Cerca

Perditempo o inquilino interessato?

by Carla Di Leonardo
on Ottobre 10, 2016
Visite: 870

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 
Evitare inquilini perditempo

Mettiamola così: sarebbe buona norma imparare a valutare, nei diversi ambiti delle nostre relazioni umane e commerciali, se la persona che abbiamo di fronte ci sta solo facendo perdere tempo. Lo stesso dicasi quando parliamo di immobiliare in generale e, più specificatamente, di affitti come nel nostro caso.

 

In concreto: hai una casa, un ufficio o un negozio da affittare e vieni contattato da potenziali inquilini o sedicenti tali. Lontani parenti, amici di amici, conoscenti del portiere o ex compagni di scuola dell’amministratore. Ognuno si dichiara «interessatissimo». Tu, che hai fretta di concludere e sei ottimista di natura, li prendi tutti per buoni. Loro, nella maggior parte dei casi, ti prendono invece per il naso.

 COME SI FA A DISTINGUERE UN PERDITEMPO DA UN INQUILINO VERAMENTE INTERESSATO?

 

  • Se non ha nemmeno visto casa non può essere interessato

Ovvio, no? Talmente banale che non dovremmo nemmeno parlarne. Eppure mi tocca farlo.

Come puoi pensare che qualcuno sia davvero interessato a casa tua se non l’ha nemmeno vista? Non sa nemmeno se è vuota o arredata. Gli è stata descritta per sommi capi da qualcun altro e tu sei disposto a credere che possa essere un interlocutore valido con cui avviare una trattativa?

Mettiamola così: ti fidanzeresti con un’amica di tua cugina, descritta come carina e simpatica, senza averla mai vista nemmeno in fotografia? No, eh?

Ecco, lo stesso vale per casa tua. Prima fagliela vedere, poi ne riparliamo.

Per inciso: lo stesso discorso vale per quell’agente immobiliare poco serio che ti contatta proponendoti già un inquilino che, a suo dire, è perfetto per casa tua e la prenderebbe in affitto di sicuro. Peccato che il tal agente, professionista sedicente, casa tua non l’ha vista nemmeno col binocolo.

  • Se parlate di tutto tranne che del prezzo non è una trattativa ma una perdita di tempo

Serve aggiungere altro? Lo so, parlare di prezzo non è sempre facile, specie se devi farlo con il diretto interessato. Ma il canone non è un dettaglio.

Se raggiungi un fantastico accordo con la controparte parlando solo di contratti, decorrenza, quali mobili togliere e quali lasciare e senza mai accennare al prezzo d’affitto hai solo perso tempo. Sembra una barzelletta ma non lo è. Succede più spesso di quanto immagini.

Tu proprietario hai in mente un canone ben preciso – quello di mercato o comunque quello che vorresti realizzare – e dai per scontato che il tuo interlocutore abbia in mente la stessa cifra e conosca i prezzi di mercato. Dammi retta, vai al sodo e non perdere tempo.  Che senso ha parlare di questioni secondarie se manca l’accordo sul conquibus? Il canone è la prima cosa di cui discutere.

                                                             

  • L’interesse è immediato e non posticipato

Chi cerca casa e ha davvero voglia di concludere lo fa in tempi relativamente brevi. Di solito ha delle tempistiche ben precise – un contratto in scadenza, un trasferimento per motivi di lavoro o di studio ecc… - e per questo concentra i suoi sforzi per trovare la soluzione migliore tra quelle disponibili.

Il potenziale inquilino che ti tiene sulla corda per settimane non è un inquilino potenziale.

 

  • Se non c'è impegno non è vero interesse

Ti svelo un segreto. Noi addetti ai lavori definiamo interessato solo colui che ha formulato una proposta di locazione. Ovvero qualcuno che ha messo nero su bianco, per iscritto, le condizioni a cui è disposto a concludere un contratto. Non solo. Ha anche versato una caparra confirmatoria, rafforzando così il suo impegno.

Tutti gli altri sono potenziali inquilini.

Quindi, se il tuo interlocutore chiacchiera ma non quaglia, stai in campana perché potresti trovarti con un pugno di mosche in mano.

Le trattative, anche per l’affitto, si gestiscono in maniera seria e professionale, con accordi chiari e ben scritti. Non pensare che siano facili e senza rischi: molte controversie nascono proprio da una gestione superficiale e non professionale della negoziazione. 

Presentazione Autore
Carla Di Leonardo

Da studentessa fuori sede in cerca di casa a Bologna ad imprenditrice a Roma, composta ed imperturbabile al lavoro ma Agente Irriverente sul Blog, l’eclettismo è il suo mestiere, il nonprendersitropposulserio una professione di fede, perché se l’ironia non può salvare il mondo almeno l’autoironia può salvare noi stessi. Sedotta dallo yoga e dalla saggezza popolare è convinta che i problemi vadano affrontati dopo un respiro profondo ed una sana dormita, perché si sa, “la notte porta consiglio”…


Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Il social network immobiliare e la Casa 2.0Il social network immobiliare e la Casa 2.0
Prendete due inquilini, scelti attraverso un casting on line, metteteli per 10 giorni in una casa di vetro in centro a Milano ed osservateli mentre...
La vera essenza di una professioneLa vera essenza di una professione
Ritorno al futuro: dall’agente immobiliare al mediatore, è tempo di recuperare la vera essenza di una professione...   Dopo le...
Sconto sugli annunci di affitto: trattare funziona!Sconto sugli annunci di affitto: trattare funziona!
In tempo di tagli alle voci del bilancio familiare, chi è alle strette fa attenzione a tutto: bollette, benzina, alimentari e naturalmente le spese...
Analisi Solo Affitti, stabili i tempi per le trattative.Analisi Solo Affitti, stabili i tempi per le trattative.
Nel 2013 si è perso un pò meno tempo nella ricerca della casa da affittare, soprattutto nelle zone semicentrali delle città che offrono il miglior...