Cerca

Affitto negozio: nuovo regime fiscale, ma contratto storico.

Novità della cedolare secca sui negozi, ma per un contratto di affitto ormai datato.

Possiamo dire che la notizia dell’introduzione della cedolare secca ha fatto molto rumore e l’effetto è amplificato dall’eco del silenzio di un mercato, quello degli affitti commerciali, in cui non succede nulla da tempo. La normativa, infatti, sulla cui base si vanno a stipulare i contratti per i negozi, ha più di 40 anni e limita fortemente la libera contrattazione tra le parti. Una bella novità nel settore era, per questo, molto attesa e trova intorno una grande curiosità e voglia di pensare che ci sia l’attenzione e la voglia di “rianimare” anche questo comparto degli affitti, un po’ una "Cenerentola" confronto agli affitti abitativi, in continua crescita negli ultimi anni.

Leggi tutto

Negozi, con la cedolare secca al 21% la ripresa accelera

Una misura a sostegno dell’affitto dei negozi, mercato che nel 2018, per la prima volta dopo diversi anni, ha visto crescere sia canoni che numero transazioni.

 

Si tratta della grande novità 2019 per il mercato immobiliare: la tanto attesa cedolare secca al 21% per l’affitto dei negozi. Una nuova, interessante, opportunità fiscale che viene offerta ai proprietari di negozi sfitti, con un risparmio medio annuo calcolato dall’Ufficio Studi Solo Affitti attorno ai 1.450€ per un locale affittato al canone medio dello scorso anno nelle principali città, 830€ mensili. Può essere la svolta per il mercato dell’affitto dei negozi, che sta uscendo da una lunga fase di difficoltà legata alla congiuntura economica negativa?

Leggi tutto

È legge la cedolare secca sui negozi: come funziona?

Introdotta la cedolare secca per gli affitti commerciali: da promessa a realtà.


Dopo tanto chiedere, parlare, scrivere, ecco che la Legge di stabilità 2019 ha introdotto realmente e concretamente la possibilità., per i proprietari privati, di applicare il regime fiscale della cedolare secca anche per i redditi di locazione derivante dall’affitto di immobili commerciali e non più solo per quelli abitativi, come già accadeva dal 2011. Ma le differenze tra come applicare la cedolare nel caso di affitti abitativi e quelli commerciali sono molte. Di fatto possiamo dire che nonostante la richiesta fosse stata avanzata da tempo, l’accoglienza di tale richiesta ha comunque sorpreso molti e nonostante tutto deluso altrettanti fautori dell’iniziativa.

 

Leggi tutto

Cedolare secca per i negozi, quanto si risparmia?

Una mappa del risparmio fiscale che l’introduzione della cedolare secca sui negozi consentirà ai proprietari, se il governo inserirà la norma in Legge di Stabilità 2019

Leggi tutto

Negozi, in sei anni la crisi ha ridotto del 30% i canoni di affitto dei locali commerciali

Cali importanti nei prezzi delle locazioni commerciali, frutto della ridotta richiesta di negozi in affitto che la crisi economica ha portato con sé. Dato senza dubbio negativo, quello sul crollo dei canoni di affitto dei negozi, che tuttavia nasconde anche interessanti opportunità. Il minor costo degli affitti costituisce indubbiamente un vantaggio per chi è in cerca di un locale commerciale per la propria attività, così come per i negozianti in cerca di un immobile più economico o meglio posizionato rispetto a quello in uso.

Leggi tutto

Commercio, rinunciare al locale non è l’unico modo per far quadrare i conti. In crescita bar, ristoranti e hotel

Scegliere di aprire un’attività di commercio ambulante è l’unica via per far andare bene un’attività commerciale? Sono in crescita gli imprenditori che scelgono di ospitare la propria attività in una bancarella, in particolare nelle città principali, dove i costi di un locale commerciale possono essere proibitivi. Ma non dappertutto è così, anzi. L’analisi Confcommercio rileva che l’unico settore di attività cresciuto per numero di imprese è quello della ricettività e della ristorazione. Segno che l’affitto di un locale commerciale con passaggio e visibilità non è per forza solo un costo, ma può essere la migliore fonte di ricavo.

Leggi tutto

4 ragioni per introdurre cedolare secca e canone concordato anche per l’affitto dei negozi

Ripresa. Se ne parla tanto, ma senza un nuovo slancio dei consumi interni, l’export da solo non basta. Serve ridare movimento agli affari delle imprese sul territorio, così come serve riaprire le tante botteghe e le moltissime attività commerciali dei nostri centri urbani. Per stimolare il commercio e il rifiorire dei negozi di vicinato una soluzione ci sarebbe: riproporre i positivi esperimenti fatti nel campo dell’affitto residenziale, ovvero cedolare secca e canone concordato, anche sul settore commerciale. Vediamo i possibili vantaggi di questa operazione.

Leggi tutto

Negozi e uffici, ancora in calo gli affitti nel 2014. Ma non ovunque...

Negli ultimi cinque anni i canoni di locazione derivati dall'affitto di negozi hanno subito un vero e proprio tracollo: -26%. Nel 2014 tendono verso la stabilità i prezzi degli uffici, che fanno registrare un -0,4%. I dati sono contenuti nel report sulla locazione in Italia nel 2014 realizzato da Solo Affitti con la collaborazione scientifica di Nomisma.

Leggi tutto

Vendite di immobili per aziende ancora ferme. Affitto e leasing valide alternative

Anche se segnali di ripresa, seppure ancora timidi e contraddittori, cominciano a manifestarsi, solo un contesto economico che restituisca fiducia agli imprenditori può far tornare al segno più le compravendite di negozi, uffici, laboratori artigianali e capannoni industriali. Sono leasing e affitto, in questo momento, le soluzioni più adatte ad affrontare questa fase di incertezza. Riduzione degli investimenti fissi, proposte immobiliari disponibili in zone un tempo impossibili e canoni di affitto decisamente inferiori rispetto ad alcuni anni fa: dalle soluzioni alternative all'acquisto ripartirà il settore immobiliare dedicato alle aziende.

 

Leggi tutto

Slitta a ottobre la Tasi per le seconde case e gli immobili commerciali nei Comuni in cui manca la delibera.

Le seconde case e gli immobili commerciali siti nei Comuni che non hanno ancora definito le aliquote Tasi vedranno slittare il pagamento della prima rata al 16 ottobre. Una proroga che, secondo l'ultimo censimento, riguarda circa seimila Comuni. Per le prime case, dove manchi la delibera comunale, resta invece l'indicazione di saldare tutto nell'unica rata di dicembre.

Leggi tutto

Banche: la cura dimagrante degli sportelli e i tanti immobili difficili da ricollocare

Anche le banche tirano la cinghia. Sono finiti i tempi delle aperture di massa, in cui si poteva trovare uno sportello bancario quasi affiancato ad un altro e, non appena uno si liberava c'era la corsa tra i vari istituti per accaparrarselo. Rispetto ai 32.800 sportelli bancari operativi nel 2007, oggi sono già oltre 800 quelli che hanno abbassato la saracinesca e, in cinque anni, altri 1.500 sono previsti in chiusura. Tanti negozi di cui le banche dovranno disfarsi. Ma affittarli non sarà per nulla facile: vediamo perché.

 

Leggi tutto

Allarme tassazione immobiliare, nel 2014 gli italiani sborseranno 32,5 miliardi di euro.

La Cgia di Mestre lancia l'allarme sulle spese da sostenere nel 2014 per la casa: i proprietari di immobili pagheranno 4,6 miliardi di euro in più rispetto al 2014, mentre il resto degli italiani, tra Imu, Tasi e Tari, sborseranno 32,5 miliardi.

Leggi tutto

La proposta anticrisi di Confabitare: affitti a canoni concordati anche per i negozi.

Sono 600 mila i negozi che, nel corso del 2013, sono rimasti sfitti. Ce ne accorgiamo ogni giorno, girando per le strade della nostra città, dove è sempre più facile imbattersi in cartelli con le scritte "Affittasi" o "Vendesi". Confabitare propone la sua ricetta contro la crisi: contratti a canone concordato anche per i negozi.

Leggi tutto

Immobiliare, il 2013 si chiude ancora in negativo ma ci sono lenti segnali di ripresa.

Il mercato immobiliare 2013 sembra chiudersi con un'attenuazione della flessione registrata nel 2012, e con un possibile miglioramento per il 2014, grazie soprattutto ai segnali positivi che provengono dal fronte mutui. Ma per gli operatori la crisi non è ancora finita.

Leggi tutto

Stock immobiliare italiano, online i nuovi dati del catasto.

L'Agenzia delle Entrate ha pubblicato le statistiche catastali aggiornate al 31 dicembre 2012, oltre 72 milioni di immobili o loro porzioni, divisi per province e capoluoghi italiani, tipologia, consistenza e rendita catastale.

Leggi tutto

Seconda rata Imu, chi paga?

I Comuni hanno tempo fino al 30 novembre per deliberare i propri bilanci e quindi per decidere le aliquote per la raccolta sui rifiuti e sull'Imu. E mentre il premier si affretta a confermare la cancellazione del saldo Imu di dicembre per le prime case, c'è tutta una serie di contribuenti che si prepara all'esborso della seconda rata, anche se non sa ancora quanto dovrà pagare.

Leggi tutto

Locali commerciali, affitto soluzione preferita

Crisi, crisi, crisi. Ma sono pur sempre oltre 380.000 le imprese nate nel 2012, secondo una recentissima indagine condotta da Tecnoborsa sulle imprese e il mercato immobiliare dedicato alle aziende in Italia. L'affitto rimane la soluzione preferita per chi apre una nuova attività, così come per chi decide di cambiare locale per sfruttare il momento di canoni bassi. E meno di 1/4 delle aziende che oggi decidono di trasferirsi in una nuova sede valuta l'acquisto.

Leggi tutto

Buonentrata e buonuscita: il commercio dei negozi.

La prima scelta per chi decide di aprire un'attività è quella di selezionare la location giusta e adatta. Il sogno di aprire nella "via dello struscio" si scontra spesso con la realtà di un business tutto particolare per il quale i proprietari dei negozi nelle vie principali chiedono una buona entrata per concedere in affitto il proprio immobile. È un business legale?

 

Leggi tutto

Buonentrata e buonuscita: il commercio dei negozi.

La prima scelta per chi decide di aprire un'attività è quella di selezionare la location giusta e adatta. Il sogno di aprire nella "via dello struscio" si scontra spesso con la realtà di un business tutto particolare per il quale i proprietari dei negozi nelle vie principali chiedono una buona entrata per concedere in affitto il proprio immobile. È un business legale?

 

Leggi tutto

Negozi sfitti? I Comuni non ci stanno!

E' l'ultimo report di Exane, società di investimenti francese, a lanciare un nuovo allarme per il real estate europeo, in particolar modo sui rischi che corre il comparto degli immobili commerciali. Ma in Italia i Comuni non restano con le mani in mano, e cercano di ridare vita ai centri storici con iniziative a favore dei negozi sfitti.

Leggi tutto

Iniziative a favore dei centri storici

Chi fa da sé, fa per tre. Devono aver pensato questo i protagonisti delle due case history di cui andiamo a parlare, che hanno cercato una soluzione per far rivivere i negozi sfitti del centro storico dei loro Comuni.

Leggi tutto

Saldi e nuova location: come ti rilancio il negozio!

È partita in tutta Italia la stagione dei saldi. Vera boccata d'ossigeno per i fatturati dei negozianti che, alle prese con le ultime tasse introdotte dal Governo, possono far quadrare i conti della propria attività. E per chi ha deciso di riposizionarsi, sfruttando il calo degli affitti e i tanti locali vuoti, il 2013 parte col piede giusto.

Leggi tutto

La seconda vita dei centri storici

Non serve seguire la stampa immobiliare: basta fare un giro nelle piazze e nelle vie delle città e dei piccoli paesi della nostra bella Italia, per accorgerci che c'è qualcosa che non va. I centri storici si stanno spopolando, soffocati dall'espansione urbana, dagli affitti troppo alti, dalla mancanza di parcheggi e servizi. Ma c'è qualcuno che sta correndo ai ripari. Ecco la case history di due città romagnole.

Leggi tutto

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto