sceglierla per l’affitto
Che la crescita della cedolare secca e del numero di contratti di affitto in Italia siano fenomeni tra loro correlati è ormai chiaro. La cedolare,...